LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ritorno in classe, lite sul plexiglass. Orari flessibili e didattica nei musei
Gianna Fregonara
Corriere della Sera 6/6/2020

Scontro alla Camera sulle regole per la maturità e per i concorsi, striscione della Lega: Azzolina bocciata. Ma entro domani è atteso il sì al decreto In settimana dovrebbero arrivare nuove soluzioni sul rientro a settembre

Il decreto scuola che contiene le regole per la maturità e le nuove disposizioni per i concorsi arranca alla Camera per lostruzionismo delle opposizioni: potrebbe essere votato oggi o al massimo domani dopo due notti di seduta ad oltranza, litigi, rivendicazioni, persino uno striscione leghista (Azzolina bocciata) srotolato in Aula in una bagarre che non risparmia nessuno. È lultimo atto prima della chiusura di questanno scolastico, ma segna lo stato dei rapporti tra maggioranza e opposizione in vista delle scelte per lavvio del prossimo. La definizione delle regole per il ritorno in classe a settembre è faticosa: la settimana prossima il ministero dellIstruzione dovrebbe pubblicare le linee guida per i diversi scenari sanitari e avviare i tavoli regionali per preparare le soluzioni pratiche per la riapertura.
Aggiustamenti

Rispetto alle prime indicazioni dei giorni scorsi ci sono già molte precisazioni e anche cambiamenti: la ministra Lucia Azzolina vorrebbe tentare di non dividere più le classi in due o più gruppi come si era ipotizzato. I presidi potranno usare la flessibilità della lunghezza delle lezioni che potrebbero ridursi fino a 40-45 minuti e lo scaglionamento degli ingressi a scuola, soprattutto alle superiori: nelle scuole ci saranno così meno studenti in contemporanea. E in classe, per far stare tutti gli alunni in unaula anche se sono più di 15, si potranno sistemare i divisori in plexiglass, di cui la ministra ha parlato nella riunione a Palazzo Chigi laltra sera. Una soluzione alla coreana, già pronta in alcune scuole, come lartistico Manzù di Bergamo che ha allestito i banchi con tre pareti divisorie: la scatola di plexiglass potrebbe diventare alternativa alluso della mascherina in classe, che ha già suscitato molti dubbi. Permetterebbe di ridurre il distanziamento tra i ragazzi ora previsto ad almeno un metro e di usare in sicurezza i banchi doppi che ci sono in moltissime scuole. Lunedì il Comitato tecnico scientifico del ministero della Sanità, che ha già informalmente fatto sapere che sono una buona alternativa alle altre misure di distanziamento, metterà nero su bianco le sue indicazioni. Poi lInail dovrà spiegare come, di che forma e misure, dovranno essere i divisori.
Esperti divisi

Ma intanto lidea ha diviso psicologi, esperti e politici. Se Salvini parla di follia, sono dubbiosi anche i componenti della Commissione Bianchi, instituita al Miur poco più di un mese fa per fare proposte sul riavvio della didattica: Spero sia una soluzione pensata per livelli di emergenza molto alti dice Giulio Ceppi, ricercatore del Politecnico di Milano . È una proposta del Comitato tecnico-scientifico, non nostra. Noi, come commissione, abbiamo suggerito di giocare su tre piattaforme parallele a seconda del rischio. Di fronte al virus ci vuole un modello di didattica dinamico, flessibile non il plexiglass. Meglio altre scelte secondo la Commissione Bianchi, che Azzolina vedrà nei prossimi giorni anche per provare a stemperare lirritazione degli esperti, che non hanno avuto per ora riscontro del lavoro svolto. Tra le loro proposte cè quella di ridurre lorario (e i programmi formali) e accogliere gli studenti anche fuori da scuola per una didattica integrativa in musei, cortili e altri spazi.

Contro i divisori tra bambini sono anche psicoterapeuti delletà evolutiva del calibro di Alberto Pellai:Pensare ai bambini dentro a gabbie di plexiglass mi fa rabbrividire, è come vederli al guinzaglio o con la museruola. Più possibilista Maria Rita Parsi, psicoterapeuta e componente dellOsservatorio per infanzia e adolescenza: È un rimedio. Se veicolato responsabilizzando i ragazzi al rispetto delle regole e rendendo i giovani protagonisti dellincarcerazione e abbattimento del virus, non è negativo. Anche i presidi, per bocca del presidente dellAnp Antonello Giannelli, sostengono lidea delle mini pareti in plexiglas, ma contemporaneamente chiedono più investimenti e più assunzioni.
Lo sciopero

Il plexiglass o altri dispositivi per il distanziamento come la visiera per i docenti non sono la soluzione per tutti i problemi. I sindacati che hanno confermato lo sciopero di lunedì continuano a chiedere assunzioni. Non ci saranno piani straordinari, ma al ministero si comincia a fare qualche conto sulla possibilità di aumentare lorganico in materne e elementari e per lassunzione dei bidelli.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news