LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. De Divitiis: i tavolini a Santa Chiara? Un oltraggio senza motivazioni
Natascia Festa
Corriere del Mezzogiorno - Campania 6/6/2020

La presidente del Fai: non vorrei si creasse un precedente

Napoli. «Il monastero di Santa Chiara è un luogo del cuore – dice Maria Rosaria de Divitiis, presidente del Fai Campania — non è solo un pezzo di centro storico, è un simbolo della città. Considerarlo un fondale qualsiasi davanti al quale disporre tavolini di un bar francamente mi sembra un oltraggio». Già soprintendente archivistica ed esperta di beni culturali, la studiosa commenta con forte preoccupazione la comparsa di sedute esterne e ombrelloni nello spazio prospiciente al sacrato. «Credo non ci sia nessun motivo per giustificare questo oltraggio. La pandemia non può essere una motivazione. E spiego: se quel bar avesse avuto in passato uno spazio esterno per accogliere gli avventori e siffatto spazio dopo l’emergenza fosse stato raddoppiato forse si potrebbe anche accettare. Ma lì i tavolini non ci sono mai stati: non c’è un numero di posti da recuperare, ma solo un precedente da creare». Cosa teme? «Innanzitutto che profanata Santa Chiara non ci sia più limite alcuno all’invasività del food e poi che l’ombrellone e le sedie restino ben oltre Natale che dovrebbe essere il limite previsto».

Eppure le grandi capitali europee, da Parigi in poi, sono traboccanti di tavolini all’aperto. «Prendiamo in considerazione i boulevard: hanno una morfologia che ben consente le sedute all’aperto. Ma Santa Chiara non è il Lungomare, ci muoviamo in un reticolo di strade dove la più moderna è del Cinquecento. So bene che quello slargo interno al monastero è di pertinenza comunale ma io sollevo una questione di opportunità. La città non può essere trasformata in una grande trattoria all’aperto. Siamo in un centro storico protetto dall’Unesco che ne ha fatto un Patrimonio dell’Umanità. E sa dov’è l’insegna che lo ricorda? Sui cassonetti dell’immondizia davanti al liceo Genovesi». Un caso? «Una metafora di quanta cura si abbia nei confronti dei beni culturali della città. Nel mondo, quando si dice Napoli c’è sempre qualcuno che inizia a canticchiare la celeberrima canzone dedicata a Santa Chiara. Non solo. Di fronte al monastero c’è Palazzo Filomarino e l’Istituto per gli studi storici fondato da Benedetto Croce che proprio lì abitava. Si tratta di un tratto topografico ad altissima densità culturale. Non c’è bisogno di doversi sedere per forza lì. Basta fare pochi metri e piazze e piazzette sono piene di tavolini ovunque. Anche troppo. Ormai i marciapiedi sono invasi completamente e c’è anche chi mangia nel traffico. E le norme igieniche?». Ma il turismo è lavoro: «Si deve fare con decoro e misura però».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news