LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Opere dai musei alle chiese. Meglio il buonsenso delle trovate artificiose
Roberto Barzanti
Corriere Fiorentino 6/6/2020

Se assunta come regola generale l’intenzione abbozzata da Erike Schmidt, il loquace direttore degli Uffizi, di «restituire» la Pala Rucellai di Duccio alla sua primitiva collocazione in Santa Maria Novella provocherebbe uno sconquasso di incalcolabile portata. Siccome a pronunciarla è stato il presidente del Fondo Edifici di Culto, proprietario di oltre 800 chiese italiane, sarebbe stata opportuna un’avveduta prudenza. E non solo per il conflitto di interessi che si delinea, ma perché la questione si inserisce in problematiche di estrema delicatezza. Non desidero richiamare gli aspetti di ordine giuridico che possono suscitare o resuscitare controversie a non finire. L’interpretazione che Pietro De Marco ha esposto nell’intervento pubblicato su queste pagine il 4 giugno (Le opere dei musei: va bene restituirle alle chiese, con qualche avvertenza ) è assai unilaterale. Riprendo solo taluni temi di ordine culturale: inerenti cioè alla funzione dei musei oggi e al conseguimento ottimale della salvaguardia e dell’intelligibilità delle opere. Che effetti produrrebbe un sistematico rientro dei beni indemaniati a seguito della legislazione del 1866-7 nei loro presunti originari contesti? Per il caso sollevato si dovrebbe almanaccare su congetture fantasiose, anche per la drastica ristrutturazione intervenuta di una sede non più adibita al culto. Tanto per fare qualche esempio – prescindendo dal trattamento speciale assicurato ai beni culturali ecclesiastici – si ammira all’Accademia di Venezia La pala di San Giobbe di Bellini che era appunto a San Giobbe. Sta a Brera una Madonna di Piero della Francesca dipinta per Urbino (San Bernardino). Venendo più vicini a noi, anzi vicinissimi, l’Adorazione di Gentile da Fabriano, ora agli Uffizi, spiccava a Santa Trinita, come la Maestà di Cimabue. Il cui Crocifisso fu riportato al convento di Santa Croce giusto in tempo per essere alluvionato nel 1966: pensare che se ne stava tranquillo al centro della prima sala degli Uffizi, allestita da Gardella Michelucci e Scarpa nel 1956. Se la Pala Rucellai prendesse il volo si mutilerebbe uno dei più fulgidi assetti della museologia italiana. Cesare Brandi non si dette mai pace per la deportazione a Firenze da Siena dell’Annunciazione (1330) di Simone Martini in cambio di «due telucce» di Luca Giordano. Chiudo parentesi.

L’orientamento auspicato da Schmidt è giustificabile solo sulla base di chiare motivazioni culturali. Altrimenti si presterebbe a innescare un gioco dell’oca dagli esiti discutibilissimi. È consigliabile ricorrere al buonsenso più che sedurre con trovate artificiose. È vero che l’eccessivo storicismo che ha segnato la prassi italiana si è tradotto in un paralizzante immobilismo, accettabile per templi intoccabili e collezioni dotate di un’organicità documentaria da non infrangere, ma non è utile se si vuol ripensare il modello di museo finora di gran lunga prevalente.

Le due tendenze da combattere – è stato detto – sono la sacralizzazione dei musei e la parallela musealizzazione delle chiese. Spostando qua e là beni preparati per una pievina di campagna o per un’isolata chiesola non si reca un beneficio né alla fruizione né alla conoscenza e neppure ad una sentita devozione. Sappiamo che i musei sono nati pregni di ideologie da propagandare: per pomposi disegni di imperialismo politico o per esibire con orgoglio civico nobili radici identitarie. Ora è il caso di tenere a criterio una sana e pluralistica laicità, che favorisca l’istituzione di spazi attrezzati per scopi didattici e filologica classificazione di testi necessari per capire storie nelle quali s’intrecciano confessioni e stili, ambizioni e gusti. Un’acrimonia anticlericale di stampo giurisdizionalista mi pare del tutto smentita dalle norme vigenti. E anacronistico sarebbe un asfittico monoconfessionalismo che puntasse a privare un museo, percorribile a passo lento, di cose che invitino a comprendere l’intersecarsi di sensibilità e predilezioni, di fedi e di sentimenti. I fattori estetici hanno messo in secondo piano dimensioni che meritano più attenzione. E le trasformazioni che s’intravedono fondamentali per il dopo-pandemia, per un’epoca che dovrà inventare parametri e ritmi meno vorticosi, più calmi e umili, spingono a costruire, o ricostruire, musei specializzati, concretizzando un punto dell’innovativa definizione tanto discussa che l’Italia ha proposto senza fortuna per l’aggiornamento della Convenzione di Faro: il museo «effettua ricerche sulle testimonianze dell’umanità e dei suoi paesaggi culturali, le acquisisce, le conserva e le espone per promuovere la conoscenza, il pensiero critico, la partecipazione e il benessere della comunità». Insomma musei-laboratorio in rete, capaci di svolgere la loro missione con mezzi adeguati ed esaltando confronti, estro produttivo, moderna ricerca. Una Madonna di Giovanni di Paolo parlerà con materna sollecitudine a tutti i visitatori, e sarà amata più che se ne stesse reclusa in una cappella abitata secoli fa quale primo contesto del suo peregrinare. C’è da rallegrarsi per segni che hanno precisato e frenato. L’arcivescovo Betori è stato freddino di fronte alla «provocazione» di Schmidt. Il quale ha subito dichiarato di avere in cantiere una mostra di opere di committenza ecclesiale, custodite nei capienti depositi e ignote ai più. È questa la strada principale da percorrere.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news