LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Parigi. Notre-Dame sotto i ferri: via i tubi «saldati» dall’incendio
Stefano Montefiori
Corriere della Sera 9/6/2020

È cominciata ieri l’operazione decisiva per il salvataggio di Notre-Dame, lo smontaggio della gigantesca impalcatura che era stata costruita per restaurare la guglia della cattedrale, poi crollata durante l’incendio del 15 aprile 2019. Quella sera i 40 mila tubi pesanti 200 tonnellate contribuirono forse a sostenere la struttura, ma il calore sprigionato dal rogo li ha saldati e nei mesi successivi sono diventati una minaccia per la stabilità della cattedrale. «La grande difficoltà è che l’impalcatura si è saldata e che bisogna tagliarla a pezzi — dice il rettore Patrick Chauvet —. Solo quando avremo finito potremo dire che la chiesa è salva al 100%».

Due squadre di cinque «cordisti», gli operai appesi alle funi, si caleranno a turno per tagliare con la sega elettrica i tubi metallici fusi gli uni agli altri. I pezzi di impalcatura saranno allora tolti grazie alla gru alta 80 metri montata nel dicembre 2019. «Quei tubi sono una specie di tela di ragno che imprigiona la cattedrale — dice Christophe Rousselot della fondazione Notre-Dame —. L’ossessione di tutti era liberarla, finalmente ci siamo».

Comincerà poi la fase di ricognizione accurata dei danni per poter stabilire finalmente un piano di restauro. Il presidente Emmanuel Macron, poche ore dopo il disastro, fissò l’obiettivo di una riapertura entro il 2024: un modo per scuotere i francesi e esortare il Paese a trasformare la grande emozione in capacità di agire, in modo da restituire Notre-Dame a Parigi in tempo per l’Olimpiade del 2024. Molti esperti hanno giudicato troppo ottimistico il termine chiesto da Macron, e il blocco dei lavori seguito all’epidemia ha aggiunto mesi di ritardo. «Eppure non è impossibile farcela per il 2024 — dice la direttrice della Fondazione del patrimonio Célia Vérot —. La fase attuale è la più delicata ma poi potremmo recuperare». Resta da decidere come ricostruire la guglia di Viollet-le-Duc andata distrutta: uguale all’originale, come vorrebbe l’architetto Philippe Villeneuve, o piuttosto scegliendo la «ricostruzione inventiva» auspicata da Macron.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news