LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Alleanza tra economia e cultura per lo sviluppo sostenibile
Corriere della Sera 8/6/2020

La proposta di un nuovo modello in occasione del Premio Versailles nella sede Unesco a Parigi


Il Prix Versailles si celebra ogni anno nella sede dell’Unesco (l’Organizzazio-ne dell’Onu per l’educazio-ne, la scienza e la cultura) a Parigi. Inizialmente focaliz-zato sull’architettura commerciale, il premio si prefigge di individuare le migliori opere d’architet-tura e design nel mondo e di promuovere l’alleanza tra cultura ed economia. Nell’ambito del Prix Versail-les, ventiquattro figure di primo piano propongono nel testo qui sotto una nuova visione della cultura: più che mai nell’attuale crisi, dicono, deve essere componente essenziale dello sviluppo sostenibile e filo conduttore per il rilancio economico in tutti i settori. Il testo esce anche su «Le Monde», «El País» e altre testate europee.

La crisi e le restrizioni che impone hanno accentuato l’importanza che ognuno di noi attribuisce all’ambiente circostante. In parallelo, risaltano tutte le dimensioni di questo ambiente, che è fatto di cultura, natura e legami sociali.

Ciò si ricollega a una delle osservazioni espresse, già molti anni fa, dalla comunità internazionale e dall’Unesco, che riconosce alla cultura un ruolo centrale nella concezione dello sviluppo sostenibile.

La dimensione culturale è determinante per la qualità della vita. Ed è anche indissociabile dall’economia quotidiana, ed è questa la ragione per cui la cultura trova una risonanza così forte nelle circostanze attuali.

La crescita della componente culturale del valore aggiunto è una chiara tendenza, ed è per questo che la cultura prende oggi un posto importante nelle politiche pubbliche e nelle strategie aziendali.

In questo contesto, i territori che meglio conserveranno gli elementi originali della loro identità potranno beneficiare di reali «vantaggi competitivi», se riusciranno a valorizzarli.

Il rinnovamento culturale del nostro ambiente circostante non implica tuttavia un disinteresse per ciò che è lontano. L’interesse per le altre culture e la necessità di conoscerle meglio non potranno che crescere nel mondo che verrà.

Tutti i territori, anche i meno dotati in termini economici e tecnologici, possono avere un messaggio culturale da trasmettere. Si tratta di offrire a ciascuno di essi la possibilità di valorizzare, in un mondo la cui omologazione porta verso un impoverimento, ciò che di unico ciascuno possiede.

Nonostante la sua crescente importanza, l’aspetto culturale non è stato sufficientemente considerato come un vero ecosistema e rimane ancora percepito come una dimensione collaterale.

I territori che conserveranno gli elementi originali della loro identità potranno beneficiare di reali «vantaggi competitivi»

La situazione delle città è emblematica di questo stato delle cose. Gli spazi pubblici e privati devono certo essere funzionali, ma sono anche chiamati a essere in armonia con le aspirazioni degli abitanti.

L’architettura e il design possono contribuire a reinventare un mondo urbanizzato che abbraccia le prospettive dell’ecologia, della convivialità e della bellezza.

Tale dinamica potrà incoraggiare la valorizzazione culturale del nostro habitat.

Inoltre, l’interesse per la qualità della vita continuerà a crescere. Ciò è vero anche per l’alimentazione che vorremmo più sobria per aiutare il pianeta, più giusta e più ricca di significati culturali. Questo vale anche per il turismo, che sta diventando sempre più responsabile. Anche il mondo del digitale vedrà crescere la propria credibilità attraverso l’aumento della qualità dei contenuti creati e divulgati.

In questo movimento, l’economia viola (che valorizza il potenziale culturale di beni e servizi, ndr) propone un cambiamento di scala e di percezione, privilegiando un approccio sistemico in cui le diverse attività e i vari fattori culturali (istruzione, informazione, comunicazione e tutti i beni con una forte componente immaginaria e sensibile) non sono più considerati separatamente.

Grazie a questa trasformazione, l’economia, compenetrata da tutte le potenzialità della cultura, esprimerà pienamente la propria dimensione umana. Questa evoluzione può aprire la strada a una prosperità globale, più rispettosa dell’ambiente naturale e più equamente distribuita.

Ciò che prima era solo un’opportunità, adesso deve diventare la realtà dello sviluppo sostenibile



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news