LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Un museo che va oltre il museo
Andrea De Marchi*
Corriere Fiorentino 9/6/2020

* Andrea De Marchi Professore ordinario di Storia dellarte medioevale, coordinatore del Dottorato regionale in storia delle arti e dello spettacolo, Università di Firenze - Dipartimento SAGAS (storia archeologia geografia arte spettacolo)


La proposta provocatoria di Eike Schmidt di restituire a Santa Maria Novella la Madonna dei Laudesi di Duccio, depositata agli Uffizi dal 1948 ma non appartenente al nucleo storico delle collezioni granducali, è salutare.
Mette il dito in una piaga, che è ben più vasta, vale a dire la crescente disarticolazione, sancita dalla riforma Franceschini, fra grandi musei faro gestiti come aziende autoreferenziali e un patrimonio diffuso sterminato, sempre più abbandonato a sé stesso. Nei corsi e ricorsi della storia da più parti si sta finalmente prendendo coscienza che è giunta lora di porre fine a questa separatezza, di far dialogare i musei col territorio in cui si trovano e della cui storia secolare sono espressione.

Il museo è il luogo di eccellenza che aiuta ad avvicinare il pubblico allarte, ma il museo deve continuare oltre il museo, deve invitare a scoprire i mille luoghi chiese, chiostri, oratori, palazzi da cui vengono le opere del museo, che detengono tante altre sfaccettature di quella stessa civiltà figurativa, col valore aggiunto del sapore irripetibile del luogo per cui le opere sono state fatte. La storia dellarte metodologicamente più avvertita da anni lavora alla ricomposizione dei contesti, su basi documentate, coi mezzi delle ricostruzioni digitali, mentre il consumo diffuso delle opere darte va nella direzione opposta di un apprezzamento rapido e inconsapevole, avulso dalla geografia e dalla storia, in astratto.

Forse ora cè lopportunità di invertire la rotta. Tutti allimprovviso hanno cambiato idea, non parlano più di ottimizzazione della bigliettazione, ma di slow tourism e di percorsi alternativi, ma se ai proclami non seguono dei ragionamenti e delle scelte politiche si rischia di fare tanto clamore per nulla, e poi tutto tornerà come prima. Ci vuole chiarezza. Il turismo di massa sarà sempre incanalato nelle rotaie di quelle poche mete giustamente totemiche e altissime, e semmai il problema sarà come disciplinarlo, per la salvaguardia stessa di quei luoghi e perché lesperienza del visitatore non sia congestionata e alienante. Alimentare a latere un turismo di qualità e colto è però una necessità vitale, perché è lunica speranza per conservare un patrimonio diffuso che ha costi di manutenzione altissimi e che nel suo insieme fa sì che città storiche come Firenze, col loro contado, siano uniche al mondo. Senza funzione e fruizione non ci sarà mai conservazione. Costruire dei percorsi alternativi, che vuol dire anche accessibilità facili e programmate, che vadano oltre loccasionalità del volontariato e delle meritorie domeniche di primavera del Fai, non è allora unistanza elitaria, è anzi, insieme ad altre strategie di ripopolamento dei centri storici con artigiani, studenti, artisti lunica speranza per salvare il carattere stesso di città come Firenze o Venezia, ma anche di tanti centri minori, abbandonati al degrado o svenduti a una commercializzazione sfrenata e volgare, come San Gimignano o Montalcino.

Una terza via non esiste? Come docenti di storia dellarte dellUniversità di Firenze abbiamo organizzato tre webinar su questo tema di scottante attualità, disponibili sul canale Youtube del dipartimento SAGAS. Una quarantina di esperti, e fra essi anche i nostri studenti, hanno esposto proposte puntuali e riflessioni di ampio respiro. È necessario uscire dalla frammentazione esasperata e proporre innanzitutto sinergie di competenze e saperi. Anche noi abbiamo lanciato la provocazione di riportare alcune opere dai depositi dei musei o dalle sale sovraffollate dellAccademia e degli Uffizi in luoghi ancora densi di bellezza e di storia da cui esse vengono, ma come scintille che possano far scattare corti circuiti vitali, in un quadro complessivo per cui i musei e le soprintendenze, le diocesi e gli enti locali cooperino per proporre percorsi integrati, che entrano ed escano dal museo, che aiutino a riqualificare tanti luoghi abbandonati del centro stesso e del contado.

Il limite della provocazione di Schmidt è quello di non inserirsi in una progettualità più ampia e integrata, che in prima istanza dovrebbero avviare gli enti locali e che onestamente non stanno avviando. Il vizio è credere che una singola operazione, di sicuro risalto mediatico, sia il toccasana. Schmidt, è stato fatto notare maliziosamente, gioca comunque per sé stesso, perché oltre che direttore degli Uffizi è presidente del consiglio di amministrazione del FEC, da cui dipende Santa Maria Novella. Ma quale museo uscirebbe dal suo particolarismo, se non indotto da una strategia generale? A Firenze ci sono polittici divisi fra lAccademia e il Museo Bandini (Lorenzo di Bicci), fra i depositi degli Uffizi e San Martino a Mensola (Gerini), e infiniti altri, ma nessuno mai si sognerebbe di ricomporli, magari con depositi pluriennali, come fanno tanti musei americani.

Le restituzioni non sono proponibili laddove ci sia ormai una storia collezionistica e museale sedimentata, che esprime una seconda o terza vita dellopera anchessa portatrice di valore, ma ci sono infiniti casi di contesti architettonici bellissimi e negletti da cui sono state sottratte opere che nel loro ambiente avevano tutto un altro senso. Andrebbero selezionati pazientemente obiettivi simili e perseguiti perché facciano scuola, inducano sensibilità nuove a livello diffuso.

Vogliamo parlare di Santa Maria Novella? Dove penserebbe Schmidt di collocare la Maestà di Duccio? Appesa in mezzo alla navata centrale a lato del Crocefisso di Giotto, dove probabilmente stette, ma su una trave e un tramezzo che non ci sono più? O dove fu messa in origine, poco dopo il 1285, nella cappella di San Gregorio, alias dei Laudesi, al posto della Madonna del Rosario d i Vasari ivi collocata allinizio del Novecento? Come studioso potrei anche essere entusiasta dellidea, perché ho dimostrato, con un rilievo apposito, nel volume del 2015 pubblicato dallEnte Cassa e da CRF, che i resti di affreschi dello stesso Duccio la integravano al centimetro. Ma unoperazione simile si giustificherebbe solo nel quadro di un potenziamento del complesso museale di Santa Maria Novella, che è nelle mani del Comune di Firenze e che include il chiostro grande forse il chiostro più bello di tutta Firenze e gemme neglette come la cappella di Leone X affrescata da Pontormo. Non sembra però nellagenda del Comune. Ci sono già state restituzioni meno pubblicizzate, ma esemplari: il Bargello ha restituito in chiesa la pila marmorea dellacqua santa Bordoni, di primo Trecento. E altre decine di opere vengono dal complesso domenicano e sono depositi, come il magnifico paliotto tessile del 1336 ora allAccademia. Senza dire delle tavole, dei corali miniati, dei parati stupendi ritirati in convento e che potrebbero essere esposti. La Maestà di Duccio riportata a Santa Maria Novella avrebbe senso solo se si inserisse in un progetto organico per valorizzare meglio lintero complesso monumentale domenicano. Tanti altri progetti, forse meno eclatanti ma luminosi, potrebbero essere perseguiti. Perché ad esempio gli Uffizi non riportano alla Villa Carducci, tra Legnaia e Soffiano, il ciclo degli Uomini illustri di Andrea del Castagno, ora ridotti a quadri isolati e non visibili abitualmente, ricomponendo una sala che ancora presenta i resti delle incorniciature originali, restituendo così al territorio tra Firenze e Scandicci un monumento principe del Rinascimento di cui è stato privato? Sarebbe un bel segnale per incamminarci tutti assieme verso una Firenze sempre più plurale e polifonica. Se davvero Schmidt crede alla filosofia delle ricomposizioni dei contesti che ancora possono essere risarciti, sia conseguente e lo faccia. In caso contrario sarà chiaro che era solo una boutade , una delle tante.



news

26-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 giugno 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news