LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Uffizi, condanna bis per i bagarini del web
Edoardo Semmola
Corriere Fiorentino 10/6/2020

La corte dellArizona: dovranno risarcire il museo dei costi sostenuti durante il processo

Uffizi contro bagarini americani: 2-0. Partita finita e vittoria fiorentina. Prima cera stata la pronuncia della corte federale dellArizona, lo scorso febbraio, che aveva punito i siti di bagarinaggio on line che si erano appropriati di domini web che potevano far cadere nel dubbio i visitatori che fossero quelli ufficiali del museo. Sentenza che aveva imposto lo stop al loro utilizzo in quanto solo i veri Uffizi erano titolati a usare il nome Uffizi. Ora, quattro mesi dopo, arriva la seconda parte della condanna da parte della medesima corte: la società BoxNic Anstalt, titolare di quei domini ritenuti ingannevoli come uffizi.com, uffizi.net, uffizigallery.com, uffizigallery.org, dovrà versare 120 mila dollari (circa 106 mila euro) al museo fiorentino per le spese legali sostenute.

Per il direttore degli Uffizi Eike Schmidt, è la conferma definitiva della prima grande vittoria contro i vampiri del web, ora avanti nella lotta, ricordando come quella società avesse usato per anni il nome Uffizi per vendere pacchetti di visita e biglietti a prezzi maggiorati. E di quanto sia esteso e grave il fenomeno del secondary ticketing, che negli anni ha vessato sia il mondo dei musei che quello degli spettacoli dal vivo. Ma limportanza di questa pronuncia non risiede solo nel valore economico della contesa o in quello legato al brand Uffizi: non a caso la Corte Federale dellArizona ha dichiarato il superiore diritto del museo rispetto alla società ad usare nome, marchio e logo degli Uffizi. Limportanza sta anche nel fatto che mai prima dora il ministero dei Beni Culturali italiano si era trovato ad affrontare una battaglia giudiziaria internazionale su questo fronte. E la vittoria, a cavallo tra due sistemi giuridici tanto differenti, non era scontata.

Nel sistema giuridico americano è raro che il giudice condanni al pagamento delle spese legali del procedimento, ma prosegue soddisfatto Schmidt secondo i magistrati federali dellArizona stavolta ciò è giustificato dalla gravità del comportamento della nostra controparte. Che è stata riconosciuta colpevole dei reati di cybersquatting (letteralmente: occupazione abusiva di spazio informatico), violazione e sfruttamento del marchio e concorrenza sleale.

La tesi difensiva degli avvocati della BoxNic Anstalt verteva sullipotesi che il nome Uffizi non fosse il nome proprio del museo fiorentino ma la versione arcaica del nome comune uffici. Nel respingere questa tesi come pretestuosa, la corte americana ha dunque riconosciuto e ancor più valorizzato la parola Uffizi come marchio internazionalmente identificabile .



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news