LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

A Palazzo Visconti a Brignano infiltrazioni e danni dovuti all’umidità
Pietro Tosca
Corriere della Sera - Bergamo 12/6/2020

Sala del Trono: soffitti barocchi affrescati a rischio infiltrazioni

Il soffitto della Sala del Trono, il salone di rappresentanza di Palazzo Visconti di Brignano, è sotto osservazione. L’amministrazione comunale ha disposto un check up accurato del soffitto, preoccupata dalla stabilità della tela e dalle fessurazioni tra le travi. Una verifica urgente eseguita in questi giorni. Si vuole appurare l’eventuale degrado strutturale. In alcuni punti è già stata riscontrata la presenza di tarli e ci sono anche sfogliazioni nel legno e danni da umidità.

È sotto osservazione il soffitto della Sala del Trono, il salone di rappresentanza di Palazzo Visconti di Brignano. Da inizio settimana è stato montato un imponente ponteggio alto oltre 7 metri per eseguire uno screening sulle tavole dipinte che ne costituiscono la copertura e soprattutto la grande tela a olio che è installata al loro centro.

All’interno del complesso monumentale che nelle forme attuali risale al ‘600 e rappresenta uno dei maggiori esempi di architettura barocca lombarda, la Sala del Trono è la perla del piano nobile. Da sempre è lo spazio più prestigioso del palazzo con la sua imponente decorazione. Un trionfo di affreschi che disegnano colonne ed elementi architettonici intervallate dalle figure monocrome dipinte come statue che ritraggono i più importanti della dinastia viscontea. L’effetto finale è una dilatazione dello spazio con un’imponente fuga prospettica che continua anche sul soffitto dove le travi sono dipinte a tempera e racchiudono una tela a soggetto mitologico in cui le figure rappresentano le virtù del casato Visconti. All’interno del palazzo la Sala del Trono è anche l’unica sala di cui si conosca con certezza la data di realizzazione: alla base di una delle colonne tortili dipinte è inciso infatti l’anno 1675. Uno spazio suntuoso dove venivano ricevuti gli ospiti di riguardo e si dava udienza.

Una funzione pubblica che con il trasloco del municipio nel palazzo una ventina di anni fa è stata recuperata attrezzando il salone per cerimonie ed eventi culturali. Proprio l’amministrazione comunale ha disposto ora un check up accurato del soffitto, preoccupata dalla stabilità della tela e dalla fessurazioni tra le travi. Una verifica urgente eseguita in questi giorni.

«La Sala del Trono — chiarisce il sindaco di Brignano Beatrice Bolandrini di professione storica d’arte — è la più armoniosa del palazzo con le decorazioni che sono tutte contestuali. Dal punto di vista artistico è un’esplosione barocca. È un dovere prendersene cura».

Da martedì tra ponteggio e sottotetto è all’opera il restauratore Maurizio Orlando per valutare la tenuta statica del dipinto e lo stato dei legni. «È uno studio iniziale — spiega Orlando, il restauratore incaricato dal Comune — per capire l’eventuale degrado strutturale e, come intervento, si prevede solo la rimozione dei depositi accumulati nel sottotetto».

Un’indagine preliminare che si è concentrata nella zona del dipinto ma ha già riscontrato delle criticità. «Nel sottotetto — spiega Orlando —, ai tempi della riqualificazione del palazzo, negli anni ’90, è stato steso un telo come protezione; questo serve a non far filtrare la polvere tra le travi ma limita il ricircolo dell’aria, una soluzione non ottimale per un materiale vivo come il legno. In alcuni punti poi abbiamo riscontrato la presenza di tarli e ci sono anche sfogliazioni nel legno e danni da umidità». Altra criticità sono le grosse fenditure tra gli assi decorati dove al tempo dei lavori furono inseriti ei tasselli in legno fermati con dei chiodi. Nessun problema invece per il dipinto. «L’ancoraggio realizzato in passato — dice ancora il restauratore — è solido».

La palla passa ora al Comune, intenzionato a programmare al più presto possibile una manutenzione per eliminare le criticità. «Visto i primi risultati delle analisi e avendo già montato il ponteggio — conclude il primo cittadino — ci sono tutte le condizioni per accelerare un intervento di restauro e messa in sicurezza. Solleciteremo la Soprintendenza in questo senso».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news