LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Venticinque anni fa si pensava solo allo sviluppo. Ora il domani della città si gioca sullambiente
Gabriele Guccione
Corriere della Sera - Torino 13/6/2020

Parla larchitetto Cagnardi, padre del piano del 1995

Quando venticinque anni fa disegnammo il piano regolatore ci trovavamo alla vigilia della chiusura della Fiat e si era tutti concentrati sullo sviluppo economico della città. Ora bisogna avere il coraggio di immaginare per Torino una condizione urbana diversa, innovativa, che metta al centro lambiente. Sono parole di Augusto Cagnardi, 83 anni, padre con Vittorio Gregotti di quel piano regolatore del 1995 che la giunta Appendino si appresta a revisionare proprio partendo dallidea di una città forse più ristretta (pensata per 100 mila abitanti teorici in meno) ma votata a un futuro verde.

Architetto, secondo lei ha senso rivedere al ribasso, da 1,2 a 1,089 milioni, il numero di abitanti che voi, alla fine degli anni Ottanta, avevate immaginato per Torino?

I numeri generali contano fino a un certo punto. La città non è un recipiente chiuso, ma una grande costruzione che vive, cresce e si restringe a fasi. Limportante dunque è come, dove e cosa si opera. E non lasciare che le contingenze storiche, sociali ed economiche attuali limitino le possibilità future.

Bisogna insomma non chiudere nessuna porta, immaginare un piano fluido, aperto?

Leggere oggi le prospettive della società è difficile, le variabili sono molte, e non sempre dipendono da fattori dominabili a livello locale, bensì a livello globale. Quanti abitanti teorici immaginiamo per la Torino dei prossimi decenni? Dare una risposta non è semplice.

Ammetterà che il piano del 1995 puntava ad avere un effetto espansivo sulleconomia?

Allora il primo problema era quello dello sviluppo economico. Ci si preoccupava di che cosa sarebbe accaduto dopo la chiusura della Fiat. Cera chi temeva che rappresentasse la morte della città. Così, però, non è stato: Torino non è crollata, si è aggiustata. E ha trovato nuove produzioni, nuove vocazioni. In Cina, dove ho lavorato a lungo, ho imparato una cosa che non mi sarei mai aspettato di sentirmi dire in un Paese dove le città hanno 20 milioni di abitanti.

Che cosa?

Che la prima questione da affrontare oggi è quella dellambiente, non quella dello sviluppo economico.

E nel disegno di una città questo che implicazioni ha?

Non si tratta di pensare a fare un cortiletto vicino a ogni grattacielo, ma di porre lambiente al centro per costruirci attorno lintero impianto della città.

E il resto: il lavoro, il rilancio delleconomia?

Lo sviluppo verrà di conseguenza. Non si può preordinare che qualcuno arrivi dal nulla e impianti una nuova fabbrica; questa è una visione superata, non funziona più così. Il primo punto dellagenda di una città nuova devessere lambiente. Da questo deriverà tutto il resto, a cominciare da un innalzamento del livello della qualità della vita.

E questo farà diventare la città più attrattiva?

Certo, perché gli uomini e le donne che vivono la città non si limiteranno a dire: Non cè lavoro. Saranno contenti di abitare un luogo dove la qualità degli spazi, del verde, dei servizi, della mobilità è alta.

È una sfida che secondo lei fa per Torino?

Limportante è che questa di un piano regolatore incentrato sullambiente non resti una generica affermazione dintenti. Ma che trovi unattuazione concreta. Il problema non è prevedere sulla carta 100 mila abitanti in più o in meno, ma cambiare la condizione ambientale di ciò che esiste. Mi piacerebbe molto che Torino diventasse capofila in Italia di questa nuova prospettiva.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news