LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Riaprite il Forte, dateci un'emozione
Paolo Ermini
Corriere Fiorentino 13/6/2020

Riaprono. Musei, parchi, teatri, cinema. A poco a poco riaprono tutti. Tutti meno il Forte Belvedere, la sentinella di Firenze, ma anche la sua balconata più bella.

Passi davanti a quel portone sbarrato tra i bastioni e ti chiedi: ancora chiuso, perché? Non è colpa del Covid 19. È da molti anni che il Forte rivive a sussulti dopo la lunga chiusura, tra il 2008 e il 2013, durante le due inchieste sulla duplice tragedia dei due ragazzi, Luca Raso e Veronica Locatelli, precipitati di notte giù dagli spalti.

Da allora le riaperture del Forte Belvedere sono sempre state legate alla stagione estiva e alle mostre (purtroppo non sempre esaltanti) che lì sono state allestite. Niente mostre, niente Forte. Cancellate sbarrate. E noi sempre a chiedere: perché? Le passeggiate serali al Belvedere erano sempre state unabitudine dei fiorentini.

Quando nel marzo dello scorso anno il possesso del Forte passò gratuitamente a Palazzo Vecchio, disse il sindaco Dario Nardella: Così si restituisce uno dei luoghi dellanima di Firenze che lamministrazione comunale intende ulteriormente valorizzare, investendo su arte e cultura. E il futuro assessore Tommaso Sacchi annunciava a sua volta lintento di farne un polo culturale di livello internazionale, ipotizzando anche lapertura no-stop, nei mesi invernali. Poi però lidea naufragò e nellottobre scorso le porte si richiusero. E chiuse lo sono ancora. Perché? Conti difficili da far tornare? Forse. O forse il timore di sottrarre visitatori ad altre realtà comunali, in pieno centro e magari in grande affanno? Ma vuoi mettere il Forte Belvedere? Il Forte è bello di per sé. Non importa portarci le opere di nessuno. E vale la pena per arrivarci farsi larrampicata su su, per Costa San Giorgio.

Firenze ha bisogno di ossigeno dopo il lockdown. E di una ripresa intelligente. Fatta di grandi spazi e dellenergia che sprigiona la forza dei suoi simboli. Questa stagione non può ridursi alle ammucchiate della movida sulle piazze e sulle vie dello sballo o sullinvasione di tavolini più o meno unti dei ristoranti sui marciapiedi cittadini. O, ancora, ai deprimenti minitour dellEstate Fiorentina sui furgoncini. Ma, insomma, questa città spesso così tronfia di sé dovrà pur essere in grado di ridare qualche suggestione, un segno di fiducia, una manifestazione di vitalità non posticcia? E allora perché non fare proprio del Forte Belvedere il cuore, il manifesto della rinascita, dallalto di tutta la città, sul filo di un orizzonte che va da Arcetri a San Gaggio, da Monte Oliveto a Settignano?

Non sono certo un esperto di spettacoli musicali, ma perché non chiamare al Forte uno dei nostri grandi cantanti (Bocelli, Zucchero...) per fare un concerto con la città come platea, attraverso dieci, venti maxischermi in altrettante piazze e anche in diretta televisiva. Firenze che suona e canta per sé e per il mondo. Magari qualcuno vi tornerebbe prima del previsto. Ma soprattutto sarebbe la prova che questa nostra città, prima di chiedere, sa dare. Unemozione, innanzitutto.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news