LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Monumenti, il dramma e la farsa
Francesco Clementi
Corriere dell'Alto Adige 14/6/2020

Il comunicato di Südtiroler Freiheit, come si dice in questi casi, non era nemmeno quotato dai bookmaker. Puntualmente la polemica sulle statue razziste da abbattere, deflagrata a livello internazionale dopo le sommosse negli Usa in reazione alla morte di George Floyd, ha varcato con buona pace dei controlli al Brennero i confini dellAlto Adige: a sfruttare il filone Sven Knoll e i suoi amici, che subito sono tornati a chiedere a gran voce labbattimento della statua (o meglio, di quel poco che resta) dellAlpino di Brunico. E in aggiunta, tanto per gradire, di tutti gli altri relitti fascisti come il Monumento alla Vittoria e il Duce a Cavallo (peraltro già abbondantemente storicizzati da targhe, coperture e musei). Altrettanto pronti i ragazzi di Casapound, che (facendo il due per uno delle polemiche dattualità) in piazza Magnago hanno coperto con una mascherina i chirurgica il volto di Teodorico, il re germanico ritratto nel momento di sopraffare il ladino Laurino. È ancora il caso di parlare di queste provocazioni reciproche? Verrebbe da dire di sì, se perfino le statue di personaggi come Gandhi e Winston Churchill vengono vandalizzate in giro per il mondo. Come sempre, in questi casi, il dramma sconfina nella farsa. Un conto è che nelle metropoli statunitensi, al culmine di giornate tesissime con scontri e violenze, la rabbia travolga i simboli di un passato segregazionista ancora troppo vicino.
Un conto è che qui in Italia fior di intellettuali stiano seriosamente discutendo della rimozione (proposta da I Sentinelli) del monumento che ricorda uno dei più importanti giornalisti italiani, Indro Montanelli, nei giardini di via Palestro a Milano. Beato il Paese che non ha bisogno di eroi, certo, e nemmeno di monumenti. Niente è per sempre, tutto passa: le statue prima o poi crolleranno, sotto il peso di mutate sensibilità o degli agenti atmosferici. Eppure il furore talebano degli ultimi giorni lascia lamaro in bocca, e speriamo non contagi troppo le idee di quei ragazzi che anche ieri hanno riempito piazza Walther per dire no al razzismo (quello vero). I monumenti, belli o brutti, sono lì per il valore e limportanza pubblica delle persone cui vengono dedicati. Non perché tali protagonisti fossero senza macchia. Sacrosanta una riflessione sulle pagine del colonialismo italiano in Africa, a lungo rimosse, ma condannare alla damnatio memoriae Montanelli (chi lo insultava ieri in piazza Walther si ricorda che fu gambizzato dalle Brigate rosse?) per la triste storia della sua sposa bambina sarebbe stupido, come cancellare dalle antologie un altro gigante, Pier Palo Pasolini, per i suoi legami con i ragazzi di vita. O come oscurare i film di Woody Allen, alle prese con le accuse del #metoo. Dalle ombre private a quelle storiche: in Alto Adige, non da oggi, siamo bravissimi a sfruttare gli oggettivi e reciproci torti del passato, usandoli come clava. Più flebile la voce di chi è stato quasi spazzato via dai suoi carnefici: come la comunità ebraica locale, quasi azzerata negli anni bui da una spietata caccia alluomo (e alla donna, e al bambino). Abbattere se non nelle immediatezze di un dopoguerra raramente è una gran trovata per riparare i torti. Meglio provare a ricucire, costruire, ricordare. Non piacciono i monumenti? Bene, lasciamo il marmo nelle cave di Lasa e piantiamo un albero, come nella bella Collina dei Saggi voluta a Firmian dal sindaco Caramaschi per ricordare chi si è battuto per pace e convivenza.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news