LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le piazze e il decoro urbano
Franco Farinelli
Corriere di Bologna 14/6/2020

Qualche anno fa il Nobel indiano per leconomia Amartya Sen scrisse un libretto per rivendicare le origini non soltanto occidentali ma anche africane e asiatiche della democrazia.

Omise però il più forte elemento a sostegno della sua tesi, lindicazione della componente fondamentale senza la quale nessuna opinione pubblica mai sarebbe potuta formarsi, in nessuna parte del mondo: uno spiazzo piatto e sgombro dove più persone potessero, parlando, vedersi in viso luna con laltra, una piazza insomma. Senza la piazza non sarebbero mai state possibili la discussione partecipata e la tolleranza dei diversi punti di vista, le caratteristiche che per Sen definiscono la pratica democratica.

Così nel ritorno in piazza ( e al dibattito circa luso della piazza) che in questi giorni interessa tutta la nostra città va anzitutto colta la volontà di ripristino, dopo il blocco dovuto alla pandemia, delle condizioni originarie della vita civile. Una volontà che non a caso si manifesta a Bologna, rispetto al resto del Paese, in tempi e modi specifici e più tempestivi.

E che riguarda tutte le sue piazze, non soltanto quelle di prima sfera, ma anche quelle di seconda e di terza, come nel Settecento si sarebbe detto.

La proposta di Romano Prodi di trasformare il Crescentone in un luogo dato alle cene conviviali ha riscosso approvazione generale, e ogni giorno che passa si articola e coinvolge non soltanto i protagonisti locali della ristorazione ma il complesso dei soggetti pubblici, consapevoli che la generale ripresa dellattività economica passa attraverso la preliminare e concorde produzione di forti segnali simbolici.

Al capo opposto della rete delle piazze bolognesi, lestate post-Covid concepita dallassessore alla Cultura, Matteo Lepore si annuncia allinsegna dellintelligente disseminazione degli eventi, secondo una microfisica dello spazio urbano che corrisponde non di rado ad una vera e propria riscoperta della sua natura e delle sue potenzialità.

Resta la questione di piazza Rossini, sul delicato asse che dalle Torri porta a piazza Verdi. Una questione le cui implicazioni coinvolgono lidea stessa di che cosa sia una città, e una città come Bologna in particolare. Al riguardo, lultimo scambio polemico verte sulla documentazione storica, secondo la quale ancora nel Settecento nella piazza in questione vi era davvero lerba come adesso. È unargomentazione da poco. Sarebbe troppo semplice trovare casi opposti, ad esempio in corrispondenza di via Orfeo, dove di recente è stato fatto sparire, senza che nessuno o quasi dicesse nulla, lultimo brano della Bologna dei Carracci.

E così via, secondo la logica del battibecco allinfinito, la stessa alimentata da chi rimprovera a chi oggi protesta per il temporaneo impianto del prato di non aver detto o fatto nulla quando piazza Rossini era ridotta ad un parcheggio. Una città è un organismo vivente che riscrive in continuazione se stesso, e dipende dallintelligenza dei cittadini farlo con segni il più possibile sensati, cioè dotati di qualità.

Il mai troppo rimpianto Andrea Emiliani lamentava spesso labolizione della vecchia Commissione dellOrnato, responsabile fino a qualche decennio fa di quel che una volta si chiamava decoro urbano. Dove per decoro andava inteso anche qualcosa di sottile, molto affine alla reputazione, la stessa che di recente è valsa alla nostra università la conferma di essere tra le prime al mondo. Reputazione rispetto alla quale la sistemazione di piazza Rossini, che si compone di motivi per nulla originali, non pare allaltezza. E anche se lopinione di chi scrive resta personale, un fatto è certo: Bologna meriterebbe di più.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news