LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La storia umana è piena di errori. Ma lintolleranza non li corregge
Pierluigi Battista
Corriere della Sera 15/6/2020

I fanatici che imbrattano la statua di Montanelli o che deturpano quella di Churchill, il combattente che nellora più buia ha impedito da solo la vittoria di Hitler, forse non sanno che il Trattato sulla tolleranza di Voltaire è stato scritto nel 1763, solo due secoli e mezzo fa.

Duecentocinquantanni sono un niente nella storia umana, un battito dali. E infatti la democrazia, la tolleranza, la civiltà dei diritti, il pluralismo politico e culturale, lo Stato di diritto che tutela il rispetto della libertà dei cittadini, la discussione pubblica per procurarsi il consenso della maggioranza, tutto questo racchiude una minuscola frazione temporale rispetto a un mondo passato, e a molte porzioni ahinoi maggioritarie del mondo presente, in cui lillibertà, lintolleranza, il rifiuto del pluralismo, il massacro degli avversari politici liquidati come nemici sono state e sono la norma.

Chi demolisce o deturpa le statue, mette il bavaglio della censura alle idee scomode, avvilisce lavversario a nemico da abbattere con la forza e con la violenza, non sa che quelle conquiste di libertà e di tolleranza sono fragili e precarie, possono andarsene con la stessa velocità con cui sono arrivate, e 250 anni nella storia umana finiscono in un battibaleno. Lintegralismo ideologico, come quello religioso, non tollera la tolleranza, parla a nome di diritti conculcati ma vuole sopprimere tutti gli altri.

Chi deturpa una statua vuole annullare la ricchezza e anche le contraddizioni di una storia. Ma un conto è se quella statua viene abbattuta allacme di una rivolta, di un regime oppressivo che viene rovesciato, nel furore di un moto popolare e insurrezionale che mette fine a una tirannia, come quella di Saddam Hussein a Bagdad, come i busti di Mussolini il 25 luglio, come le statue di Lenin in Ucraina nell89 o quelle di Ceausescu a Bucarest. Tuttaltro discorso è se è il gelo di un progetto ideologico di eliminazione del passato ad armare le mani degli iconoclasti. Questi sono i fanatici intolleranti che vogliono rovesciare con larroganza e la violenza 250 anni di tolleranza, pochi decenni di democrazia, un pugno di anni di libertà despressione, pochi decenni di riconoscimento del pluralismo politico in cui la missione di chi parteggia in un campo non è di annichilire con brutalità chi parteggia nel campo opposto. I valori dellOccidente liberale e tollerante diventano in poco tempo carta straccia, i diritti calpestati, le minoranze zittite, i monumenti sfregiati come le statue di Buddha fatte esplodere dai talebani.

E certo che la storia dellOccidente non è solo tolleranza e libertà. È una storia piena di errori e anche di orrori, le nefandezze della prepotenza colonialista, lo sfruttamento di interi popoli sottomessi, la furia bellicista che ha provocato milioni di morti, la schiavitù, con due icone della democrazia americana, i presidenti Jefferson e Washington, proprietari di schiavi (a quando la soppressione del nome della città che ospita la Casa Bianca?), il razzismo, la Shoah, i milioni di morti vittime del totalitarismo comunista, i diritti negati alle minoranze, e alla maggioranza, cioè le donne. Una storia piena di tragedie cruente, di persecuzioni. Ma appunto è una storia in cui lOccidente ha saputo criticare se stesso, desacralizzandosi, riconoscendo i diritti delle opposizioni, emendando i suoi molteplici errori.

Montanelli si macchiò negli anni Trenta di comportamenti orribili e ingiustificabili con una ragazzina dodicenne, ma la furia dei vandali attuali non riesce nemmeno a concepire una protesta davanti a unambasciata dellIran dove non negli anni Trenta, ma ora, in questo momento, le bambine di dodici anni vengono consegnate spose a vecchi turpi che le strappano alle famiglie consenzienti (e non solo in Iran: meglio vedere un film strepitoso come Cafarnao di Nadine Labaki che spruzzare spray colorati sulle statue). La storia dellOccidente è fatta di conquiste dolorose e lente, con una fatica impressionante per liberarsi di vecchi stereotipi e orrori senza nome. E a proposito di discriminazione delle donne, la democrazia italiana ha aspettato fino al 1981, oltre trentanni dopo la Costituzione che sancisce il principio deguaglianza, per abolire il delitto donore e solo nel 1963 le donne hanno potuto entrare in magistratura: non cera il fascismo, cera la democrazia e solo negli anni Settanta si è vietato di lasciar sposare con matrimoni combinati le ragazze di quattordici anni. Ma invece di essere orgogliosi delle conquiste fatte e determinati per quelle, troppe, avvilenti, inique, non ancora fatte, si preferisce accanirsi contro i simboli del passato e mostrarsi intolleranti con la memoria di un uomo bersagliato dalle pallottole dei brigatisti. Lintolleranza che non muore mai, e la tolleranza che, lo scritto di Voltaire è del 1763, rischia di morire ancora giovane.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news