LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Centro torni a essere un luogo di vita e produzione per i romani
Luca Bergamo*
Corriere della Sera - Roma 15/6/2020

* Luca Bergamo vicesindaco e assessore alla Crescita culturale

Almeno una volta nella vita è capitato a chiunque di trovarsi tra due specchi e vedere la propria immagine riprodursi allinfinito, ma sempre nella stessa prospettiva. Ad ogni replica più piccina, fino a scomparire. La discussione oggi su tavolini sì tavolini no nel centro storico me la richiama alla mente.

Escluso il sommerso, nel 2019 sono arrivati a Roma oltre 19,4 milioni di turisti che si sono fermati in media per 2,4 giorni, il che fa 46,5 milioni di presenze (stime Ebtl arrotondate).


Tradotto, ogni giorno si sono riversati ad intasare il centro storico circa 130mila turisti, ma si arriva a 180mila se si calcola il sommerso stimato: sono clienti giornalieri del commercio che il Covid-19 ha fatto evaporare.

Ma questa è anche la dimensione del fenomeno che spingeva il centro di Roma, come nelle altre città darte europee, a trasformarsi in un bazar per turisti di passaggio. Un luogo meraviglioso divenuto sempre più spazio per consumare e meno per produrre (es. la scomparsa delle botteghe artigiane o di molti uffici) o per vivere.

Nella discussione sui dehors nel centro, le domande che nessuno fa ad alta voce, cui è necessario rispondere per prendere decisioni sensate suonano così: quei turisti torneranno a breve e nello stesso modo? Desideriamo in ogni caso che tutto torni come prima?

Il turismo doggi è un fenomeno mondiale. Produce Pil ma ha un altissimo impatto ambientale - come dimostrano la caduta della CO2 a causa dello stop ai voli, la riduzione dei rifiuti o del traffico - e sociale, per le condizioni precarie del lavoro ad esempio, specie dove si producono i prodotti di scarsa qualità. È improbabile che la domanda turistica torni rapidamente ai livelli degli ultimi anni e questo periodo deve servirci per avviare la trasformazione del centro storico di Roma, affinché torni ad essere un luogo di vita e produzione per tutti i romani e non solo per consumare (anche così si scoraggia la mala-movida).

Per farlo serve consentire alla attività economiche di riprendersi dal colpo, anche al commercio nel centro storico di Roma, e per cambiare. È indispensabile alle imprese, a chi vive del lavoro, per la socialità. E questo implica, per la ristorazione come per le librerie, aumentare i loro servizi anche allaperto, con rispetto per il patrimonio culturale. Consentire ai romani di prendere un aperitivo al tavolino a piazza Vittorio o di riappropriarsi delle piazze storiche dopo mesi di clausura è un fatto positivo, anche per la salute mentale delle persone oltre che per le attività. Fermarsi a questa constatazione e non guardare oltre invece non lo è.

Il turismo internazionale è una risorsa di Roma, ma un sistema globale che rischia il collasso dopo tre mesi di fermo è strutturalmente fragile. Il nostro futuro dipende prima di tutto dallo sviluppo e dalle ricadute del gigantesco apparato che produce conoscenza e cultura (università, ricerca, produzione culturale e industrie creative prima di tutto) di cui Roma è incredibilmente ricca e di cui troppo poco si parla.

Nelle scelte di questo periodo serve equilibrio e una virata decisa verso un modello di sviluppo sostenibile, trainato dalla produzione di beni e valori immateriali invece che dal solo consumo mordi e fuggi ad alto impatto ambientale. Le decisioni sui dehors, come tutte quelle di cui si è parlato fino ad ora, sono giuste in quanto a tempo, equilibrate e soprattutto utili per spingere le imprese a trasformarsi per resistere meglio alle crisi, ridurre limpatto ambientale e migliorare la qualità della vita delle persone e dei luoghi in cui si svolge la loro attività. Altrimenti rischiano davvero di essere inutili, se non dannose.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news