LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bastano 2.000 like per dare nuova luce al faro del Vantini
Costanzo Gatta
Corriere della Sera - Brescia 16/6/2020

La lanterna del cimitero potrebbe essere sistemata

Duemila preferenze, solamente duemila «click» e il faro che svetta al centro del Vantiniano può entrare nel numero dei «Luoghi del cuore». A desiderarlo è la delegazione bresciana del Fai che da sempre difende l’immenso patrimonio artistico italiano e stimola i cittadini ad amare i capolavori che ci fanno ricchi. E gli amici dell’Associazione Capitolium , buoni collaboratori del Fai, con il passaparola si fanno portavoce del progetto. Ci dicono che qualora l’imponente sito storico dovesse raggiungere le duemila preferenze potrebbe ottenere il riconoscimento e quindi contributi da destinare a restauri o manutenzioni. La raccomandazione di Federico Vaglia, punta di diamante dell’associazione Capitolium, è sentita: «Se il cimitero Vantiniano è per voi, come per noi, un gioiello architettonico unico, allora vi invitiamo a mettere la vostra preferenza, totalmente gratuita, sull’importante Faro».

L’operazione è semplicissima. Basta accendere il pc, collegarsi al sito del FAI https://www.fondoambiente.it/luoghi/faro-del-vantiniano?ldc e mettere la parolina «si» nell’apposita casella. In un minuto tutto fatto. La gigantesca colonna dorica, più alta del Pegol e della Pallata, forse pensata guardando la torre dei venti nell’agorà di Atene, fu frutto della genialità del grande Vantini. Purtroppo l’autore non la vide. Mori nel 1856, otto anni prima che l’opera fosse conclusa.

Un elegante portico circonda la colonna alla base; una scala ad elica – 280 gradini - porta chi cura la manutenzione alla minuscola terrazza e alla lanterna. Se di notte il faro spandesse un poco di luce la colonna sarebbe visibile da buona parte della città. Avremmo una monumentale lux perpetua omaggio ai bresciani che lasciano questo mondo. Purtroppo pochi tubi al neon rilasciano luce pallida e fioca. I giovani dell’associazione Capitolium dicono che con pochi soldi si può risolvere il problema, e offrire alla città un’attrazione notturna in più. Perché non dar loro retta? Da anni restaurano le tombe rovinate dai fumi velenosi delle fabbriche che un tempo assediavano il cimitero e dallo smog. Hanno cura della chiesa, della piramide con la tomba di G. Battista Bossini (èl beat Curadì), primo sepolto nel cimitero appena aperto. Tengono d’occhio il Pantheon, le cappelle di famiglia, ogni stele, ogni cippo. Insomma: hanno cura di ogni angolo di questa galleria d’arte a cielo aperto progettata e realizzata in sei anni dall’architetto bresciano. Era il 1815 quando il canonico Barbera chiese al Vantini di disegnare una chiesetta da collocare al centro del Campo Santo, al posto della croce di ferro che il vescovo Gabrio Nava aveva benedetto nel 1810. Vantini non si limitò al tempio ma progettò l’intera necropoli. Opera meravigliosa per la città che aveva ospitato Ugo Foscolo nei giorni in cui — libero da impegni galanti con la contessa Marzia Martinengo — curava la stampa del carme de I Sepolcri nella tipografia Bettoni.

Ora il progettista riposa nella rotonda che è alla base della colonna. Seleroni, scultore cremonese, lo ha raffigurato seduto, con una tavoletta da disegno sulle ginocchia. Accanto a lui riposa la moglie, Caterina Amistani. Nello stesso spazio è stato accolto Bartolomeo Gualla patriota e medico insigne. Lo scultore Lombardi è stato l’artefice dell’opera marmorea. All’interno trovano poi posto 38 lapidi. Onorano personaggi diversi. Fra i tanti: Francesco Apollonio fondatore dell’antica tipografia; il letterato e patriota carbonaro Francesco Longhena, Giorgio Lixel industriale tessile arrivato in città da Guinzburg in Germania. La rotonda del Faro può esser vista come un secondo Pantehon in scala ridotta.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news