LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La battaglia delle idee risparmi la Storia. Salviamo i monumenti nelle piazze
Michele Cozzi
Corriere del Mezzogiorno - Puglia 16/6/2020

La battaglia delle idee risparmi la Storia. Salviamo i monumenti nelle piazze

Dietro il furore iconoclasta cè la retorica dei giorni della quarantena, quella del nulla sarà come prima

Dalle proteste a Londra contro la statua di Churchill, alla vernice a Milano lanciata contro quella di Indro Montanelli, alla Francia in cui il presidente Macron si oppone a chi criminalizza la storia coloniale del Paese. Questo furore iconoclasta che viene da lontano, con il revisionismo storico che spazia da destra a sinistra, non a caso si rafforza e riemerge nella stagione della pandemia.

Che centra il virus? Uno degli effetti del lockdown e della retorica sul nulla sarà come prima, saremo migliori, nascerà un nuovo mondo è la speranza catartica di un nuovo Inizio con una sorta di tabula rasa della storia. Questa illusione riemerge periodicamente con il sogno della società perfetta, priva di macchie. In questa ottica, si gonfia la vena iconoclasta per distruggere simbolicamente personaggi del passato ritenuti politicamente scorretti.

Un vizio ideologico di chi ritiene che la storia abbia un senso, una missione, una direzione. È limpianto storicista, più o meno consapevole, che continua ad imperversare e a progettare una politica segnata dal sogno della società perfetta, pura e immacolata. Invece la storia è fatta di accidenti, di inciampi, di eventi non programmati che escludono un qualsiasi fine. Di tragedie e misfatti. Quindi, personaggi che hanno meritato un riconoscimento sociale vanno valutati e contestualizzati nel proprio periodo storico.

Ha senso tacciare di schiavismo coloro che si sono macchiati di questa infamia quando la vendita degli uomini era considerata naturale e accettata dagli Stati? E che dire della campagna contro Cristoforo Colombo? Con questa lente della storia va azzerata la democrazia degli antichi e buona parte della democrazia dei moderni. Dai greci ai romani al Novecento, il secolo delle ideologie.

Churchill ha contribuito alla vittoria della seconda guerra mondiale, senza cui le armate naziste avrebbero continuato ad imperversare in tutta Europa. Non è sufficiente per farne un eroe della libertà e della democrazia? Lo stesso discorso per un grande giornalista come Montanelli, reo di atti ingiustificabili con una dodicenne, durante la guerra in Etiopia. Con questo atteggiamento, se si va a caccia di misfatti, occorrerebbe fare tabula rasa della storia. Compresi i teorici e i politici contemporanei della società dei muri. Alcuni dei quali sono al governo a varie latitudini. Dalla storia alla cultura al cinema.

Il film Via col vento è sotto attacco per una chiara ideologia razzista; ma allora che dire del recente omicidio di un afroamericano da parte di un agente bianco americano che ha dato il via a questa tempesta riparatrice?

Anche in Puglia, non mancano evidenti segnali del tentativo di riscrivere la storia: dal dibattito esploso qualche settimana fa per la cancellazione di una via cittadina intitolata allo scienziato Nicola Pende (al quale è dedicata unaula dellUniversità di Bari), accusato per avere firmato il manifesto per la razza contro gli ebrei durante il fascismo, oppure come è avvenuto in passato, a Copertino, con il tentativo di eliminare dalla toponomastica cittadina piazza Umberto I, via Re Galantuomo, via Vittorio Emanuele II, via Regina Margherita. Non cè città pugliese che non abbia una strada dedicata ai re dItalia.

Non se la passerebbe bene a Bari e in tanti altri comuni neanche Giulio Cesare che, con i criteri dei moralizzatori, passerebbe per un dittatore e conquistatore. Se poi la discriminante diventa la politica contemporanea, a Bari dovrebbero cercare una nuova intitolazione le vie dedicate a Lenin, a Che Guevara, in diversi comuni pugliesi ci si imbatte in vie dedicate a Giorgio Almirante, storico leader neofascista; a Bari, dovrebbe essere rinominato il lungomare di Crollalanza (cè anche una statua), ministro dellepoca fascista, che torna ripetutamente nei ricordi di una parte dei baresi.

Ma è questo crinale insidioso che sembra una eredità del romanzo 1984 di Orwell, in cui venivano cancellati i dirigenti comunisti caduti in disgrazia. I destri potrebbero chiedere di cancellare le vie dedicate a Togliatti e Berlinguer, presenti in numerosi comuni pugliesi; e i sinistri metterebbero nel mirino Pinuccio Tatarella, storico leader post-fascista poi divenuto il ministro dellarmonia, al quale a Bari è dedicato un asse strategico della viabilità cittadina.

Speriamo che a nessuno venga in mente di inoltrarsi in un derby tra Berlinguer e Tatarella perché in tal caso la storia si trasformerebbe in farsa.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news