LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il sindaco agli Stati Generali chiede più autonomia per cantieri e incentivi fiscali.
Marzio Fatucchi
Corriere Fiorentino 16/6/2020

Al governo: regime speciale per le città d’arte alle prese con il collasso dell’economia
Nardella: autonomia ai sindaci per cantieri e incentivi fiscali

Le proposte agli «Stati Generali» a Roma: le città d’arte siano «zone blu economiche»

Poteri da commissari per realizzare le grandi opere, sul modello Genova, perché dalle Città metropolitane passano «il 24% degli interventi pubblici» e ora riattivarli velocemente è fondamentale per far ripartire l’economia. E per le città d’arte e a forte vocazione turistica vanno create «zone blu economiche», dove i sindaci abbiano un’autonomia importante per dare «agevolazioni, incentivi, fiscali e non» per aiutare i settori più colpiti dalla crisi, quelli del turismo, e attrarre nuove imprese e attività. Sono i due punti principali del lungo intervento svolto dal sindaco di Firenze Dario Nardella agli «Stati Generali» convocati a Roma, la serie di incontri con le parti sociali voluta dal presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte. Nardella, intervenuto come coordinatore dei sindaci delle Città metropolitane dopo il coordinatore delle Regioni Stefano Bonaccini e il presidente Anci Antonio Decaro, aveva già preannunciato alcune delle richieste e fatto capire che i Comuni (non solo quelli grandi) hanno bisogno di interventi ad hoc. Anche perché, aveva già detto ieri mattina in tv, «in centro a Firenze 1.200 aziende, ristoranti e locali, sono in ginocchio» anche se il Comune ha concesso spazi per i tavolini: «Sono oltre 400 (470, ndr ) e trovo che sia una buona misura». Ma di fronte ad un possibile calo del 15% del Pil è chiaro che sono pannicelli caldi.

Per questo motivo nel suo intervento Nardella ha chiesto interventi importanti, in termini di miliardi di euro, per diversi settori. Sulle città turistiche c’è da fare molto di più perché «il turismo è stato fino al 2019 un settore in crescita con un più 6,6% di spesa internazionale sull’Italia alla quale è corrisposto un più 5,8% di arrivi internazionali su un complessivo più 4% di crescita di passeggeri aeroportuali totali. Le entrate dovute al turismo rappresentano circa il 40% delle esportazioni di servizi, con un contributo strutturalmente positivo alla bilancia commerciale» ha ricordato Nardella. Ora però tutto o quasi è fermo e gli interventi vanno previsti sia per le città d’arte che per quelle «hub» aeroportuali e per i distretti balneari e montani. Partendo con «l’istituzione delle “zone blu economiche” per i Comuni la cui economia è fortemente, o prioritariamente, incardinata sul settore turistico (che può rappresentare anche il 30, 40, 60 o addirittura il 90% del Pil locale)». La strategia, dice Nardella, dopo un sostegno alla ripartenza del turismo italiano interno, deve passare da una campagna internazionale per il «brand Italia» e dalla creazione di «corridoi sicuri per turisti stranieri sull’esempio degli accordi tra Croazia e Germania».

La vera ripresa però riparte dall’economia pesante e nel settore degli investimenti le Città metropolitane possono giocare un «ruolo fondamentale». E oltre alla semplificazione, a meccanismi di finanziamenti diretti agli enti locali anche con fondi europei, Nardella propone «per le opere strettamente strategiche di interesse locale, di importo non inferiore a due milioni di euro» di utilizzare «il modello Genova e applicarlo a tutti i sindaci, anche delle Città metropolitane, consentendo loro, con possibilità di delega, di agire anche in deroga al Codice appalti ma nel rispetto dei vincoli inderogabili dell’Unione europea. Esattamente come per il Ponte di Genova, appunto» e con un sistema di controllo e verifica triennale. Non solo.

Nardella chiede un «Piano Italia dei Comuni (dai distretti del benessere, ai borghi culturali, ai Comuni del riposo ed altro)» usando i fondi europei sulle linee dell’ambiente, dello sviluppo sostenibile, sull’accesso al digitale e persino chiedendo ai soggetti pubblici e privati di comunicare i «big data» a partire dalla sanità per gestire i prossimi mesi di lotta al Covid, ma non solo: pure «sui sistemi di welfare, sulla gestione dei rifiuti, sul supporto alle attività produttive, sul controllo del territorio» e sulla mobilità. Per agire, occorre conoscere i fenomeni, ed i big data sono fondamentali. Infine, un po’ a sorpresa, Nardella chiede anche una «grande campagna contro la disinformazione contro il 5G», la nuova rete di trasmissione dati cellulari ad altissima velicità, contro cui si scagliano No Vax, complottisti e produttori di fake news. Perché come aveva già detto la mattina in diretta ad Agorà , «c’è un clima di esasperazione pesante, dobbiamo stare molto attenti perché se non arrivano strumenti concreti questa esasperazione può diventare disperazione e può essere strumentalizzata da movimenti politici ultra populisti».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news