LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Tavolini, richieste verso quota 500. In centro cancellati 88 posti auto
M.F.
Corriere Fiorentino 16/6/2020

E i parcheggi di compensazione promessi ai residenti? Per ora non ci sono

Sono arrivate a 470, e forse saliranno a 500, le richieste di spazi esterni per tavolini da parte dei ristoratori in tutta la città. Circa il 60% è fuori dal centro storico, anche se dentro le mura sono soprattutto i progetti speciali a farla da padrona: gruppi per piazze o richieste di pedonalizzazioni. Cè stata unimpennata negli ultimi giorni (tra venerdì e ieri sono arrivate altre 70 richieste). Diverse di queste sono ancora appese al parere degli uffici della mobilità e della Prefettura. Si tratta degli 81 progetti speciali che hanno ripercussioni particolari, in alcuni casi anche la pedonalizzazione: per questi, ancora si dovrà aspettare le verifiche ed il placet della prefettura e del Comune. Alcuni di questi potrebbero partire già tra giovedì e venerdì. Ma per avere un quadro completo, ci vorranno due settimane. Praticamente, tolti i progetti speciali, fuori dal centro un ristorante su 4 ha chiesto spazio per i tavolini, il 9% in centro (ma qui sono concentrati buona parte dei progetti speciali, alla fine la percentuale dovrebbe alzarsi abbondantemente). Ma quanti sono quelli che hanno chiesto di occupare stalli di sosta, cancellando i posti auto? Un dato complessivo non cè, ma nel centro storico i posti auto mangiati dai tavolini aggiuntivi sono (a ieri) 88: di questi, 60 nella zona di qua dArno, dalla stazione a Santa Croce. Sette nel castrum, intorno a Duomo e piazza della Repubblica. In Oltrarno, 21 posti in tutto tra cui sei in via dellOrto, uno sul lungarno Torrigiani, due in via dellArdiglione, in via dei Serragli, in via del Tiratorio e in via SantAgostino, due anche in via di Camaldoli, uno in piazza del Carmine.

Non tutti i ristoranti hanno chiesto due posti (o gli sono stati concessi), in diversi casi hanno occupato solo un posto auto. Per questi posti, il sindaco Dario Nardella aveva promesso una compensazione, ossia il tentativo di trovare parcheggi alternativi, visto che anche 88 posti possono essere (molto) preziosi in un centro storico in cui ci sono 5.500 stalli di sosta per 18 mila residenti con permesso auto (e ora, senza Ztl notturna, arrivano anche tante auto da fuori). Lassessore alla Mobilità Stefano Giorgetti assicura che stanno monitorando la situazione ed i livelli di traffico, ancora inferiore al pre-lockdown, cercando soluzioni alternative, ma complicate proprio per la situazione soprattutto in Oltrarno. In pratica, per il momento, di compensazioni non ce ne sono, né in centro né fuori: ma Giorgetti sostiene che in tutto lOltrarno si tratta, tranne via dellOrto, di uno-due posti auto per alcune strade. Certo, se laumento delle richieste proseguisse, alla fine sarebbe davvero un problema per i residenti parcheggiare fino a settembre.

Ma almeno, i tavolini hanno aiutato i ristoratori?

Ci sono segnali positivi. Senza tavolini avrebbero perso almeno il 50% dellattuale fatturato, inferiore a quello precedente spiega Lapo Cantini della Confesercenti. Che conferma che, visti i primi successi, altre richieste arriveranno: Dieci progetti sono nati solo negli ultimi giorni, ma arrivano anche altre richieste singole. Anche perché dentro al locale non vuole mangiare nessuno, anche se dentro cè distanza, misure previste, se è areato. Nulla: è un motivo psicologico. E quindi si supereranno tranquillamente le 500 richieste. Molti progetti unitari sono partiti dopo. Ce ne sono altri previsti a San Lorenzo, San Frediano, si sta muovendo piazza Pitti. Ma anche in piazza San Pier Maggiore.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news