LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sit-in, slogan e vernice rosa. «Colonialismo è violenza». Ma Conte difende le statue
Andrea Senesi
Corriere della Sera - Milano 17/6/2020

Montanelli, femministe in piazza. Il premier: no all’oltraggio


«Il colonialismo è stupro». L’asfalto di piazza della Scala si colora di rosa alla fine del breve presidio di protesta organizzato all’ora dell’aperitivo davanti a Palazzo Marino da «Non una di meno». Trecento persone dei collettivi femministi e delle realtà antagoniste. Nessuna bandiera di partito, a parte una sparuta delegazione di militanti verdi avvolti nel drappo del sole che ride. Il luogo scelto per il sit-in è tutt’altro che casuale. Perché l’obiettivo è contestare (anche) la sinistra di governo e istituzionale, «colpevole» di essersi schierata a difesa della memoria di Indro Montanelli. «Stupro, pedofilia e colonialismo non sono errori», si legge sul lungo striscione steso davanti all’ingresso del municipio. Gli stessi organizzatori però chiedono ora di andare oltre, di alzare lo sguardo da quel monumento ai giardini di Porta Venezia. «Non riduciamo tutto alla statua di Montanelli», dice Elena, una portavoce di «Non una di meno»: «Noi oggi vogliamo avviare una seria discussione sulla decolonizzazione dello spazio urbano della città, perché Milano è per fortuna attraversata ogni giorno da un modello di normalità molto diverso da quello che difende il gruppo di potere. Questa città è abitata da tantissime persone, soprattutto ragazze giovani che ormai sono meticce e hanno genitori che provengono da ogni parte del mondo». Una critica al sindaco? «A Sala diciamo che rifiutiamo ogni banalizzazione dello stupro e della violenza», spiega l’attivista.

In piazza della Scala non si vedono politici né volti noti.Tra i tanti giovani, si riconosce però Lea Melandri, storica attivista del movimento delle donne, che sposa senza riserva l’impostazione della mobilitazione. «Non m’interessa rimuovere statue, ma dare un segnale. Questi monumenti a chi li abbiamo eretti? La storia va interrogata, altroché. E ora è più che mai necessaria una riqualificazione dello spazio pubblico. D’altra parte una delle lezioni più feconde del movimento femminista è stata che “il personale è politico”». «Rivogliamo i giardini di Porta Venezia», si legge su un cartello. «Decolonize the city per una Milano antirazzista e transfemminista», dice un altro. Prima del flash-mob con la vernice rosa, le militanti s’alternano in velocissimi comizi. «La vita di Destà vale, la nostra vita vale», urlano alla fine del sit-in, con un evidente richiamo agli slogan utilizzati nelle città americane in rivolta contro le discriminazione razziali.

Sulla questione della statua di Montanelli ieri è intervenuto anche il premier Giuseppe Conte. «Sono da condannare gli oltraggi alla memoria di persone che hanno svolto un ruolo nella nostra storia», ha detto il presidente del Consiglio in una intervista alla «France Presse»: «Questa furia iconoclasta ci ricorda periodi oscuri del passato ed è chiaro che tutti gli atti di violenza, gli oltraggi alla memoria di persone che hanno svolto un ruolo nella nostra storia culturale, politica e istituzionale devono essere condannati». «Io capisco — dice Conte — che si sia diffusa rabbia per alcuni episodi di razzismo. Ma il razzismo è vietato in tutte le sue forme dalla nostra carta costituzionale. Noi dobbiamo evitare che il razzismo si coniughi con l’insicurezza sociale, perché da lì possono nascere frustrazione, violenza e rabbia».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news