LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

«Scavi critici nel centro storico. Tre mesi persi per il Covid»
Maurizio Giannattasio
Corriere della Sera - Milano 17/6/2020


Il presidente Terragni: danni fisiologici, abitanti indennizzati

«Reperti archeologici lungo il tracciato, intesa con le Belle arti»


Fabio Terragni, presidente di M4 spa, cosa è successo in via Santa Sofia?

«È crollato il pavimento di una cantina, probabilmente a causa di una cavità che si è generata in corrispondenza dello scavo di un cunicolo che mette in collegamento il manufatto di Santa Sofia con la galleria del metrò».

Cos’è un manufatto?

«Sono quelle costruzioni più piccole rispetto alle stazioni che ospitano impianti tecnici e uscite di sicurezza. Sono scavati in verticale fino alla profondità di 20 metri con piccole escavatrici».

Colpa delle talpe?

«No, le talpe sono passate in quella zona tra gennaio e febbraio. Adesso (ieri, ndr) stiamo riempiendo la cavità con del calcestruzzo per permettere il ritorno delle persone. Non ci sono segnali preoccupanti per la stabilità dell’immobile come ci hanno detto i vigili del fuoco».

Eppure la gente ha faticato ad aprire la porta di casa.

«Questi sono spostamenti attesi, legati agli scavi. Vengono considerati fisiologici quando sono compresi entro i 2 centimetri. Qui l’assestamento è stato di mezzo centimetro. Naturalmente anche un piccolo spostamento del genere può creare un problema all’apertura e alla chiusura delle porte. Ma non è un indice strutturale».

Quante altre volte è successo durante gli scavi?

«Nella tratta centrale abbiamo avuti diversi di questi problemi di piccoli assestamenti del terreno per cui in molti appartamenti si sono create delle crepe, soprattutto in corrispondenza dei tramezzi e delle giuntura tra i tramezzi e i muri portanti».

Cosa fate in questi casi?

«Abbiamo una procedura visibile sul sito di M4. Rileviamo il sinistro e lo trasmettiamo ai costruttori che a loro volta si rivolgono all’assicurazione che provvede al ripristino o al rimborso del danno. È successo un po’ di volte perché quasi tutto il tracciato di M4 è vicino alle case».

Non mi dica che scavare a Milano è più complicato che scavare a Roma.

«Chiaramente le problematiche come quelle di natura archeologica sono sicuramente superiori a Roma, ma anche noi abbiamo avuto il nostro bel da fare perché il tracciato del metrò corrisponde in gran parte al limite della città romana. Abbiamo ritrovato un centinaio di sepolture in San Babila, San Vittore, Sant’Ambrogio. Poi è stata la volta di una struttura di epoca medioevale ma realizzata con blocchi di costruzione romana all’angolo tra via De Amicis e via Correnti. Circa due anni fa sul versante della Ca’ d’oro abbiamo trovato un muro e d’accordo con la sovrintendenza lo abbiamo smantellato e verrà reinserito nel muro di discesa della fermata. Infine la scoperta più recente».

Quale?

«A marzo, nel periodo Covid, abbiamo fatto un ritrovamento decisamente più importante, una struttura ad angolo che probabilmente ospitava delle chiuse in corrispondenza dell’angolo di Cesare Correnti. Non può essere lasciata lì perché insiste sulla fermata. D’accordo con la sovrintendenza verrà smontata e ricollocata nell’area dell’ex Arena romana che oggi è il parco dell’anfiteatro».

Scoperte archeologiche, problemi negli scavi, il lockdown. Riuscirete a rispettare i tempi?

«A oggi abbiamo una previsione di ritardo compreso tra i due e i tre mesi, in parte dovuto al lockdown. Ora dobbiamo garantire la sicurezza di tutti i lavoratori e questo ci porta ad allungare i tempi. Inoltre, mentre i lavori di costruzione sono ripartiti senza particolari affanni, le parti che riguardano gli impianti e le verifiche di sicurezza dei treni sono di competenza del ministero e hanno subito dei ritardi. In più alcune aziende fornitrici sono all’estero e le frontiere sono state riaperte da poco. Abbiamo questi due o tre mesi di ritardo che per alcune criticità potrebbero essere anche superiori. Però stiamo verificando insieme ai costruttori e al Comune per mettere mano a un nuovo cronoprogramma con date di apertura precise. Compatibilmente con le incertezze di questo periodo».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news