LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Città d'arte. Zone blu per attrarre imprese. E difendere quelle in difficoltà
Marzio Fatucchi
Corriere Fiorentino 17/6/2020

Poteri straordinari per i sindaci Zone speciali con agevolazioni Un Piano Italia per il Comuni
Lidea: regime agevolato per Firenze e le altre città darte, ma servono una legge e fondi del governo


Uno strumento per difendere le imprese in crisi, soprattutto quelle turistiche, ma anche per attrarne di nuove. È la zona blu per le città darte, più colpite di altre dalla crisi del coronavirus nella propria economia e nelle entrate dei Comuni, proposta dal sindaco Dario Nardella agli Stati generali del governo. Soprattutto per aiutare le aziende legate al turismo: i problemi si risolveranno lentamente, nessuno prospetta un ritorno del turismo ai livelli del 2019 se non prima di due anni. Un periodo lunghissimo se confrontato con i rischi di perdita dei posti di lavoro e di chiusura delle aziende. Meglio inventarsi qualcosa, o almeno provarci, per sostenere le attività in crisi, puntando anche a farne nascere di nuove. Ed ecco lidea delle zone blu.

Si tratta della trasposizione delle Zes, zone ad economia speciale, in una zona lontane dal mare. Le Zes sono infatti nate al Sud intorno a porti o hub logistici per le merci, per incentivare con sgravi fiscali sulle assunzioni e sugli investimenti, e anche attraverso la semplificazione di procedure, larrivo di nuove aziende, con sconti che partono da 50 milioni di euro per gli impianti.

È quindi evidente che solo con un sì (e un sostanzioso finanziamento) del governo queste zone blu potranno nascere e funzionare. Ma per fare cosa? Lobiettivo dichiarato è sostenere le città dove leconomia è fortemente, o addirittura prioritariamente, incardinata sul settore turistico (che può rappresentare anche fino al 90% del Pil locale). Firenze ha solo il 19% del Pil locale legato al turismo ma i turisti pesano fortemente sui conti comunali, che infatti ora si trovano con 80 milioni in meno di entrate, a partire dallammanco dovuto alla tassa di soggiorno.

Listituzione di una zona in cui poter concedere agevolazioni alle imprese si potrebbe legare anche agli incentivi già promessi dal sindaco Nardella a chi porterà attività innovative e digitali in centro storico, che avranno labbattimento almeno dellImu per i primi tre anni. Non solo. Ora che Palazzo Vecchio deve ridisegnare il futuro dellarea Mercafir, visto che lo stadio non andrà nellarea sud, lidea è di prevedere proprio in quei 14 ettari (oltre ad un parco) una sorta di tech city, per farci atterrare imprese digitali, magari qualche big sul modello del centro ricerca della Apple a Napoli. E considerato che uno dei punti prioritari promessi dal sindaco nel suo programma elettorale era quella di fare di Firenze una città delle conoscenza, gli stessi incentivi potrebbero essere utilizzati per far arrivare nuove università (o inventarsi luoghi dove le numerose università già presenti, italiane, europee e americane lavorino assieme).

Da Confesercenti, che spera soprattutto in aiuti per le aziende del turismo, arriva il primo sì: A suo tempo ricorda Lapo Cantini avevamo proposto anche noi una no tax area. La zona blu può essere una buona intuizione. Sì anche dalla Cisl: Occorre inventarsi qualcosa di nuovo per chi vive sotto il tetto del turismo. Ma ora dovremo parlare dei conflitti tra enti e istituzioni diverse. Esiste un potere della Città metropolitana per affrontare i problemi delle infrastrutture? Non mi pare. Bocciatura su tutta la linea da parte di Daniele Calosi della Fiom, che critica Nardella soprattutto sulla richiesta di poteri commissariali per le grandi opere: La competitività degli investimenti non passa dalle zone franche o da commissari straordinari. Cavalli sposta la produzione a Milano non perché manca la pista parallela, ma per scelte del fondo finanziario. Beckaert idem. Dovremmo avere zone franche dalla rendita.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news