LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Govone. Osservatorio tutela paesaggio di Langhe e Roero: “No all’abbattimento del muro della biblioteca del Castello”
Cesare Cuniberto
Ideawebtv, 26/06/2020

Segnalazione relativa alla volontà di partecipazione del Comune al "Bando distruzione" della Fondazione CRC


Riceviamo e pubblichiamo dall’Osservatorio per la tutela del paesaggio di Langhe e Roero

L’Osservatorio per la tutela del paesaggio di Langhe e Roero intende esplicitare la problematica relativa all’Area Monumentale del Castello Reale di Govone, area di altissimo valore storico e architettonico, riconosciuta “patrimonio dell’umanità” dall’UNESCO, come pervenuta da cittadini di Govone, dal Gruppo di Minoranza Comunale, e da Associazioni culturali attive sul territorio del Roero, aderenti all’Osservatorio di cui sopra.

L’Amministrazione comunale di Govone ha deciso di partecipare al “Bando Distruzione” della Fondazione CRC con un progetto consistente nell’abbattimento del muro che circoscrive il giardino della Biblioteca popolare ubicata nel Castello Reale, riconosciuto bene Unesco dal 1997. È doveroso da parte dell’Osservatorio il riconoscimento alla Fondazione CRC della originalità e della validità dell’iniziativa: pur avendo operato in anni relativamente recenti, questa ha già prodotto in sedi locali significativi risultati, con unanimi riconoscimenti. L’Osservatorio augura perciò sinceramente che la Fondazione persegua anche in futuro questa azione, discernendo con attenzione tra gli interventi proposti, promuovendo, senza ironia, i peggiori, mettendo a disposizione i mezzi per rimediare a sbagli fatti in passato, a interventi incongrui, oppure obsoleti e ormai respinti dalla più matura sensibilità dei cittadini, o anche motivati da esigenze non più attuali e come tali da cancellare, ripristinando le precedenti condizioni.

Con assoluta franchezza e conoscenza di causa, si è però in condizione di poter affermare che tale non pare all’Osservatorio il giudizio applicabile al muro contiguo al Castello Reale di Govone, sia pure oggetto di apposito progetto di demolizione da parte del Comune, o almeno del Sindaco e della maggioranza dei consiglieri. In primo luogo la costruzione del muro risale a più di un secolo, mentre i dettagli esecutivi non sono privi di dignità ed accuratezza; i materiali usati sono laterizi a vista e muratura intonacata a calce, scompartita in pilastri di mattoni a vista, che ne assicurano la staticità: parimenti non risultano evidenti eventuali situazioni di instabilità e tanto meno di contrasto ambientale o architettonico, pur nella sproporzione tra lo splendore del Castello e la semplicità del muro.

Il cortile così recintato costituisce un’area di protezione del Castello e delle istituzioni comunali, come la biblioteca; anche il cancello in ferro di chiusura, pur semplicissimo, è dignitoso e coerente. Peraltro, considerata la stretta contiguità con il prestigioso edificio storico, sarebbe opportuno curare la perfetta manutenzione del prato e del suolo, provvedere alla ristrutturazione di alcune parti del muro centenario e delle vie di accesso, per dedicare l’area ad eventi culturali e mostre in linea con sani principi di tutela del patrimonio storico/artistico, evitando di trasformare il sito in deposito anche temporaneo, in parcheggio, ecc.

Sia però permesso richiamere gli obiettivi che stanno alla base della decisione di procedere alla demolizione del manufatto. Infatti, considerandolo semplicemente una superfetazione da eliminare, tesi che l’Osservatorio respinge recisamente, si lascia in pratica via libera ad un uso mercantile: questo sì incongruo in rapporto ad un bene addirittura “patrimonio dell’umanità”.
Questa malaugurata destinazione comporterebbe compromissioni negative per l’edificio del Castello, la cui fruizione dovrebbe essere primariamente cauta e regolata con precisione, evitando in secondo luogo di invaderne in modo incongruo le aree circostanti.

Non va infine sottovaluto ancora un aspetto che ci segnala il terriorio: il muro delimita un’area che testimonia l’identità e la storia delle istituzioni pubbliche, collettive o religiose del paese.

Richiediamo con la presente denunciare questa improvvida iniziativa del Comune di Govone con l’auspicio che venga prontamente ritirata.

Cesare Cuniberto per conto del Direttivo

https://www.ideawebtv.it/2020/06/26/govone-osservatorio-tutela-paesaggio-di-langhe-e-roero-no-allabbattimento-del-muro-della-biblioteca-del-castello/


news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news