LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Uffizi, dal 7 luglio apertura anche la mattina
Edoardo Semmola
Corriere Fiorentino - 26/6/2020

Crescono i visitatori, e già da martedì si potrà andare in galleria sei giorni su sette

Finisce il «purgatorio» delle sole apertura pomeridiane: dal 7 luglio gli Uffizi riaprono anche di mattina. Questo intermezzo temporale è servito al museo per prendere le misure alla ripartenza post-lockdown e permettere le sanificazioni quotidiane, in alternanza con Palazzo Pitti che al contrario apre solo al mattina e sanifica gli ambienti nel pomeriggio. Ora però gli Uffizi sono pronti ad ampliare l’orario forti di un numero di visitatori in crescita: 6.969 visitatori nell’ultimo weekend, oltre 2 mila in più rispetto al primo fine settimana dopo la riapertura quando i visitatori erano stati 4.663. Nel weekend successivo erano saliti a 6.231. Sempre mantenendo tutte le precauzioni anti-contagio, dalle mascherine obbligatorie ai termoscanner all’ingresso, ai vari punti dedicati all’igienizzazione delle mani, ai divieti di assembramento con i gruppi limitati a un massimo di 10 persone.

«Il pubblico ha risposto in modo estremamente positivo alla riapertura degli Uffizi, di Palazzo Pitti e del Giardino di Boboli – dice con soddisfazione il direttore delle gallerie Eike Schmidt – Si è registrato un flusso di visite di vicinanza e nazionali, con le prime presenze turistiche d’oltralpe. È dunque evidente che occorre ampliare le possibilità di vedere i nostri tesori mantenendo il “ritmo lento” e il sotto-affollamento che sono stati forse il primo risultato positivo della riapertura. Con l’ampliamento dell’orario passiamo dalla prima alla seconda marcia, aiutando anche l’economia cittadina e regionale, senza forzare la mano per “fare numero” e senza mai perdere d’occhio i termini rigorosi di sicurezza necessari per contrastare il coronavirus».

Già da martedì prossimo l’apertura è anticipata dalle 14 alle 13.30 e il museo resterà aperto sei giorni su sette anziché cinque. Il mercoledì, giovedì e venerdì il museo rimane aperto fino alle 18,30, mentre nel weekend l’orario già prolungato dalle 9 alle 18,30. L’orario esteso non preclude però che si continuino le sanificazioni quotidiane, che saranno spostate alle prime ore del mattino e in quelle serali, dopo la chiusura.

La nuova impostazione improntata a un turismo forzatamente più «slow» ha avuto come effetto collaterale positivo la crescita delle vendite del biglietto Passepartout pe tre giorni che consente l’ingresso a tutti e tre i musei nell’arco di 72 ore, oltre alla visita gratuita al Museo dell’Opificio delle Pietre Dure e al Museo Archeologico entro altri cinque giorni. Sono 225 i biglietti Passepartout venduti nel weekend di metà giugno, numero arrivato a 416 se consideriamo anche l’ultimo, con un incremento dell’85%.



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news