LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Un batterio per Michelangelo
Chiara Dino
Corriere Fiorentino - 3/7/2020

A un occhio attento e fortunato per averle osservate da vicino montando sui ponteggi le tombe medicee di Michelangelo, nella Sagrestia Nuova della Basilica di San Lorenzo a Firenze, raccontano una storia di secoli. Almeno cinque, tanti quanti ne sono passati da quando papa Leone X chiese allartista di progettare le sepolture monumentali per i congiunti, Lorenzo duca di Urbino e Giuliano duca di Nemours. Macchie, segni grafici, tracce di colore e di composti organici, che in questi ultimi mesi sono stati rimossi con lausilio di acqua demineralizzata, raggi laser e batteri prodotti dallEnea, ci parlano grazie alla mediazione di tre donne che stanno completando un restauro decennale in conclusione il 15 luglio.

Si tratta di Daniela Manna e Marina Vincenti, che al recupero lavorano materialmente, e di Monica Bietti responsabile e direttrice del restauro, cui se ne aggiunge unaltra, Paola DAgostino alla guida dei Musei del Bargello. Tre vestali di uno dei capisaldi della cultura figurativa occidentale. Ma prima un po di storia: è il 1519 quando papa Leone X, (figlio di Lorenzo il Magnifico e di Clarice Orsini battezzato col nome di Giovanni) abbandona lidea di ultimare la facciata della basilica di San Lorenzo e chiede a Michelangelo di progettare una nuova cappella di famiglia per le tombe di Lorenzo duca di Urbino e di Giuliano duca di Nemours.

Il primo, che troviamo alla sinistra dellingresso della Sagrestia Nuova con le due statue che simboleggiano lAu rora e il Crepuscolo ai piedi del defunto; il secondo dove campeggiano le allegorie della Giorno e della Notte . Alla morte di Leone X , il cugino cardinale Giulio de Medici, futuro papa Clemente VII, confermò lincarico a Michelangelo, che per la Sagrestia Nuova aveva realizzato anche la Madonna con Bambino che sovrasta la tomba del Magnifico e del fratello Giuliano. Nel 1527 il progetto subirà un primo rallentamento per il sacco di Roma e lallontanamento di Michelangelo durante lassedio di Firenze (1529) che, con il ritorno di Alessandro dei Medici al potere, temeva la morte. Limpegno del Buonarroti in San Lorenzo durerà fino al 1534 quando andrà via da Firenze per ritornarvi solo da morto, nel 1564. Nel 1534 spiega Monica Bietti lartista aveva completato le sette statue, ma le aveva lasciate a terra. Lo stallo durerà fino al 1545 quando sarà chiesto al Tribolo di collocarle dove le vediamo oggi. Quello che accadde poco dopo, e nel corso dei secoli, lo si sa da fonti documentali e dagli studi condotti durante il restauro. Nel 1563 continua Monica Bietti venne fondata a Firenze, per volere di Cosimo I e su consiglio di Giorgio Vasari, lAccademia delle Arti del Disegno che ebbe qui la sua prima sede. Vasari racconta che in Sagrestia mancavano le finestre e che i preti per riscaldarla vi accendevano il fuoco noncuranti del fatto che il fumo avrebbe annerito le sculture. Ma non accadde solo questo.

Gli Accademici o comunque chi nei secoli eseguì i calchi delle statue spiega Marina Vincenti hanno lasciato dei segni grafici sulle statue di Michelangelo. Negli occhi della Notte , grazie a indagini fotografiche a infrarossi e ultravioletti, abbiamo trovato una sorta di eyeliner, una striscia scura posposta. Le loro esercitazioni, realizzate a sanguigna e a matita, si vedevano a occhio nudo anche sul Crepuscolo e sullAurora, soprattutto in corrispondenza delle pieghe dei corpi. Così come si riconoscono altre macchie più scure, qua e là su tutti i corpi delle statue.

In questo caso si tratta aggiunge Vincenti di resti di cere e di oli giustapposti nei secoli, da quando, poco dopo la loro ultimazione, si cominciò a produrre dei calchi delle sculture. Loperazione di ablazione di tali macchie è molto delicata. Ci viene in aiuto Daniela Manna: Qui lavoriamo con un laser di ultima generazione di El. En. Group ma lintervento va fatto con molta cautela perché questo tipo di strumentazione si attiva ogni qual volta riconosce un colore diverso dal bianco. E visto che il marmo di Carrara utilizzato dal maestro non è puro, dobbiamo evitare di agire nelle venature più scure originarie. Lerrore sarebbe fatale perché potrebbe causare la spaccatura delle sculture in corrispondenza della venature. Ovviamente la gran parte dellintervento preliminare, oltre che implicare un attento studio delle opere, è stato fatto con lintento di eliminare la polvere che di giorno in giorno vi si deposita con il solo ausilio di aspiratori e impacchi di acqua demineralizzata, con verifiche continue condotte dal Cnr: Gli impacchi hanno la stessa funzione di quando la sera ci strucchiamo e togliamo dalla pelle lo sporco atmosferico interviene Monica Bietti seguendo una procedura messa a punto dieci anni orsono, con Cristina Samarelli quando si cominciò a pulire porte e pareti della Sagrestia segnate dalle impronte della mani dei visitatori.

Ma non basta. Lintervento delle restauratrici ha riguardato altri due aspetti non secondari. In primo luogo spiega ancora Marina Vincenti grazie a indagini colorimetriche e di riflettanza della luce eseguite da Andrea Rossi abbiamo scoperto che, durante il precedente restauro della fine degli anni Ottanta Agnese Parronchi era intervenuta sulle sculture con una cera protettiva e con delle velature ad acquerello, probabilmente per attenuare delle zone che le sembravano troppo luminose, ora eliminate con il solo ausilio di acqua.

Infine, cosa che probabilmente avverrà a ponteggio smontato e dunque dopo il 15 luglio, si interverrà sul sarcofago di Lorenzo duca di Urbino alterato da macchie di colore più scuro. In questo caso siamo in presenza di ossalati e materiali organici, che saranno rimossi grazie allausilio di un batterio isolato dallEnea e riprodotto in laboratorio in grado di mangiare il deposito che si presenta di colore più scuro. A tal proposito spiega Monica Bietti: Quando le 1537 il duca Alessandro de Medici fu ucciso le sue spoglie vennero deposte nello stesso sarcofago del duca di Urbino. Ma, a differenza del trattamento riservato agli altri defunti della Sagrestia, il suo corpo non sottoposto a eviscerazione e a imbalsamazione, nel tempo ha restituito dei liquidi filtrati fino allesterno in corrispondenza di queste macchie. Le ultime che saranno eliminate.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news