LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Pissarro rubato dai nazisti a Vichy ritorna agli eredi
Stefano Montefiori
Corriere della Sera - 4/7/2020

Parigi Gennaio 2017, retrospettiva dedicata a Camille Pissarro al museo Marmottan-Monet di Parigi. Tra le opere esposte cè La raccolta dei piselli, dipinta dal maestro impressionista nel 1887 e prestata al museo da Bruce e Robbi Toll, coppia di grandi collezionisti americani, ringraziati dai curatori. Ma nel piccolo e bellissimo museo dellOvest parigino una mattina arrivano tra i visitatori anche i nipoti di Simon Bauer, commerciante francese ebreo appassionato di arte, al quale i nazisti espropriarono i quadri durante loccupazione. Riconoscono La raccolta, e decidono di rivolgersi alla giustizia. Dopo oltre tre anni di battaglia legale, mercoledì la sentenza della Corte di cassazione francese: La raccolta dei piselli tornerà definitivamente alla famiglia Bauer.

Simon Bauer, nato nel 1862, era un giovane senza istruzione ma geniale: entrato commesso in un negozio, ha fatto subito fortuna nel settore delle calzature per poi vendere la sua attività a quarantanni. Con il ricavato si è dedicato ai viaggi e a farsi una cultura. Bauer aveva una collezione di 93 opere, venne espropriato e catturato per essere inviato nei campi di concentramento, ma riuscì a scappare. Finita la guerra, riuscì a rientrare in possesso solo di pochi pezzi prima di morire nel 1947.

Dopo essere passata tra mani diverse La raccolta dei piselli di Camille Pissarro è stata messa allasta da Christies New York nel 1995, e ad aggiudicarsela furono i Toll per 800 mila dollari. Quando i discendenti Bauer hanno saputo del quadro esposto al Marmottan-Monet, nel 2017, hanno immediatamente chiesto il sequestro sulla base del decreto del 21 aprile 1945 che dichiara nulli gli espropri commessi durante il collaborazionismo di Vichy. I Toll non sono mai più rientrati in possesso dellopera, ma hanno a loro volta fatto ricorso alla magistratura francese.

Il primo luglio, la Corte ha stabilito che il quadro tornerà ai Bauer, pur riconoscendo la buona fede dei collezionisti americani. In virtù del decreto del 1945, gli acquirenti ulteriori di un bene espropriato non possono pretendere di esserne legittimi proprietari, anche se erano in buona fede. La raccolta dei piselli, che negli ultimi tre anni era rimasta custodita dal museo dOrsay, tornerà ai Bauer che devono ancora decidere la sua destinazione.

Resta un problema: chi risarcirà i Toll, che hanno speso 800 mila dollari? Ai miei clienti non dispiace affatto che la famiglia Bauer torni in possesso del quadro dice lavvocato Ron Soffer . Quello che non accettano è il fatto di pagare per un crimine commesso non da loro ma dal regime di Vichy. Per questo i Toll faranno ricorso alla Corte europea dei diritti delluomo di Strasburgo, chiedendo di essere risarciti dallo Stato francese.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news