LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. La passeggiata reale
Veronica Tuzii
Corriere del Veneto, Padova e Rovigo - 25/6/2020

Il parco dietro Piazza San Marco pensato da Napoleone, tra melograni e bambù. Il recupero voluto da Adele Re Rebaudengo: Un luogo innanzitutto per i veneziani

Sono senza tempo, fuori da ogni tempo. Sono un posto fatato, armonioso, un luogo del pensiero abitato da alberi di agrumi, melograni, fichi e nespoli, oleandri, isole esotiche di Tetrapanax, rose violacee del Cercis, narcisi, iris e tulipani. Sono formali e rigorosi - come prescrive lo storico disegno ottocentesco - ma non troppo. Sono i Giardini Reali di Venezia, uno spazio circondato dallacqua su cui saffacciano il Museo Correr, le sale imperiali del Palazzo Reale che furono frequentate dalla principessa Sissi, il Museo Archeologico e la storica Biblioteca Marciana. Si trovano dietro Piazza San Marco, affacciati sul Bacino: 5.500 metri quadri di parco e un padiglione neoclassico tornati di recente nel pieno del loro originario splendore. Unimmersione tra storia e natura, un romantico polmone verde nel cuore della città della Serenissima, dove andare a rilassarsi, a leggere un libro sotto il pergolato di glicini e bignonie, in compagnia di quel Campanile che svetta e vigila sopra di noi.

I Giardini Reali affondano le radici nel progetto di riforma dellarea Marciana voluta da Napoleone e nella decisione, datata 11 gennaio 1807, di adibire le Procuratie Nuove a sede del Palazzo della Corona al posto di Palazzo Ducale. Il passaggio di Venezia allAustria aveva fatto abbandonare il piano imperiale ma aveva dato vita, dopo labbattimento dei granai trecenteschi che erano in questa zona, allarea verde, ceduta poi al Demanio di Stato e assegnata nel 1920 al Comune. Un parco vissuto da sempre dai veneziani, pian piano degradato. Risale al 2014 la concessione dei Giardini Reali a Venice Gardens Foundation, organismo presieduto da Adele Re Rebaudengo e votato al restauro e alla conservazione di giardini, parchi e beni di riconosciuto valore storico-artistico. La Fondazione ha curato il ripristino architettonico e paesaggistico dei Giardini Reali, cinque anni di intensi studi e lavori per la riconsegna alla città lagunare avvenuta lo scorso 17 dicembre. Scrollato di dosso il peso del tempo, sono tornati ad animarsi il padiglione firmato da Lorenzo Santi fra il 1816 e il 1817, il pergolato in ghisa di epoca ottocentesca e la cancellata, elementi inseriti nel 1857 per volere di Francesco Giuseppe.

In origine - spiega Adele Re Rebaudengo - i Giardini arrivavano fino allacqua. Limperatore concesse il pubblico passaggio e per questo venne fatta la cancellata e il pergolato, in quanto con la concessione il giardino perdeva la passeggiata dombra che era sulla riva. Ed è un gioiello il leggendario ponte levatoio restaurato, unione fisica e visiva tra i Giardini Reali e Piazza San Marco. Il visitatore lo vede tirato su: il nostro desiderio marca Re Rebaudengo - sarebbe che il ponte che collega il giardino al Palazzo Reale, ora Museo Correr, almeno un giorno al mese fosse abbassato, lo chiederemo allAmministrazione. Ma il protagonista assoluto dei Giardini resta la lussureggiante flora. Pur mantenendo la severa scansione delle aiuole tipica dei giardini allitaliana, allinterno di ognuna cè grande libertà. Così, tra il giallo intenso dei narcisi Golden Harvest e il rosso aranciato dei tulipani Hollands Glory, colpiscono le meravigliose macchie rosse di papaveri. Sono stati piantati o sorti spontaneamente? Per problemi di salinità - rivela la presidente - abbiamo portato della terra dei campi. Sapevamo che sarebbe potuto accadere di vederli spuntare. Incantano pure i due boschetti ai lati del giardino: uno è di lecci e laltro di bambù, a ricordare il legame di Venezia con lOriente. Un giardino, dunque, soprattutto per il veneziano, unoasi della socialità. Il futuro prossimo potrebbe riservare altri regali verdi a Venezia: Abbiamo in mente conclude Re Rebaudengo - tre progetti con tre istituzioni diverse: due sono luoghi chiusi che verrebbero riaperti, laltro è un giardino pubblico. Una laguna sempre più green.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news