LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. San Marco, il Canaletto e gli ombrelloni divisivi. «Belli». «No, deturpano»
Pierfrancesco Carcassi
Corriere del Veneto, Padova e Rovigo - 27/6/2020

Sotto un sole cocente, ieri mattina, sui plateatici dei caffè storici di piazza San Marco — Florian, Quadri, Lavena, Aurora e Chioggia — si sono aperti i sessanta ombrelloni che permettono di estendere lo spazio riparato accessibile ai clienti, dopo che le norme di distanziamento sociale hanno dimezzato i posti disponibili. Ai parasole color crema, in linea con il colore delle tende delle Procuratie e dei palchetti che accolgono le orchestre, è affidato il difficile compito di traghettare i prestigiosi locali al di là dell’estate veneziana minata dal Covid-19.

E, assieme ai caffè, il futuro delle oltre trecento persone che ci lavorano. Una necessità cui si sono piegate anche le rigide norme della Soprintendenza che mai prima d’ora aveva accordato il suo via libera a simili «cambi di look» della piazza. Look temporaneo, beninteso. I nuovi ombrelloni, infatti, sono stati affittati dai caffè storici fino al 31 ottobre. Poi verrebbero rimossi: «La concessione del governo scade quel giorno — spiega Claudio Vernier, presidente dell’associazione Piazza San Marco, che raccoglie esercenti e commercianti dell’area marciana — in quanto il progetto è nato con l’emergenza, per la necessità di utilizzare gli spazi esterni. Solo se ci fosse una seconda ondata virale e fossimo costretti a tornare a norme più rigide ci porremmo il problema di tenere gli ombrelloni anche per l’inverno». Gli ultimi arrivati tra gli arredi della piazza avevano suscitato pareri discordanti già prima di essere installati. Due partiti sono nati sulla scorta di un quadro dipinto nel Settecento da Canaletto e raffigurante dei tendaggi di vario tipo che sporgono dalle Procuratie. Da un lato c’è chi vede nell’estetica della piazza con gli ombrelloni quasi un «recupero storico», accanto ai locali che rivendicano il bisogno di rimettersi in piedi dopo nella crisi post coronavirus.

«Abbiamo visto riscontri positivi — aggiunge Vernier — e quasi tutti hanno capito lo sforzo da parte nostra di scegliere gli ombrelloni in armonia con la piazza. Condivido la paura di Italia Nostra che cadano simili tabù nel resto di Venezia. Ma dobbiamo capire il momento di emergenza». Dall’altro lato, infatti, c’è l’associazione Italia Nostra, che difende la piazza così come si presentava negli ultimi anni, «nella piena visibilità e interezza per tutti», a prescindere dalle tende ritratte nel Settecento. «Quelle tende avevano tutt’altra finalità — osserva il direttivo veneziano dell’associazione a difesa del patrimonio — e c’era una quotidianità diversa. Noi arriviamo trecento anni dopo e abbiamo fatto un percorso di consapevolezza e acquisizione che ci porta oggi a ragionare in maniera diversa, pensando alla tutela del patrimonio per le future generazioni».

Il rischio, secondo l’associazione, è che gli ombrelloni restino in piazza a oltranza: «Preoccupano le dichiarazioni del presidente dell’associazione Piazza San Marco, che prospetta la permanenza degli ombrelloni oltre il 31 ottobre, con l’installazione peraltro di riscaldatori»-

Prospettiva temuta anche dall’ex presidente dei commercianti di San Marco, il gioielliere Alberto Nardi. «Ben vengano gli ombrelloni per l’emergenza — constata — ma non vorrei diventassero il grimaldello per qualcosa di permanente». Una visione opposta a quella del titolare del Quadri, uno dei locali che si sono dotati di parasole: «Anche se gli ombrelloni restassero, che problema ci sarebbe? — si chiede Raffaele Alajmo — Salvaguardare la piazza è tra i nostri obiettivi, non faremmo mai nulla che ne rovini il decoro».

Il dibattito ha finito per chiamare in causa anche veneziani famosi, come Massimo Cacciari: «Se non tornano i turisti Venezia è finita — dichiara l’ex sindaco — se vogliono sedersi all’ombra e all’asciutto, facciamogli ombra e smettiamola di essere cretini apparendo intelligenti». Favorevoli agli ombrelloni (e con Canaletto) anche gli storici dell’arte. Vittorio Sgarbi ha lodato la flessibilità della Soprintendenza, per aver capito le necessità del commercio: «Gli ombrelloni non danneggiano nulla — commenta — in questa emergenza ogni intervento è lecito per ritornare alla normalità». I parasole sono «un’ottima idea» per Philippe Daverio che, ricordando le tele di Canaletto e Guardi, affollati di bancarelle, lancia una proposta più audace: «Sarebbero ancora più belli i tendoni stile settecento, talvolta colorati o a righe».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news