LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Ore 2, tutti a letto. Anzi no. Caos in piazza fino all’alba
Rossella Conte
La Nazione - Firenze 6/7/2020

Residenti esasperati. Chiamata ai carabinieri, ma arriva solo una pattuglia. Dopo venerdì, un’altra nottata di schiamazzi , proteste, bivacchi e inciviltà.

E’ stato un lungo weekend quello di Santo Spirito che all’alba di domenica si è svegliato tra resti di bivacchi, cocci e bicchieri di plastica abbandonati in qua e in là dagli irriducibili del marciapiede. Fino alle 4 del mattino sono in tanti gli abitanti che sono rimasti incollati alle finestre per filmare gli incivili di turno e aspettare l’intervento delle forze dell’ordine.

«Verso le 2.30 - racconta Camilla Speranza, una delle anime del gruppo di abitanti dell’Oltrarno - sono arrivati i carabinieri perché chiamati da diversi residenti esasperati dopo quattro ore di urla. Erano in due contro tutti. Purtroppo appena sono andati via, di nuovo l’inferno fino alle 4 del mattino quando sono arrivati gli operatori di Alia per ripulire il sagrato. In buona sostanza, siamo rimasti in piedi fino alle 6 del mattino".

Come se non bastassero gli schiamazzi e i fiumi di alcol, sempre Santo Spirito è stata scelta dai centri sociali per protestare sia venerdì che sabato contro la decisione della Cassazione che ha confermato la condanna per le persone che protestarono nel 2013 contro Casapound.

In duecento, circa, sono partiti da Santo Spirito verso le 23.30 in corteo per chiedere giustizia. "Fascisti, polizia, figli del terrore, vi spazzeremo via" alcuni dei cori intonati dai partecipanti. Per gli abitanti si tratta di una provocazione. Anche se i motivi della protesta come spiegato dagli organizzatori sono altri, per chi vive c’è un legame tra la stretta sui controlli richiesta dal rione e la scelta della piazza simbolo dell’Oltrarno come sede della manifestazione. "Purtroppo - prosegue Speranza - nessuno ci ha dato risposte e in Santo Spirito va sempre peggio. L’unica soluzione è un’ordinanza che vieti la vendita di alcol d’asporto se non a chi è seduto nei locali e una chiusura anticipata dei locali, la festa alcolica deve finire prima".

La comunità dell’Oltrarno ha già contattato alcuni legali e sta valutando se esistono gli estremi per presentare una denuncia. Sempre venerdì è stata scarabocchiata una facciata di un palazzo di via dei Coverelli che tra l’altro era sta appena ripulita e il giorno prima la facciata laterale della Basilica, trattata come una specie di lavagna su cui scarabocchiare quello che salta in testa.

Vani, infatti, sono rimasti gli appelli di padre Pagano e degli altri monaci, che hanno denunciato in prima persona lo scempio quotidiano e hanno proposto di difendere il sagrato con una cancellata. "Noi non ne possiamo davvero più, sono rimasto in piedi a documentare il tutto fino alle 3.30 - conclude Mario Dicomano - anche se so che non servirà a niente. Ieri (sabato, ndr) sia alla municipale che ai carabinieri sono arrivare decine di richieste di aiuto. Il risultato? Siamo rimasti comunque in piedi fino alle 4".

https://www.lanazione.it/firenze/cronaca/movida-santo-spirito-1.5293484


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news