LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia città chiusa: niente turisti? Allora niente musei
Giuseppe Pietrobelli
Il Fatto Quotidiano 9/7/2020

Vengono prima le spiagge o la cultura? Serve il ritorno di frotte di turisti per decidere di riaprire i musei o le sale che espongono patrimoni unici al mondo impongono comunque che il lockdown da pandemia non diventi un pretesto per mettere sotto chiave anche le bellezze artistiche? Meglio dar fondo agli utili accumulati in passato, per affrontare le spese da sanificazione, o aspettare come una manna salvifica i milioni di euro che arriveranno dal Ministero dei Beni Culturali, a ristoro dei mancati guadagni? Tante domande si addensano sopra il cielo di Venezia, nelle calli non ancora affollate, negli alberghi la cui recettività, al massimo, è coperta per il 20-30%. A porla, in modo anche ruvido, è Daniele Giordano, segretario generale Funzione Pubblica della Cgil. Il sindaco Luigi Brugnaro lamenta il crollo del turismo e la crisi della città causa Covid-19, ma i musei civici li lascia desolatamente chiusi. Come pensa che i turisti possano ritornare se vengono meno i poli di attrazione culturale?.

La questione non è di poco conto, mentre gli albergatori piangono, i commercianti temono fallimenti a raffica e i veneziani si interrogano sul loro futuro di grande luna park del turismo. Anche perché le Gallerie dellAccademia, che sono statali, hanno appena licenziato un bilancio lusinghiero. Sono state tra i primi musei italiani ad aver riaperto i battenti e hanno già contabilizzato 10 mila visitatori, con unapertura contingentata di 11 ore al giorno, sei giorni su sette. Poco importa se Giorgione lo si ammira indossando la mascherina, ciò che conta è poterlo fare. I Musei Civici invece sono chiusi. Hanno riaperto negli ultimi weekend solo Palazzo Ducale, il Vetro a Murano e il Merletto a Burano. E il Correr, Ca Rezzonico, il Museo di Storia Naturale? si chiede Giordano: Questa scelta priva Venezia e lintera comunità nazionale della possibilità di accedere a fondamentali spazi di cultura, nonostante il decreto Rilancio varato dal Governo destini 50 milioni ai musei civici, di cui 7-8 milioni potrebbero arrivare a Venezia.

Siamo pronti, ma flessibili. Ho appena parlato con albergatori, tour-operator e Aeroporto Marco Polo, siamo pronti a riaprire replica Maria Cristina Gribaudi, presidente della Fondazione dei Musei Civici . Abbiamo sanificato qualcosa come 40 mila metri quadrati. Così il Ducale è riaperto. Bisogna tener conto che Palazzo Fortuny e Ca Pesaro sono chiusi per danni da acqua alta. Intanto però 400 lavoratori delle cooperative e 76 dipendenti della Fondazione sono in cassa integrazione. La Cgil prende lo spunto per un appello: Il Comune di Venezia dovrebbe sostenere la piena e totale riapertura dei Musei Civici anticipando le risorse che arriveranno dai fondi nazionali. Non solo perché la scelta di tenerli chiusi ricade sui lavoratori e sembra dettata prevalentemente da ragioni economiche, ma perché non si può precludere la cultura alla popolazione, e la cultura diventa uno strumento per ripartire.

Replica la presidente Gribaudi: Non sono chiusi sono apribili su richiesta di albergatori e tour operator. Siamo in attesa di un flusso turistico più importante. La realtà è che al Casinò la pallina ha ripreso a girare nella roulette, mentre il Correr è ancora un museo-fantasma. In sesta commissione comunale, di fronte alle bordate dei sindacati, il segretario della Fondazione, Mattia Agnetti, ha ammesso: Il passivo annuo stimato è di 7/8 milioni, ma potremo assorbire il colpo grazie alla gestione oculata degli anni precedenti e ai fondi statali. E allora perché non riaprire? Se il pubblico cresce, noi ci siamo taglia corto la presidente Gribaudi.

In questa fase post-Covid si sono sprecati paragoni post-bellici. Ancora la Cgil: Lamministrazione comunale parla di economia di guerra. La storia ci insegna che in situazioni di pericolo e instabilità, i governi e le amministrazioni cittadine si sono premurate di porre in sicurezza i beni culturali, avviando campagne di protezione, salvaguardia e catalogazione del patrimonio. Pertanto è singolare che proprio i conservatori e il personale tecnico-scientifico siano stati escluso dallaccesso al lavoro. Perché le opere darte si proteggono non solo con il mantenimento della temperatura o dellumidità dellaria. Si sono chiesti in Comune quanto lassenza di monitoraggio delle opere e degli oggetti conservati possa aver comportato danno alle collezioni?.

https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2020/07/09/venezia-citta-chiusa-niente-turisti-allora-niente-musei/5862247/


news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news