LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Santo Spirito, esposto collettivo. Basta con il senso di impunità
Antonio Passanese
Corriere Fiorentino - 7/7/2020

La denuncia dei residenti ai carabinieri per i fumogeni tra venerdì e sabato e per la manifestazione

Porta la firma di dodici residenti di Santo Spirito la denuncia consegnata ieri mattina nelle mani dei carabinieri della stazione Pitti dopo i fumogeni rossi accesi sul sagrato della basilica venerdì sera e gli assembramenti fino a notte fonda durante la manifestazione antifascista di sabato.

Disturbo delle quiete pubblica, danneggiamento di un bene storico-monumentale e violazione delle misure anti Covid-19: questi i reati su cui il gruppo di oltrarnini, che ha formato anche un comitato, chiede di aprire un fascicolo alla Procura della Repubblica di Firenze. La decisione di presentare un esposto collettivo, o come la definisce qualcuno una class action, è maturata dopo le scene dello scorso fine settimana, quando, passata da venti minuti la mezzanotte, gli abitanti del quartiere sono stati violentemente svegliati da urla al megafono, accompagnati da fumogeni di colore rosso, il tutto sul sagrato della basilica. In Santo Spirito e nelle vie attorno alla piazza laria è diventata così densa da essere irrespirabile, e due anziani e storici residenti sono stati costretti a rivolgersi al proprio medico e al 118 per una sorta di intossicazione (uno di loro questa mattina dovrebbe presentare una denuncia contro ignoti). In questa piazza vige lextraterritorialità sottolinea il comitato dei residenti di Santo Spirito Qui non cè lo Stato e può accadere di tutto. Perché cè un senso di impunità.

Agli uomini dellArma, che dovranno visionare le telecamere di via del Presto di San Martino, via dei Michelozzi, Borgo Tegolaio e via Mazzetta, è stato chiesto di identificare gli autori del flash mob di venerdì notte e denunciarli perché è intollerabile che su un sagrato monumentale possano accadere certe cose. E se avesse preso fuoco uno dei portoni in legno della chiesa chi ne avrebbe risposto?. Oltretutto al termine del raduno non autorizzato, secondo i residenti, gli antifascisti (insieme agli altri avventori della consueta movida alcolica) avrebbero lasciato la scalinata della basilica, la piazza e le strade nel totale degrado con montagne di rifiuti del tipo: lattine, bottiglie, bicchieri, vomito, urina e feci. Ai carabinieri, inoltre, è stato lasciato un voluminoso dossier che contiene foto, video e altro materiale registrato lo scorso weekend e negli ultimi due mesi, e che mostra in come vengano continuamente disattese le misure di distanziamento sociale e lobbligo della mascherina da parte dei frequentatori della movida che pur essendo un pericolo per la salute pubblica non vengono sanzionati.

Padre Giuseppe Pagano anche lui svegliato di soprassalto nella notte tra venerdì e sabato dai cori contro la polizia e dal fumo rosso priore della basilica di Santo Spirito e da tempo in prima linea nella lotta al degrado che assedia chiesa e piazza sottoscrive parola per parola la denuncia dei dodici residenti. E dice, senza alcun timore, che noi, come comunità, abbiamo fatto la nostra scelta: siamo vicini alla gente, al nostro rione. Non si può più far finta di nulla. Il priore agostiniano, anzi, si meraviglia di come sia stato possibile che le forze dellordine a mezzanotte non siano intervenute e abbiano permesso lo scempio di un luogo sacro sia venerdì che sabato. Ma ciò che mi meraviglia è che in mezzo a quella folla ci fossero, a fare assembramenti, anche due consiglieri comunali (padre Giuseppe si riferisce ad Antonella Bundu e Dimitrij Palagi di Sinistra Bene Comune, ndr ). Questo ci dimostra che oltre allamministrazione anche altri membri del Consiglio comunale siano conniventi. Adesso capisco il motivo per cui la mala movida in Santo Spirito non venga considerata unemergenza da affrontare.

Ma ciò che ha più colpito e amareggiato padre Pagano sono le offese che quei giovani manifestanti rivolgevano ad altri giovani, la cui colpa sarebbe quella di indossare una divisa. Parlo dei tanti poliziotti, carabinieri e vigili che erano a presidiare la piazza. Come sacerdote mi chiedo: perché quegli insulti? Ho visto e sentito tanta violenza, venerdì sera e sabato. Sono sgomento e rattristato.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news