LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Il megafono e i fumogeni rossi. Un altro sfregio a Santo Spirito
Giulio Gori
Corriere Fiorentino - 5/7/2020

Ore 00,20: flash mob sul sagrato con urla e fiamme. Residenti esasperati, forze dellordine spettatrici

Sul sagrato, sulla fontana, tra i tavolini, in mezzo alla piazza, gli assembramenti sono così stretti e compatti, che una ragazza guarda un gruppone e chiede ad alta voce: Ma questi sono in fila per entrare dove?.

Santo Spirito, venerdì sera, è di nuovo invasa. Quasi nessuno dei festanti della notte ha la mascherina, al massimo qualcuno la porta al gomito, come un vezzo. Mentre le squadre di polizia e vigili sono in un angolo della piazza a fare da spettatori. Per i residenti si profila lennesima notte insonne. A mezzanotte e venti, succede però qualcosa di inatteso: qualche decina di persone, stavolta con la mascherina al volto, si alzano in piedi sul sagrato. Le fiammate e poi le scie rosse di alcuni fumogeni si levano in cielo e un giovane inizia a parlare col megafono. I pochi residenti della piazza si alzano da letto, impugnano i cellulari e cominciano a filmare. Qualcuno pensa a una manifestazione sportiva fuori orario, qualcosa che magari centra col tifo, ma in mezzo alla nuvola rossa fuoco, la voce al megafono non ben distinguibile dalle finestre pronuncia a più riprese la parola fascisti. È una manifestazione politica per protestare contro le condanne penali di alcuni manifestanti ad un corteo del 2013. Anzi, è il promo di quella organizzata sempre in Santo Spirito per le nove di ieri sera quando si sono radunati qualche centinaio di persone che sono poi partite in corteo intorno alle 22 lanciando anche un messaggio ai residenti: Noi portiamo e porteremo sempre rispetto agli abitanti di questo quartiere .

Ma venerdì sera gli stessi residenti lhanno vissuta in modo diverso. Illuminiamo questi tempi bui, è scritto sullo striscione del flash mob notturno, mentre lo speaker contesta il doppiopesismo della giustizia. Il flash mob dura pochi minuti, poi gli organizzatori si dileguano e torna il solito caos. Ma liniziativa organizzata a notte fonda, con tanto di megafono a svegliare i pochi che erano riusciti a prendere sonno, in un luogo-simbolo come il sagrato della battaglia dei frati della basilica contro la mala movida quotidiana, rappresenta per i residenti qualcosa di più della solita confusione. Venire qui, a notte fonda e col megafono, in una piazza in cui per la prima volta da anni nelle case non ci sono i turisti ma solo i residenti, significa non capire che così si dà uno schiaffo a chi vive qui ed è già esasperato spiega una residente dellOltrarno Condivido anche certi contenuti di chi manifestava, ma mi stupisce che proprio chi critica il capitalismo venga poi qui a fare, in fin dei conti, il gioco di chi vorrebbe cacciare i residenti dalle loro case.

Santo Spirito è piazza dalla lunga storia politica. Ma oggi i frequentatori della movida sono quanto di più apolitico possa esserci. Per questo non ho nulla contro un corteo fatto alle nove di sera dice uno storico residente della piazza Ma quando ho capito quello che stava succedendo venerdì notte, dopo che in un primo tempo avevo pensato a un gruppo di ubriachi da stadio, sono rimasto sbalordito: come si fa, in una piazza dove i residenti sono già esasperati, a fare uniniziativa politica col megafono a mezzanotte e mezzo?. Il problema qui è proprio lassenza di politica. Siamo soli prosegue Non abbiamo nessuno con cui dialogare, né istituzioni né forze politiche che ci ascoltino. La sinistra, una volta ne ho parlato anche con Antonella Bundu, dovrebbe essere sensibile a questi temi, eppure non ne capisce limportanza. Anzi.

La notte di Santo Spirito finisce per una volta prima del solito. È la pioggia, poco prima delluna di notte, a far fuggire via i giovani seduti sul sagrato, appoggiati alla basilica o arrampicati sulla fontana, a svuotare i tavolini in cui i clienti sono a cinque centimetri da quelli del tavolo accanto, con buona pace delle regole di distanziamento. Per una notte, i residenti possono dormire. Ma è una tregua breve: il coronavirus, anziché tenere le persone a distanza, le avvicina. Lassenza di turisti svuota molte strade della città, ma spinge i fiorentini a concentrarsi tutti negli stessi posti: Santo Spirito e SantAmbrogio. E una volta lì, il rispetto dei luoghi viene meno. Nessuno tiene basso il volume della voce. Molti sporcano. E in questo scenario anche lo spaccio si riaffaccia in piazza Santo Spirito: i pusher sono solo un po più discreti del solito, vista la presenza delle forze dellordine.

La situazione è senza controllo, ognuno fa quel che vuole dice ancora una volta padre Giuseppe Pagano, priore di Santo Spirito La gente che vive in piazza è esasperata, eppure chiede una cosa semplice: pace. Invece, oltre alla confusione, anche questa iniziativa politica a tarda notte davvero inopportuna. Noi agostianani dalle nostre stanze non sentiamo niente, ma non possiamo tirarci indietro quando la nostra gente ci chiede aiuto. Noi non possiamo che dare sostegno ai residenti, visto che nessun altro lo fa.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news