LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Osanna promosso alla guida dei musei statali. Pompei, staff collaudato Successione in continuità
Anna Paola Merone
Corriere del Mezzogiorno - Campania 5/7/2020

Il ministro: Dal primo settembre via al bando internazionale

Massimo Osanna è il nuovo direttore generale dei musei dello Stato. Lo ha deciso il ministro per i Beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini, che ha convocato il direttore del parco archeologico di Pompei a Roma qualche giorno fa per comunicargli che dal primo settembre sarà al vertice della direzione generale del ministero che coordina le politiche di gestione, fruizione e comunicazione dei musei statali, garantisce lo sviluppo del sistema museale e unofferta culturale accessibile e di qualità. Una scelta maturata al termine della procedura di interpello avviata a inizio giugno dal Mibact per un incarico prestigioso con una forte proiezione internazionale ricorda Franceschini, che ha ringraziato luscente Antonio Lampis per limpegno e la professionalità dimostrata in questi anni.

Su Massimo Osanna 57 anni, lucano il ministro punta molto e si aspetta da lui risultati importanti come quelli già conseguiti in Campania. Osanna ricorda ha cambiato il volto di Pompei che, grazie al suo lavoro, è diventato un modello gestionale e un punto di riferimento internazionale: una storia di riscatto che ci rende orgogliosi. Lesperienza e la professionalità del direttore serviranno adesso a rinnovare lintero sistema museale nazionale e a traghettarlo nel futuro.

Massimo Osanna, professore ordinario di archeologia alla Federico II, è stato al vertice del parco archeologico di Pompei dal 2016 dopo aver ricoperto nei due anni precedenti lincarico di soprintendente speciale delle aree archeologiche di Pompei, Ercolano e Stabia, preceduto da una lettera di 70 soprintendenti indirizzata al ministro Bray contro la sua nomina, una mortificazione delle professionalità interne.

Non posso nascondere che Pompei già mi manca spiega il direttore . Ma mettermi in gioco per nuove avventure è stata una forte spinta. Ha prevalso lo stimolo a fare di più e portare lesperienza maturata a Pompei in tutta Italia. Osanna al suo ritorno da Parigi, dove il primo luglio è stata inaugurata la mostra Pompeii al Grand Palais, è stato convocato a Roma dove gli è stato ufficialmente comunicato il nuovo incarico. Una sfida che coincide con un momento storico molto difficile per lItalia ammette . Per superarlo con successo, le forze da mettere in campo sono molteplici: bisogna far rete e sviluppare il sistema museale nazionale cercando, a livello regionale, di valorizzare le realtà più piccole. Bisogna puntare al rilancio dei musei e dei parchi archeologici considerando il valore economico che possono avere questi attrattori nel recupero dei flussi turistici che vanno reindirizzati verso il nostro Paese. Ovviamente avendo grande attenzione per tutte le realtà, non solo quelle grandi. Dunque serve lavorare sulla comunicazione, sulle best practice per coinvolgere visitatori verso realtà trascurate, puntare a collaborazioni a tutto campo con gli stakeholder del territorio, mantenere un dibattito aperto con i cittadini, lavorare sempre di più coinvolgendo anche i privati. É fondamentale puntare su questa sinergia per poter valorizzare al massimo i luoghi della cultura.

Il primo settembre Osanna dunque prenderà servizio a Roma e resterà scoperta la casella della direzione d Pompei, che resta il secondo sito più visitato in Italia, una ribalta dove in tanti prima di lui non sono riusciti ad imporsi con risultati di rango. Il direttore uscente è concentrato su una idea di continuità. E lo dice apertamente. Osanna è certo di poter garantire che a Pompei la situazione è ormai tranquilla dal punto di vista della gestione: cè un team che si è creato molto forte, molto valido. E tra i funzionari e la nuova direzione sarà possibile lavorare bene nel solco della continuità. Grazie a questa equipe interdisciplinare si faranno ancora molte belle cose. Un gruppo validissimo che saprà essere di sostegno a chi arriverà.

Dario Franceschini offre una traccia sul profilo del successore e annuncia che il nuovo direttore del Parco archeologico di Pompei verrà individuato con la procedura internazionale di selezione. Quella che dal 2014 ha consentito di scegliere i migliori,esclusivamente in base al curriculum, in Italia e nel mondo, per le direzioni dei più grandi musei e parchi archeologici italiani.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news