LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palermo. Ddl beni culturali e tutela del paesaggio, nuovo giro di audizioni, E un mostro normativo
Silvia Mazza
Blog Sicilia, 10/07/2020

Si tiene in queste ore il nuovo giro di audizioni per il disegno di legge Disposizioni in materia di Beni culturali e di tutela del paesaggio, prima della sua approvazione in V Commissione Cultura dellARS, contro cui si sono già espresse diverse Associazioni in difesa del patrimonio culturale e ambientale, nazionali e regionali, docenti universitari e gli Ordini degli Architetti. L11 giugno scorso erano state invitate a riunirsi tutte a Palermo per dire no con voce corale al Ddl presentato da Luca Sammartino (Italia Viva) nel tavolo pubblico di confronto promosso dalla storica dellarte e giornalista Silvia Mazza. Riportiamo il suo nuovo intervento.

Lo avevo ribattezzato Ddl Attila per le potenzialità devastanti, senza precedenti nella storia autonomistica della Regione, nei confronti della tutela del patrimonio culturale e ambientale siciliano. Oggi che il disegno di legge è stato in certa misura emendato è diventato il Ddl Frankenstein: un mostro normativo, una macabra giustapposizione di disiecta membra (una irrilevante parte dei ben 500 emendamenti presentati), che il nuovo valzer di audizioni in corso stamattina vuole tenere in piedi. Vorrei citarli tutti gli oltre trenta rappresentanti delle associazioni, ordini e docenti universitari intervenuti l11 giugno. Non potendolo fare per ovvie ragioni, riporto le nuove dichiarazioni della CIA, Confederazione Italiana Archeologi, per la quale tali modifiche non cambiano il carattere incostituzionale della proposta legislativa originaria, ma anzi ne aumentano la sua pericolosità nei confronti della tutela del patrimonio culturale e paesaggistico della Nazione conservato in Sicilia.

Resta anche intatto il reale pericolo di attacco alla tutela paesaggistica, su tutte una delle più forti preoccupazioni fin dalliniziale contrasto alla nuova normativa, in quanto, sottolinea ancora CIA, intende modificare il procedimento di approvazione del Piano Paesaggistico Regionale, costituendo pertanto un reale pericolo di annullamento del ventennale iter di approvazione dei Piani dAmbito oramai quasi concluso.

Sulla stessa linea anche Legambiente, che definisce una grande disonestà intellettuale quella di annunciare il ritiro della parte riguardante i piani paesistici: è invece rimasta tale e quale, tranne che, sulla carta, li dovrebbe continuare a redigere lAssessorato ai Beni culturali. Il suo presidente, Gianfranco Zanna, si chiede: Ma questi signori lo sanno che ormai l80 per cento del territorio della regione, isole minori comprese, è già normato dai piani paesistici realizzati con fondi europei? Che fine farà questo importantissimo lavoro?. E taglia corto: con grande ipocrisia e senza alcun pudore si sostiene perfino che sono stati presi in considerazione i diversi orientamenti espressi nei documenti e nelle audizioni.

Senza dire che ci sono anche le osservazioni fortemente critiche non prese in considerazione, perché non rappresentate in sede di audizione. Tra queste anche quelle con cui nellinchiesta per Finestresullarte ho bocciato il titolo IV, per la parte riguardante le Modifiche alla legge regionale n. 20 del 2000 in materia di parchi archeologici, rimaste intatte perché, appunto, non oggetto degli interventi in audizione. Si va dallirrazionale governance che confonde ruoli e compiti di chi dovrebbe affiancare il direttore di un parco, alla previsione di nomina di un direttore esterno allamministrazione con trattamento economico a carico del bilancio del parco. Immaginiamo, cioè, un direttore che debba promuovere delle attività culturali col pungolo della necessità di assicurarsi uno stipendio! E di banchetti e concerti rock ce ne sono stati già fin troppi nei siti del nostro patrimonio culturale. Cè, soprattutto, il comma pericolosissimo (il 5 dellart. 23) che intende trasferire la tutela a un organo di mera gestione, per cui lautorizzazione sui progetti degli interventi ricadenti allinterno del perimetro del parco passerebbe dalla Soprintendenza al Consiglio di amministrazione del Parco. Malgrado lo sforzo del M5S, lunico a non aver firmato da subito il ddl, e del movimento Cento Passi per la Sicilia e del PD che hanno ritirato la propria firma, sarebbe servito, forse, il gesto eclatante di tutti di disertare questo nuovo giro di audizioni.

https://www.blogsicilia.it/palermo/ddl-beni-culturali-e-tutela-del-paesaggio-nuovo-giro-di-audizioni-e-un-mostro-normativo/543345/


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news