LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Villaggio baronale demolito per fare alloggi di lusso
Adriana Pollice
Il Manifesto 10/7/2020

La masseria Zaccaria rasa al suolo, il villaggio baronale del Settecento ridotto in macerie. È successo a Giugliano, in provincia di Napoli. Al suo posto è previsto un complesso immobiliare di 48 appartamenti, solare termico, colonnine per auto elettriche, piscina condominiale, custode e videosorveglianza. Le ruspe stanno cancellando identità e storia. In origine era una villa rustica di epoca romana (parte dell’antica Liternum), luogo di produzione della Campania Felix ma anche presidio del territorio. Su questo insediamento, in epoca medievale, è poi cresciuto il primo nucleo del palazzo baronale con il pozzo, le case a corte e quindi la chiesa di San Francesco tardo barocca, su un impianto cinquecentesco.

Le foto della demolizione hanno fatto il giro della rete, una segnalazione è arrivata alla Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio dell’area metropolitana di Napoli: «Non ne eravamo a conoscenza – ha spiegato ieri la funzionaria della sezione Tutela archeologica, Simona Formola -. La masseria non aveva vincolo archeologico ed era fuori dal vincolo paesaggistico per questo non sapevamo dell’intervento». A chiedere il vincolo è la soprintendenza ma su input del comune o di privati: «Dopo le ruspe la struttura del Settecento è persa – prosegue Formola – ma ci siamo attivati per un sopralluogo in modo da verificare se si conserva qualcosa di più antico, se le ruspe non hanno irrimediabilmente demolito tutto. Se gli interventi li fa un privato sta al buon senso del privato chiamarci. Quando si trovano evidenze archeologiche bisogna contattarci, ma qui non sappiamo se ci sono o se le hanno riconosciute».

L’unico che sa esattamente il valore del luogo è il comune (il sindaco è stato sfiduciato a febbraio): «Si tratta di una masseria censita nel Documento di orientamento strategico dell’amministrazione di Giugliano – conclude -, le viene anche data un’attenzione particolare perché tra le più antiche, parte dell’identità e della memoria storica. Poi però non hanno fermato la demolizione». Il Dos elenca tutte le masserie e specifica: «Patrimonio storico, sociale ed economico che è necessario riscoprire».

Il complesso immobiliare è stato sviluppato da Open Project, una srl del territorio: si tratta del «recupero abitativo di volumi fatiscenti grazie all’applicazione del Piano casa legge regionale 19/09» cioè demolizione di volumi esistenti e «la realizzazione di nuovi edifici moderni e l’ampliamento del 35% del volume preesistente».

Cosa significa lo spiega Carlo Iannello, docente universitario di Diritto dell’Ambiente: «Il Piano casa prevede la possibilità, al di fuori delle zone che i comuni salvaguardano con un atto esplicito o delle zone con vincolo assoluto, di portare avanti “piani di rigenerazione urbana” ossia abbatti e ricostruisci ma quando ricostruisci puoi non solo aumentare le cubature ma anche cambiare le destinazioni d’uso così si stravolgono gli standard urbanistici misurati sulla densità abitativa precedente». Quella che doveva essere una norma eccezionale e transitoria, il Piano casa, viene adesso assunta nella legge urbanistica regionale che la giunta campana vorrebbe approvare entro la fine del mese, moltiplicando così all’infinito la possibilità di altri casi come questo. «Quello che è successo a Giugliano con la distruzione del patrimonio culturale – prosegue Iannello – dimostra che c’è assoluta necessità di realizzare il Piano paesaggistico campano e non la legge urbanistica in discussione in consiglio regionale».

Il Piano paesaggistico è previsto dal Codice dei Beni culturali del 2004 e in Campania ancora non c’è. Va approvato d’intesa tra ministero e regione: «Il Piano paesaggistico prevede la ricognizione di tutto il territorio regionale – sottolinea Iannello – così la masseria Zaccaria sarebbe probabilmente rientrata nella tutela. La legge urbanistica voluta dall’assessore Bruno Discepolo prevede all’articolo 13 l’approvazione del piano per stralci, cioè per macro aree, ma il ministero ha già detto che è un metodo sbagliato. Si rischia l’incostituzionalità perché non rispetta il Codice dei Beni culturali».

https://ilmanifesto.it/villaggio-baronale-cancellato-per-48-appartamenti/


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news