LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il capitello scoperto a Gela, la Soprintendenza: "Non è una bufala, ecco le foto"
Isabella di Bartolo
La Repubblica - Palermo 11/7/2020

Nessuna bufala: il reperto di Gela è antico ed è datato tra il VI e IV secolo avanti Cristo. Sul capitello della discordia rinvenuto a Gela, interviene la soprintendenza di Caltanissetta che sta seguendo lo scavo archeologico avvenuto durante alcuni lavori dellEnel. La soprintendente Daniela Vullo evidenzia come il manufatto oggetto di contestazione, pur se inequivocabilmente dotato di due volute, non interpreta forse con rigore vitruviano lo stile ionico ma dovendo fare fede al suo contesto di ritrovamento riteniamo di poter affermare che esso è con certezza antico e non una bufala.

"Lampia risonanza e le successive contestazioni suscitate dai recenti rinvenimenti archeologici effettuati a Gela durante i lavori di infrastrutturazione condotti da Enel - dice la soprintendente - richiedono un intervento chiarificatore da chi ha seguito fin dallinizio lindagine archeologica sia con proprio personale che attraverso lattività, puntualmente relazionata, dellarcheologa nominata dalla ditta esecutrice dei lavori e che è la sola al momento non è superfluo ricordarlo ad avere la piena cognizione delle circostanze e delle modalità del ritrovamento.

Pienamente disponibili al confronto e pronti a valutare con la massima obiettività le diverse interpretazioni che sono state avanzate da studiosi, esperti e docenti di archeologia, si è tuttavia avuta limpressione che giudizi così netti, formulati sulla base della sola documentazione fotografica diffusa dai media, possano essi stessi aver peccato di una qualche precipitazione, soprattutto perché non tengono in considerazione (non avendone i loro autori alcuna cognizione) il contesto stratigrafico dei ritrovamenti alla cui importanza sopra si è accennato.

È stato dichiarato (come riportato su queste stesse pagine di Repubblica -cronaca di Palermo- 10 luglio) che il semicapitello (secondo la definizione di Dario Palermo) o il capitello di parasta (secondo quella di Paolo Giansiracusa) sembra in realtà una mensola del primo 900 (così Flavia Zisa che aggiunge, avendone visto la foto: non può essere greco).

Si conviene che il manufatto oggetto di contestazione, pur se inequivocabilmente dotato di due volute, non interpreta forse con rigore vitruviano lo stile ionico (mancandone elementi egualmente caratterizzanti come il kymation ad ovoli e le palmette laterali) ma dovendo fare fede al suo contesto di ritrovamento riteniamo di poter affermare che esso è con certezza un manufatto antico e non certamente la bufala

?Loggetto in questione è stato infatti rinvenuto allinterno di un profondo pozzo cilindrico, come molti se ne intercettano nel sottosuolo delle colonie greche di Sicilia e dei quali la stessa Gela ha già offerto numerosi esempi. Al loro interno si vanno nel tempo accumulando utensili, tegole, vasellame in frammenti ed elementi vari temporaneamente in disuso, in un ordine di deposizione comprensibilmente inverso che lattenta indagine stratigrafica consente di ricostruire a partire dalle quote più superficiali in cui si incontrano i manufatti più recenti, per intercettare via via i più antichi man mano che si procede in profondità.

Allinterno del pozzo, il capitello si attestava alla quota non trascurabile di -2,70 metri a partire dal piano di campagna, ma soprattutto giaceva al di sotto di ben sette pesanti lastre in arenaria, di difficilissima movimentazione, spesse circa cm.25 , lunghe fino ad un massimo di un metro, dotate sul fronte anteriore di una modanatura a rilievo, probabilmente facenti parte di una antica trabeazione. Esse tuttavia non hanno certo lapparenza di conci squadrati da costruzione destinati a edifici novecenteschi, come saremmo costretti a supporre, accettando la datazione proposta al 900 per il capitello sottostante.

Al di sopra delle lastre ed inframezzati alle stesse, a mo di zeppe, erano poi presenti più tratti di antiche tegole piane in terracotta in qualche caso dotate anche del breve listello aggettante tipico delletà ellenistica. Nel modesto interro frapposto fra le lastre poste più in profondità ed il capitello, si è recuperata una porzione di statuetta votiva femminile in terracotta, riconducibile al culto di Demetra e Kore tradizionalmente praticato a Gela a partire dal VI sec. a.C. Diffusa allinterno del pozzo, a partire dalla sommità e negli interstizi lasciati liberi dagli elementi architettonici, si è poi rilevata la presenza di frammenti vari di vasellame, quali anse, pareti, bordi di ceramica sia a vernice nera che a decorazione geometrica, facilmente assegnabili ad un arco cronologico compreso fra il VI ed il IV sec. a.C. (vedi documentazione fotografica allegata).

È indispensabile evidenziare che nessun elemento intrusivo contemporaneo è stato invece rilevato allinterno del pozzo, il quale si inquadra dunque, con tutto il suo contenuto, quale contesto coerente e concluso esclusivamente riferibile ad età antica e nello specifico a un periodo compreso fra letà arcaica e quella ellenistica. È evidente che In tale ambito un elemento architettonico del 900 non sembra trovare alcuna plausibile collocazione.

È altrettanto importante infine sottolineare come, una volta ultimata lasportazione di quelle fin qui descritte, ulteriori componenti architettoniche siano già affiorate alla quota sottostante, senza la completa messa in luce delle quali converrà sospendere ogni giudizio, in attesa di acquisire tutti i dati indispensabili ad una interpretazione completa ed attendibile dello scavo.

In ultimo, riassumendo quanto sopra esposto e con il supporto anche delle relazioni di scavo redatte dalla dott.ssa Marina Congiu, archeologa di lunga esperienza incaricata da Enel-distribuzione per la direzione dei lavori dello stesso, prodotte durante e dopo lo scavo, si può concludere che a giudizio di questa Soprintendenza il capitello di che trattasi non appare ascrivibile ai secoli XIX o XX ma è riferibile ad un arco di tempo compreso tra il VI e il IV a.C.

https://palermo.repubblica.it/cronaca/2020/07/11/news/il_capitello_scoperto_a_gela_la_soprintendenza_non_e_una_bufala_ecco_le_foto_-261650200/


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news