LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Turchia. Santa Sofia ridiventa una moschea
Monica Ricci Sargentini
Corriere della Sera 11/7/2020

Erdogan: Chi ci critica attacca la nostra sovranità. Il rammarico dellUnesco: status da rivedere

Gli applausi del Parlamento turco, centinaia di fedeli musulmani che gridano Allah è grande davanti ad Aghia Sophia, la basilica costruita da Giustiniano nel 537 per farne la chiesa più bella del mondo, che torna ad essere una moschea. Per Erdogan è un sogno, inseguito per 16 anni, che diventa realtà ma anche una mossa politica che serve a ricompattare la sua base in un momento difficile per il Paese stretto tra la crisi economica e la pandemia da coronavirus: Abbiamo esercitato il nostro diritto sovrano, qualunque critica è un attacco alla nostra indipendenza ha detto in un discorso alla nazione ma poi ha assicurato che Santa Sofia sarà aperta a musulmani, cristiani, a tutti gli stranieri.

Ieri il Consiglio di Stato turco ha annullato all'unanimità il decreto del 24 novembre 1934 dellallora presidente Mustafa Kemal Atatürk che trasformava l'allora moschea in un museo. E Erdogan ha subito firmato il passaggio del tempio alle autorità religiose musulmane e la sua riapertura per le preghiere, prevista il 24 luglio. Secondo indiscrezioni gli splendidi affreschi e mosaici all'interno della struttura, incompatibili con l'iconofobia islamica, potrebbero essere coperti con un sistema di tende automatiche, che li lascerebbe visibili al termine dello svolgimento dei riti musulmani.

Ma la decisione di Erdogan è uno schiaffo in faccia al mondo che chiedeva di mantenere integro il luogo-simbolo della reciproca comprensione tra cristianesimo e islam per dirla con le parole del Patriarca Bartolomeo.

Ieri lUnesco aveva invitato la Turchia a non prendere una decisione unilaterale sul tempio, oggi patrimonio dellUmanità e ne ha annunciato la revisione dello status.

La Grecia ha parlato di una provocazione al mondo civilizzato mentre la Chiesa russo ortodossa ha accusato Ankara di ignorare la voce di milioni di cristiani. Anche il Segretario di Stato Mike Pompeo, lo scorso primo luglio, aveva espresso contrarietà: Il luogo è una dimostrazione dell'impegno della Turchia al rispetto delle storie diverse del Paese.

È stato un piccolo gruppo islamista locale a presentare il ricorso al Consiglio di Stato sostenendo che Aghia Sophia apparteneva al sultano ottomano Maometto II che conquistò Istanbul nel 1453 e trasformò la cattedrale greco ortodossa in una moschea. Atatürk, quindi, non avrebbe potuto disporne. Il suo provvedimento era illegittimo. Anche per i giudici.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news