LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Alcol, solo una mini stretta. E nessun limite per i locali
Antonio Passanese
Corriere Fiorentino - 17/7/2020

Una mini stretta sulla vendita di alcol, ma niente di più. Palazzo Vecchio ha reso nota ieri l’ordinanza annunciata dal sindaco Dario Nardella al forum con il Corriere Fiorentino , una settimana fa. L’ordinanza sposta indietro di un’ora il divieto di vendita di bevande alcoliche — che passa dalle 21 alle 20 e fino alle 6 del mattino — da parte di minimarket, negozi di vicinato e supermercati, ma non va invece a toccare i locali (Nardella aveva ipotizzato lo stop anche alla vendita da asporto) che invece potranno continuare a distribuire alcolici di varia natura fino alle 2 del mattino. L’ordinanza entrerà in vigore questa sera e sarà valida fino al 31 agosto. Per coloro che non la rispetteranno sono previste multe che vanno da un minimo di 25 euro a un massimo di 500 euro.

Dopo le aperture dei giorni scorsi verso le posizioni di residenti e comitati, che a breve presenteranno una denuncia per omissione in atti d’ufficio contro l’amministrazione comunale per non aver arginato la movida molesta, Palazzo Vecchio fa così una mezza frenata, escludendo dalla stretta bar, pub e tutte le altre attività che fanno somministrazione. Al forum con il Corriere Fiorentino il sindaco aveva detto: «Al comitato per l’ordine e la sicurezza in Prefettura (che si sarebbe tenuto il giorno seguente, ndr ) chiederò di valutare il divieto di asporto anche per i locali, perché è chiaro che se prendo l’alcol e vado in giro si aumentano le aggregazioni e il caos». Un’intenzione rimasta sulla carta, almeno per ora: «Intanto partiamo con questa misura. Poi siamo al lavoro, di concerto con le associazioni di categoria, per arrivare anche a una misura per limitare il consumo fuori dai locali» fanno sapere dal Comune. Per ora dunque, il pugno duro contro la mala movida alcolica che imperversa nelle piazze e nelle strade del centro storico, da Santo Spirito a Sant’Ambrogio, è stato rinviato a data da destinarsi.

L’area in cui sarà in vigore quest’ordinanza che toglie un’ora alla vendita di alcolici comprende anche piazza Poggi, viale Giovine Italia, piazza Beccaria, piazzale Donatello, viale Matteotti, il sottopasso ferroviario e viale Fratelli Rosselli fino a Porta al Prato, Bobolino e parco delle Cascine (tra il Fosso Macinante, il torrente Mugnone e piazza Vittorio Veneto).

«Con questa ordinanza aggiungiamo nuove regole — spiega il sindaco Nardella — ma le regole da sole non bastano, bisogna farle rispettare. Ringrazio la polizia municipale e le forze dell’ordine per il lavoro svolto e le invito a svolgere con particolare attenzione l’attività di controllo e sanzionamento di chi sbaglia, anche alla luce delle norme di distanziamento ancora vigenti e fondamentali per la salute e la sicurezza di tutti». Il compito di far osservare la misura è affidato ai vigili urbani e alla polizia giudiziaria che avrà anche la facoltà di sequestrare le bevande alcoliche «detenute illegalmente».

Per quanto riguarda, poi, il problema di via dei Coverelli e delle strade attorno alla basilica di Santo Spirito, trasformate nei fine settimana in vespasiani a cielo aperto, il Comune fa sapere che da ieri — e per tutti i weekend dell’estate — i bagni pubblici della piazza saranno aperti e gratuiti fino alle 4 del mattino: «Una opportunità importante per i fruitori della piazza: tanto che gli ingressi sono passati da una media di 10 a 600 a serata», afferma l’assessore Alessia Bettini. Ma che, come dimostrano le foto e i video che girano in chat sui telefonini dei residenti, non hanno risolto il problema.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news