LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Scuola butta i libri in strada: Erano vecchi
Erica Dellapasqua
Corriere della Sera - Roma 18/7/2020

Casal Bruciato, choc nella media Piersanti Mattarella. Il caso rivelato su Fb da unex consigliera comunale di Sel. La vicepreside: si trattava di ottimizzazione degli spazi per lemergenza Covid

Hanno buttato anche i libri, assieme ai banchi arrugginiti e agli armadi smembrati. Quegli uomini - il personale della scuola o anche gli insegnanti? - li hanno portati in braccio fino al cortile, verso i banchi, ma poi improvvisamente hanno allentato la presa e li hanno lasciati sprofondare giù, di proposito. Infatti se ne sono subito andati lasciandosi alle spalle il tonfo di qualcosa che rotola in fondo alle scale.

Così eccoli lì, i libri buttati, sulle scale della scuola media di Casal Bruciato che prima si chiamava di via Cortina e che poi ha cambiato nome in Piersanti Mattarella, omaggio al fratello ucciso del presidente della Repubblica, e dove questa settimana si dovevano trovare nuovi spazi, a tutti i costi, per lemergenza Covid. Dopo la scena di quelle persone che gettavano i libri è scoppiata la polemica, come era già successo nel più lussuoso liceo Caetani di viale Mazzini, nel quartiere Prati, dove però erano stati gli studenti - uno sconcerto per il preside - a disfarsi dei volumi durante loccupazione: qui, invece, la scuola si difende sostenendo che erano solo cose vecchissime, così sotto le foto pubblicate su Facebook da Annamaria Cesaretti, ex consigliera comunale di Sel che era presente, i commenti sono esterrefatti.

Ora la situazione non è più quella delle fotografie. Ieri mattina sulle scale non cera più nulla. La scuola è stata chiusa, liberata, ed è pronta ad accogliere - perché adesso, dicono i responsabili, cè posto - tutti gli alunni. Quindi, in qualche modo, lobiettivo è stato raggiunto. Invece nei giorni passati le grandi pulizie delle aule hanno restituito immagini davvero inaspettate. Giovedì infatti chi, passando lì fuori, ha visto, ha deciso di intervenire, di oltrepassare il cancello della scuola e chiedere cosa stesse succedendo: ma perché, hanno voluto sapere, li state trattando così? Gli è stato risposto che era per via dellemergenza coronavirus, che appunto serviva fare spazio e che loro, in quanto aiutanti, stavano solo eseguendo, spostando da una parte allaltra cose che erano già state catalogate: non buttare, preservare, non toccare. Passanti e genitori, increduli e sconcertati, hanno allora raccolto e salvato quei libri, portandoli via da quella scuola.

Col racconto dellepisodio su Facebook sono poi arrivate le reazioni. Una scuola che butta i libri per sanificazione Covid - ha scritto la Cesaretti -: non andò tutto bene e non imparammo niente da tre mesi di quarantena. E poi sotto tantissimi altri commenti e faccine arrabbiate: ma perché???, chissà quanti ne avevano già buttati, regalarli pareva brutto?, che scena terribile. Cè chi prova a mediare, obiettando che sul posto non cera sicuramente il personale insegnante, ma poi subito sotto si precisa che gli insegnanti stanno svuotando le aule: il personale di sua iniziativa non può di certo buttare niente. In effetti comunque anche la scuola, che non vorrebbe si creasse un caso attorno a una questione che dovrebbe essere - smorza la vicepreside - squisitamente pratica, ammette: Non si tratta di sanificazione, quella verrà dopo, ma di ottimizzazione degli spazi - spiega la vice Raffaella Cantone -. Quelli buttati erano tutti libri personali dei professori, cerano situazioni da accumulatori seriali, erano per lo più riviste e materiali di laboratorio, nulla a scopo didattico. Ma, simbolicamente, lidea di buttare dei libri? Ripeto, erano reperti di alcuni professori, non cè niente di simbolico.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news