LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Istanbul. Santa Sofia di nuovo moschea, strumento di potere per Erdogan
Sergio Romano
Corriere della Sera 19/7/2020

La basilica di Santa Sofia, a Istanbul, non era né cristiana né musulmana. Per le sue molte vicissitudini era diventata uno straordinario monumento alla spiritualità di tutti i popoli monoteisti. Luomo che ne ha bruscamente ridotto le funzioni a quelle di un semplice luogo di culto si chiama Recep Tayyp Erdogan ed è presidente della Repubblica turca . Qualche rapido cenno alla sua vita può aiutarci a meglio comprendere perché abbia fatto di Santa Sofia una semplice moschea. In anni giovanili ha giocato in una squadra di calcio, ma aveva ambizioni politiche e voleva diventare sindaco di Istanbul. Mentre cercava voti in quella parte della società turca che ha forti tradizioni religiose, non esitò, durante un comizio, a recitare i versi di un poeta ferocemente islamico: I minareti sono le nostre baionette, le cupole i nostri elmetti, le moschee le nostre caserme. La Turchia era ancora, in quegli anni, rigorosamente laica e kemalista (dal nome di Kemal Atatürk, il grande modernizzatore della Turchia fra le due guerre mondiali del secolo scorso) e il giovane Erdogan dovette, per incitazione alla violenza, fare qualche mese di prigione. Uscito dal carcere, tornò alla politica, attenuò le sue dichiarazioni pubbliche e riuscì a farsi eleggere. Amministrò Istanbul dal 1994 al 1998, ma una carica municipale, anche se in una straordinaria metropoli, non lo soddisfaceva e fondò un partito (Giustizia e Sviluppo) che, come altri della costellazione arabo-musulmana, era la versione islamica dei partiti popolari europei. Fece strada, divenne premier e dovette, come i suoi predecessori, affrontare il problema della minoranza curda (il 20% della popolazione). Sembrava disposto a una ragionevole convivenza, ma la luna di miele fu piuttosto breve ed Erdogan cominciò ad accusare i curdi di essere soltanto pedine terroriste nella mani di un partito che si batteva per lindipendenza della regione in cui sono maggioranza. Quando scoppiò in Siria la guerra civile, Erdogan intervenne contro i ribelli e contro lIsis a fianco della famiglia regnante degli Assad. Ma non passò molto tempo prima che usasse la guerra soprattutto per combattere i curdi (che hanno in Siria una forte comunità ) benché fossero i migliori alleati di Assad contro lIsis. Per qualche tempo Erdogan dovette convivere con una casta militare laica dispirazione kemalista che non approvava le sue simpatie islamiche; ma riuscì a sbarazzarsene per via giudiziaria con alcuni processi e, dopo essere divenuto presidente della Repubblica, dette ai generali il colpo di grazia denunciando un colpo di Stato di cui sarebbero stati responsabili con un suo vecchio amico, lImam Fetullah Gülen, noto in Turchia per le sue posizioni eversive. Gülen è esule negli Stati Uniti dove gli americani sembrano decisi a proteggerlo per il giorno in cui potrebbe riconquistare il potere. Vi fu un momento in cui Erdogan sembrò desiderare lingresso del suo Paese nellUnione Europa. È una prospettiva che diventerebbe meno irrealistica se la Turchia avesse un altro presidente.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news