LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Villa Ebe, tesoro inestimabile che va salvato dal degrado
Francesca Sabella
Il Riformista 14/7/2020

La ruspa affonda il suo braccio di metallo sul settecentesco villaggio Zaccaria e sbriciola secoli di storia. È successo a Giugliano, dove è stato demolito un antico casale. Al suo posto sorgerà un residence ultra-moderno con 48 appartamenti e una piscina. L’antico borgo era abbandonato da decenni e degli affreschi color porpora era rimasto poco e niente, erbacce e spazzatura la facevano da padrone. Però quei ruderi potevano offrire l’occasione di riqualificare un’intera areadilaniata da speculazioni di ogni tipo. Il Villaggio Zaccaria è solo una di quelle tante costruzioni di valore storico e architettonico che avrebbero meritato un destino diverso. In Campania, infatti, sono tantissimi i beni dal valore inestimabile che sono scivolati lungo un fiume di incuria e indifferenza. Il fascino degli “edifici fantasma rapisce” l’attenzione dei viaggiatori che si avventurano alla scoperta di luoghi abbandonati e sconosciuti. Capita poi che le loro foto, postate sui social, attirino l’attenzione di architetti e associazioni che si occupano di riqualificazione dei beni storici. È accaduto all’ideatore del portale web Derive Suburbane, Lorenzo Jedermann: «Inizialmente il nostro sito è nato per documentare i luoghi abbandonati della Campania, poi è diventato anche una forma di impegno e di denuncia. La speranza resta quella di dare nuova vita a questi luoghi meravigliosi ma ai quali nessuno pensa».

Il sito in questione spalanca le porte di un mondo misterioso e spettrale ma che “illumina” le mancanze di Comuni, Regione e Soprintendenze che troppo spesso hanno lasciato che cadessero nel dimenticatoio luoghi di rara bellezza e, spesso, dall’enorme valore storico, artistico e culturale. Tra gli “edifici fantasma” spicca Villa Ebe, voluta da Lamont Young nel 1922. La struttura, che dalle rampe di Pizzofalcone affaccia sul golfo di Napoli, ha una storia travagliata, quasi quanto le leggende che raccontano di fantasmi e maledizioni. Dopo aver rischiato di essere demolita per lasciare posto a un parcheggio multipiano, è stata vittima di un incendio che ha distrutto gran parte dei pregiati interni e oggi versa in una condizione di totale abbandono. Appartiene al Comune di Napoli dalla fine degli anni Novanta e, nonostante i numerosi progetti di recupero e riquilificazione che l’hanno riguardata, mai nulla di concreto è stato fatto. Così l’edificio, che dovrebbe rappresentare un patrimonio culturale, giace lì tra erbacce e cumuli di indifferenza.

Senza dimenticare l’albergo dei poveri per il quale, nel 1999, è stato varato un progetto di recupero che non risulta ancora completato. Spostandosi dal centro della città verso Mugnano, c’è un altro gioiello invisibile, classificato come edificio fantasma Villa Venusio. Nonostante sia ridotta quasi a un ridere conserva tutto il suo fascino. All’interno pavimenti di “riggiole”, storica mattonella colorata, volte alte e affrescate. Tutto nel degrado. La lista degli edifici storici abbandonati è lunghissima. L’ospedale della pace in via dei Tribunali, il manicomio di Aversa, il tabacchificio di epoca fascista a Battipaglia, sono solo alcuni dei luoghi dimenticati da chi dovrebbe, invece, valorizzarli. Servirebbero progetti, fondi e idee per non lasciar morire, tra le pareti, la storia e la meraviglia di cui quelle strutture sono testimoni e custodi.

https://www.ilriformista.it/villa-ebe-tesoro-inestimabile-che-va-salvato-dal-degrado-130581/


news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news