LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. La Sormani sarà (anche) museo. Il Ciclo di Orfeo può tornare a casa
Pierluigi Panza
Corriere della Sera - Milano 21/7/2020

La Giunta comunale ha approvato un piano di restyling della biblioteca Sormani per un totale di un milione e 125 mila euro. Tra le novità figura la realizzazione, negli spazi dellattuale sala audiovideo Philips, di una sala polivalente dove si terranno le attività svolte nella Sala del Grechetto e altre nuove funzioni. La Sala del Grechetto, invece, si trasformerà insieme allo scalone monumentale in spazio museale. È stato infatti deciso che le tele seicentesche del Ciclo di Orfeo rientreranno alla Biblioteca Sormani quando saranno terminati gli interventi di diagnostica e di restauro. Anche le altre tele legate al Ciclo di Orfeo, che si trovavano nella Sala Putti, verranno collocate nella Sala antistante quella del Grechetto in modo da inserirle nel percorso museale.

Sono contento e profondamente convinto che sia stata una scelta giusta decidere di proporre alla città una riflessione su questo capolavoro afferma lassessore Filippo Del Corno . Sono contento del dibattito che si è sviluppato e che ha avuto come esito la costituzione di una commissione che ha determinato che le tele ritornino doverano. La commissione costituita dai direttori Minoja, Salsi e Piraina, dalla direttrice del Poldi Pezzoli Annalisa Zanni e dalla direttrice del Polo Museale della Lombardia Emanuela Daffra, analizzando le varie soluzioni proposte sulleventuale ricollocazione delle tele ha verificato che nessuna delle proposte era tecnicamente percorribile, in considerazione sia delle dimensioni gigantesche, sia della necessità di conservare il ciclo in un luogo accessibile per il pubblico. Torneranno, dunque, alla Sormani ma allinterno di un generale piano di restyling e adeguando gli spazi alle necessità tecnologiche. Prematuro ipotizzare un eventuale incarico per un nuovo riallestimento: Prima dobbiamo attendere i risultati delle analisi diagnostiche e lesito del restauro conservativo: se il restauro preclude spostamenti andranno collocate allo stesso modo in cui erano. I lavori partiranno nel 2021 ma, come per molte opere di restauro, è bene non fissare a priori date di chiusura.

Quello che, una volta tanto, possiamo effettivamente definire dibattito senza preclusioni ideologiche (in genere sono finti dibattiti o votazione social di nessun credito) ha determinato che le tele del ciclo non vadano al Museo di Storia Naturale o altrove ma tornino doverano lultima volta. Questo ciclo, composto da 23 tele (occupano quasi 250 metri quadrati) commissionate da Alessandro Visconti per il proprio palazzo intorno al 1670, attribuito al fiammingo Livio Mehus e al polacco Pandolfo Reschi, fu trasferito a da Palazzo Visconti a Palazzo Sormani nel 1877 dalla proprietaria Carolina Verri Sormani. In quelloccasione il ciclo fu manomesso per adattarlo al nuovo ambiente, quello da allora chiamato Sala del Grechetto. Nel 2016 questa sala della Biblioteca comunale fu inserita tra le opere il cui restauro era finanziabile con lArt bonus (raccolti 133.135 euro; ora ripartirà unaltra fase dellArt Bonus). A quel punto il Comune aprì il dibattito anche su dove ricollocarle dopo il restauro, poiché nella sala del Grechetto della Sormani apparivano non sufficientemente valorizzate. Le tele furono così esposte nella mostra Il meraviglioso mondo della natura (Palazzo Reale, dal 13 marzo al 14 luglio 2019) curata da Giovanni Agosti e Jacopo Stoppa e allestita da Margherita Palli ove furono posizionate nelloriginaria disposizione che avevano a Palazzo Visconti, distrutto durante la Guerra. Durante il successivo dibattito lo storico Alessandro Morandotti ha pubblicato una sorta di contro-catalogo intitolato Una mostra, un trasloco (Scalpendi editore) manifesto per la ricollocazione delle tele alla biblioteca Sormani. Anche la studiosa Vittoria Orlandi Balzari aveva suggerito di ricollocarle alla Sormani aggiungendo una postazione internet con ricostruzione di come erano disposte a Palazzo Visconti. Venerdì scorso la decisione.

Attualmente, le tele sono al Padiglione 15 dellArea ex Ansaldo agganciate a griglie appositamente realizzate per consentire gli interventi di diagnostica da parte dei tecnici della Fondazione Centro per la Conservazione e il restauro dei beni culturali La Venaria Reale. Le fotografie ad altissima definizione, a luce radente e a raggi infrarossi permetteranno di farsi unidea sulla storia conservativa dei dipinti e realizzare una mappatura dettagliata dei vari interventi di restauro, discriminando tra del Sette/Ottocento e quelli più invasivi di inizio Novecento (la classifica dei restauri, però, è talvolta foriera di scelte discutibili). Il progetto conservativo sarà elaborato dai restauratori del Polo Museale della Lombardia. I tecnici del Dipartimento Abc del Politecnico, invece, svolgeranno indagini psicrometriche per registrare i dati ambientali delle sale che verranno musealizzate.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news