LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Il numero dei campi, la palazzina e laltezza delle nuove strutture
Marzio Fatucchi
Corriere Fiorentino - 24/7/2020

Nessun veto ma quella è unarea vincolata paesaggisticamente dal 1958: . È prassi normale che ci sia questo tavole e interventi di tale entità non sia brevissimo. La normale dialettica è stata interpretata come chiusura: no, e non ci sono veti. Lo ripete due volte, il soprintendente Andrea Pessina, che i suoi rilievi non sono uno stop. E poi precisa che quel comunicato di ieri lha fatto proprio per evitare errori di interpretazione. Ma ci sarà da interpretare molto, per capire davvero come potrebbe cambiare il progetto predisposto dallarchitetto Marco Casamonti per il centro sportivo della Fiorentina a Bagno a Ripoli, da rivedere in base alle osservazioni paesaggistiche.

Cè solo un elemento prescrittivo, un no secco: gli annessi agricoli presso la villa cinquecentesca vanno preservati (anche se sono di inizio 900), non abbattuti. Più complicati gli altri. Perché dire semplicemente che non si sono rispettate le altezze degli edifici dentro la gronda di quelli circostanti e che i nuovi corpi di fabbrica hanno una configurazione planivolumetrica non coerente con gli edifici circostanti e che modifica il contesto paesaggistico, non indica con precisione un numero di metri di altezza da rispettare o un numero di metri cubi da rispettare. E lì toccherà a Casamonti indicare come risolvere le contestazioni di Pessina e dei suoi tecnici al progetto.

Nei verbali della riunione si legge che oltre a queste contestazioni, la soprintendenza chiede un maggiore contenimento della superficie edificata e un minore impatto della dotazione di parcheggi. Forse è questa una delle invasioni di campo sollevate dalla Fiorentina, che sa che le superfici edificabili le decidono i Comuni, la Regione e a Firenze la Città metropolitana. Ed che ai quei 20 mila metri quadri di nuovi edifici hanno già detto sì. Sui parcheggi, inoltre, forse non è tanto la superficie ma il modo in cui saranno costruiti. Rappresentano una possibile impermiabilizzazione di suolo: ma si possono fare in modo diverso. Così come i mille alberi aggiuntivi previsti nel progetto devono avere una disposizione che si configuri come matrice progettuale. E lì, siamo allestetica. Mentre il numero dei campi di calcio è già sceso da 12 a 9. Si vedrà oggi, nellincontro con Regione, Città Metropolitana, Comune di Bagno a Ripoli presso la soprintendenza se si parlerà di altezze e metri quadri. Ma proprio agli altri enti è rivolto un messaggio da Pessina: Al tavolo non siamo gli unici a sedersi, ci sono anche le altre amministrazioni che si dovranno esprimere dice il soprintendente. Tutte, però, avevano espresso parere favorevole, compresi i dirigenti di Palazzo Sacrati Strozzi: Ma le prescrizioni della Regione scritte non sono arrivate spiega Pessina.

Formalmente, non ce ne sarebbe bisogno, perché cè già il sì della Conferenza di copianificazione. A cui non abbiamo partecipato puntualizza sempre il rappresentante del ministero dei Beni culturali a Firenze. E sulle volumetrie fa un altro ragionamento: sa perfettamente che non è competenza della soprintendenza, ma il piano paesaggistico di quellarea in alcuni casi credo sia stato svuotato di senso, perché poi comunque ci sono tavoli più politici in cui si va una direzione diversa rispetto a nostro avviso a quella delle prescrizioni del piano stesso. E secondo Pessina nonostante larea vergine usata sia solo il 5% di quei 25 ettari non è che ci siano alcuni elementi critici: è lentità generale di quanto viene chiesto in una zona vincolata dagli anni 50 e dove fra laltro nella stessa zona, a poche centinaia di metri, cè pure la tramvia 3.2 e il deposito dei tram Sirio. Eppure, Pessina ribadisce: Oggi vedremo come integrare, quanto più possibile, quanto richiesto dalla Fiorentina in un contesto di indubbio valore paesaggistico. E parla anche di alcune soluzioni: Si può intervenire sulle sagome, sugli edifici, ci sono parti che possono essere piani interrati: si può fare molto per fare un risultato molto diverso. Basta non ci si fermi sempre ad un pareggio.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news