LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Centro sportivo, si torna al tavolo. Scintille tra Commisso e Pessina
Ernesto Poesio, Marzio Fatucchi
Corriere Fiorentino - 29/7/2020

Ci vuole tutela, vanno trovate soluzioni migliori. Sarà il centro sportivo più bello dItalia e forse dEuropa ma se non ci saranno passi avanti nella riunione (oggi ndr ) sceglierò quali azioni intraprendere. Il centro sportivo della Fiorentina a Bagno a Ripoli fa vivere i tifosi (e gli interessati) su unaltalena di emozioni. Prima il rinvio del via libera per il progetto di Rocco Commisso a Bagno a Ripoli, a causa di nuove osservazioni da parte della sovrintendenza che hanno portato non poca amarezza al patron viola. Poi, il giorno successivo, frasi rassicuranti da tutti i soggetti (compreso il soprintendente Andrea Pessina e il Dg viola Joe Barone, va tutto bene). Ieri, un botta e risposta tra Pessina e Commisso.

Il primo ha voluto fare chiarezza sui motivi per cui ha chiesto approfondimenti, e conclude con una frase che sembrava, nonostante i nuovi paletti, di apertura: la soprintendenza deve puntare alla tutela del paesaggio, quale bene primario dinteresse pubblico, ma allo stesso tempo contribuire a raggiungere la migliore integrazione dellopera progettata con il delicato contesto paesaggistico. Commisso allora risponde e prima si lancia nellaugurio che lincontro tecnico di oggi a Bagno a Ripoli, con tutti gli enti interessati, sia produttivo e che tracci un percorso chiaro e netto per la costruzione di quello che non solo è il primo centro di proprietà della storia della Fiorentina. Poi però conclude con quello che in tanti, non solo tra i tifosi, leggono come un ultimatum: Se non vi saranno passi avanti per la Fiorentina in questa riunione, diramerò un altro comunicato alla Famiglia Viola dichiarando quali saranno le azioni che intraprenderò non solo a riguardo del Centro Sportivo ma anche in merito alla realizzazione di un possibile stadio a Campo di Marte.

Insomma il tono appare perentorio anche se dalla Fiorentina si sottolinea come il comunicato sia teso esclusivamente a portare avanti il progetto nel più breve tempo possibile. Anzi il club ribadisce come Bagno a Ripoli sia stata scelta proprio per la sua bellezza, anche se quel luogo era in stato abbandono da anni come ricorda Rocco nel suo comunicato.

Ma lirritazione resta. In casa viola ci si chiede perché dopo mesi di lavoro e dopo aver già incassato tutti i permessi, il 20 luglio la soprintendenza sia uscita con osservazioni che tornano a rendere incerto il progetto. Una sorta di invasione di campo (per esempio quando la soprintendenza interviene sul numero dei campi e sulle nuove fabbricazioni) su questioni che invece spettano a Comune e Regione (e che sono state già definite in una conferenza di copianificazione). Il messaggio viola insomma è chiaro: diteci una volta per tutte cosa possiamo fare, subito.

Lincontro di oggi dunque dovrà cercare di trovate una mediazione tra il fast, fast, fast di Commisso sul modello americano e gli iter obbligatori (con molti interlocutori) previsti dalle legge italiane. È normale dialettica tra istituzioni, aveva detto Pessina il primo giorno. E lo aveva ripetuto anche larchitetto e progettista del centro sportivo, Marco Casamonti al proprio staff. Proprio ciò a cui il grande cerimoniere del tavolo di oggi, il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini, cercherà di riportare la discussione: Cè la volontà spiega da tutte le parti di portare in fondo il progetto. E il Comune di Bagno a Ripoli ha grande disponibilità a sistemarlo, perché per primo vuole tutelare il territorio: il paesaggio è la prima ricchezza di Bagno a Ripoli, come per la Fiorentina che ha scelto per questo motivo il nostro territorio. Ci vorrà un mesetto di lavoro, ci vorranno più riunioni ma troveremo una strada comune. Quindi nessuno si aspetti decisioni draconiane oggi: Oggi non si decide nulla, i tecnici confrontano le osservazioni e le possibili soluzioni e si avvia il lavoro spiega lo stesso Pessina. È il lavoro preparatorio per il vero appuntamento, la prossima Conferenza paesaggistica, in cui arriveranno le controproposte e tutti daranno o meno il proprio assenso. O ci saranno altre osservazioni?



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news