LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Chiara Ferragni agli Uffizi per avvicinare i giovani: il rischio è di perdere la propria identità
Manlio Lilli
Il Fatto Quotidiano 21/7/2020

“Le stories di Chiara Ferragni sugli Uffizi hanno avuto 550mila apprezzamenti in poche ore, per lo più da persone che per la prima volta stabilivano una relazione emozionale col nostro patrimonio. E sotto il nostro post, nell’arco di 24 ore, abbiamo avuto 2mila critiche, ma anche 30mila like: se fosse una partita di calcio, sarebbe finita con un 15 a 1”.

E’ innegabile. Eike Schmidt, il Direttore degli Uffizi, è un giovanilista. Dopo l’apertura di un account su TikTok, ecco Chiara Ferragni, immortalata davanti alla Nascita di Venere di Botticelli in uno scatto condiviso sui social del museo.

“Noi abbiamo una visione democratica del museo: le nostre collezioni appartengono a tutti, non solo a un’autoproclamata élite culturale, ma soprattutto alle giovani generazioni. Anche perché, se i giovani non stabiliscono oggi una relazione col patrimonio culturale, è improbabile che in futuro, quando saranno loro i nuovi amministratori, vorranno investire in cultura. Per questo è importante usare il loro linguaggio, intercettare la loro ironia e il loro potenziale creativo”.

Nell’intervista a La Repubblica il Direttore spiega la sua idea di museo. Legittimamente. Perché guida uno dei luoghi della cultura più importanti del Paese. Finora con risultati più che lusinghieri, per quel che riguarda gli ingressi. La convinzione di Schmidt è che un’influencer internazionale di fronte ad una tela-simbolo possa veicolare l’interesse dei giovani. Allo stesso modo di Sfera Ebbasta, che nel 2019, nel video ufficiale di Calipso, cantata insieme a Fabri Fibra e Mahmood, appare sulla terrazza panoramica del Castello di Baia, nel quale ha sede il Museo archeologico dei Campi Flegrei.

Medesime motivazioni per la scelta della Direzione del Museo Egizio di Torino di concedere la Galleria dei Re per la clip di Dorado, il nuovo brano di Mahmood, con la collaborazione di Feid e Sfera Ebbasta. Anche Calipso ha avuto un grande successo. Così come lo sta avendo Dorado.

Insomma se il traguardo per le prestigiose sedi espositive erano i like e le visualizzazioni, c’è da essere più che soddisfatti. Tanto più che la gran parte di quegli apprezzamenti virtuali è di giovani e giovanissimi. Quelle fasce di cittadini del futuro, anche recente, che molti direttori di luoghi della cultura vogliono attrarre. Usando il loro linguaggio, intercettando la loro ironia e il loro potenziale creativo, sostiene Schmidt.

Il dubbio però che queste operazioni non siano così utili viene. S’insinua, tra le parole dei testi di Sfera Ebbasta e Mahmood e la posa della Ferragni. Già, perché è tutt’altro che consequenziale pensare che vedere sullo sfondo il capolavoro di Botticelli, oppure il Castello di Baia e la sala al piano terra del Museo Egizio equivalga ad interessarsene, in qualche modo. A voler andarci. Il dubbio che poco o niente interessi alla gran parte di quei giovani che invece si vorrebbero attrarre, dei capolavori degli Uffizi e di quelli dell’Egizio oppure dell’Archeologico, esiste. E’ reale.

Non è snobismo culturale provocato dall’appartenza ad una “autoproclamata èlite”. E’ piuttosto semplice osservazione. Non è un’avversione ideologica, suggerita da un’idea antidemocratica del Museo. E’ una considerazione ispirata dalla volontà che ogni luogo della cultura possa realmente essere aperto e inclusivo. Che possa attrarre piuttosto che respingere. Ma per questo non servono aperitivi e lezioni di yoga al Museo, né sfilate di moda in Accademia.

E neppure la vendita di mozzarelle e le cene di gala all’interno di aree archeologiche. Perché le contaminazioni sono necessarie, a differenza degli stravolgimenti. Si tratta di rispetto dei ruoli. Di riguardo dei luoghi. Di considerazione della loro originaria funzione. Gli allestimenti museali non possono essere quelli ottocenteschi, con le vetrine in legno e le “targhette” con didascalie ormai illeggibili.

I pannelli illustrativi delle aree archeologiche, quando ci sono, adottano criteri che nella loro difformità dovrebbero assicurane la leggibilità. L’adeguamento alle mutate esigenze è un obbligo. Prima di tutto per assolvere alla propria funzione. Che, in ogni caso, deve continuare a definire un luogo piuttosto che un altro. Una palestra non potrà mai essere un ristorante, anche se verranno sistemati dei tavoli e serviti dei cibi. Un campo di calcio, mai una pista per l’atletica, anche se ci si correrà durante il riscaldamento pre-partita.

Alla stessa maniera un Museo non può che essere un’istituzione che offre alla vista frammenti di età differenti. In ogni caso funzionali alla conoscenza. Non diversamente da una area archeologica. Anche se sarebbe utile che ogni luogo della cultura offrisse dei servizi diversificati all’utenza.

Pensare che Musei, aree archeologiche e palazzi storici possano incrementare il loro appeal, soprattutto sui giovani, ricorrendo ad attori, cantanti e influencer, è un’operazione a perdere. Il più delle volte uno spot esclusivamente per la celebrità di turno. Un buon professore riesce a rendere attrattive le sue lezioni anche senza invitare un calciatore famoso oppure ricorrere ai social. Diventando protagonista nei fatti. Non si capisce perché un direttore non possa calamitare interesse sul suo Museo o area archeologica semplicemente presentandolo. Offrendolo alla fruizione. Magari facendo un passo indietro, almeno ogni tanto.

I giovani vanno intercettati, è evidente. Ma senza perdere la propria identità. Qualcuno direbbe: il proprio ruolo. Altrimenti varrebbe la pena che si selezionassero i direttori osservando la loro capacità di preparare cocktail. Che a molti giovani piacciono, si sa. Possibile che non sia possibile attrarre senza stravolgere?

https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/07/21/chiara-ferragni-agli-uffizi-per-avvicinare-i-giovani-il-rischio-e-di-perdere-la-propria-identita/5874879/


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news