LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ustica, scoperto relitto romano in profondità. Ora, oltre i buoni propositi, servirebbero soldi
Manlio Lilli
Il Fatto Quotidiano 12/7/2020

“Prenderemo un’anfora per esaminarla, per il relitto vedremo se sarà il caso di recuperarlo”, ha spiegato la Soprintendente Valeria Li Vigni commentando una recentissima scoperta, tutt’altro che trascurabile. Quella dei resti di una imbarcazione, con un carico di anfore datate tra il II e il I secolo a. C., a circa 70 metri di profondità, nello specchio di mare antistante Ustica, nel palermitano. Un ritrovamento avvenuto durante un’operazione di monitoraggio e rimessa in ordine dell’itinerario subacqueo, eseguita dalla Soprintendenza del Mare con il supporto tecnico-logistico della Guardia di Finanza.

Naturalmente il felice evento ha fornito l’occasione all’assessore dei Beni culturali e dell’identità siciliana, Alberto Samonà, per ricordare la figura del suo predecessore, Sebastiano Tusa e per confermare quanto le ricerche archeologiche in mare costituiscano “un investimento in termini di capacità di generare valore, attraverso il potenziamento di un segmento dell’offerta culturale connessa al patrimonio storico-archeologico sottomarino, in linea con i principi dettati dalla Convenzione Unesco sulla fruizione del patrimonio culturale”.

Quanto questa dichiarazione sia innervata oltre che di buoni propositi anche di adeguati finanziamenti lo evidenzieranno le future iniziative. Ma intanto rimane la scoperta, supportata dai dati scientifici che sarà possibile desumere dallo studio del relitto e del suo carico.

Intanto c’è una nuova testimonianza dei traffici commerciali in un’area che continua a regalare sorprese. Una testimonianza che, come prudentemente ha sottolineato la Soprintendente Li Vigni, potrebbe essere lasciata in loco. Sul fondo del mare. Naturalmente con tutte le accortezze possibili. Perché il recupero sarebbe oneroso, ma molto meno dei necessari restauri.

Senza contare che una volta concluse queste operazioni bisognerebbe trovare anche una sede idonea all’esposizione. Dal momento che sarebbe davvero delittuoso, alla fine di tutto, non offrire al pubblico la vista del relitto. La fruizione non può che costituire l’esito finale di ogni scoperta. Altrimenti è tutto un po’ inutile. Scoprire, studiare e arrivare a dei risultati, il più delle volte tutt’altro che definitivi.


La circostanza che il rinvenimento abbia avuto vasta eco non solo su tanti quotidiani, ma anche su diverse agenzie di stampa autorizzerebbe a pensare che la stessa attenzione verrà data anche alle fasi successive. Invece è più che probabile che la considerazione svanirà. Che quel che accadrà da ora in poi interesserà solo gli attori della vicenda. Dimostrando che quasi sempre l’interesse mediatico per le questioni archeologiche s’accende e si spegne al momento della scoperta.

Seguire le vicende nelle loro diverse fasi sarebbe un bel segnale. Per chi legge, certo. Ma anche per chi ne prova a scrivere.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/07/12/ustica-scoperto-relitto-romano-in-profondita-ora-oltre-i-buoni-propositi-servirebbero-soldi/5864993/


news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news