LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Padova. Basso Isonzo: salvato il parco (per ora) dalla cementificazione
Davide D’Attino
Corriere del Veneto, Padova e Rovigo - 2/8/2020

Sembra un controsenso. Ma è davvero così. È infatti grazie al cosiddetto «Decreto Semplificazioni» che la giunta cittadina è riuscita a posticipare di quasi due anni l’eventuale inizio dei lavori per la realizzazione di una sessantina di villette bifamiliari all’interno del parco del Basso Isonzo, nella zona a due passi dall’aeroporto Allegri, tra il quartiere della Sacra Famiglia e l’argine del Bacchiglione.

Pare un controsenso, dicevamo. Se non altro perché il decreto in questione, entrato in vigore il 17 luglio scorso, sarebbe appunto volto a semplificare le procedure burocratiche relative proprio agli interventi edilizi. Eppure, tra i 65 articoli che compongono il provvedimento emanato dal governo, gli uffici del Comune (opportunamente stimolati dal sindaco Sergio Giordani, dal neo assessore all’Urbanistica, Andrea Ragona, e dal neo delegato all’Edilizia Privata, Antonio Bressa) hanno come detto individuato un particolare aspetto normativo per rinviare fino ad aprile del 2022 la possibile apertura del cantiere.

Una «scoperta», quella appena riassunta, che farà senz’altro felici i vari comitati cittadini che, col supporto di Legambiente e soprattutto di Coalizione Civica (la seconda forza politica della maggioranza al governo di Palazzo Moroni), da tempo si battono contro la «cementificazione» del parco. Ma la proroga decisa dal Comune, paradossalmente, non dovrebbe scontentare nemmeno l’istituto di riposo per anziani (Ira) di piazza Mazzini, proprietario dell’area di circa 36 mila metri quadri in cui, entro il 12 settembre (pena la scadenza del permesso di costruire), avrebbero dovuto prendere il via i lavori. Negli ultimi quattro anni, infatti, l’ente presieduto da Fabio Incastrini ha tentato invano per tre volte di vendere all’asta il terreno, frutto di un lascito testamentario risalente al 1930. Ma adesso, non avendo appunto trovato alcun acquirente (nonostante la valutazione dell’area sia rapidamente scesa da 8,7 a 3,4 milioni di euro), non dovrebbe disdegnare l’opportunità di procedere con una trattativa privata nell’arco dei prossimi due anni. Anni durante i quali, par di capire, la giunta di Palazzo Moroni dovrebbe adoperarsi per provare a trasferire in un’altra zona del capoluogo i circa 30 mila metri cubi previsti all’interno del Basso Isonzo.

«Sono sempre attento alle richieste dei cittadini. Ma sono sempre altrettanto attento - commenta il sindaco - a non vendere promesse facili che traggono in inganno le persone. E proprio per questo, con gli assessori Ragona e Bressa, abbiamo studiato le carte, ci siamo confrontati con Ira e siamo arrivati a questa soluzione di buonsenso: da un lato tutela gli interessi del proprietario del terreno, dall’altra ci darà il tempo per valutare ipotesi diverse. Come la maggior parte dei padovani, anch’io amo l’ambiente e, in questo senso, preferisco far parlare i fatti, garantendo tutto il mio impegno per evitare l’intervento edilizio nel parco».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news