LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Quel mio quadro in cucina portato via dai nazisti
Maurizio Francesconi, Alessandro Martini
Corriere della Sera - Torino 6/8/2020

Quando lo vidi per la prima volta nella nostra sala da pranzo di Vienna, alletà di quasi 10 anni, la sua bellezza mi incantò, era lopera darte più bella che avessi mai visto. Così Grete Heinz, una delle eredi del proprietario della Madonna col Bambino, san Giovannino e due angeli (1480-1485) di Jacopo del Sellaio, ricorda il dipinto che tanto sta facendo discutere. Il quadro rinascimentale, che oggi si può ammirare nella Collezione Cerruti di Rivoli, ha dietro di sé una storia tormentata perché è una tra le molte opere trafugate dai nazisti. Dopo una serie di passaggi di proprietà il quadro fu acquisito nel 1987 dal collezionista Francesco Federico Cerruti, ignaro della storia del dipinto. Oggi, grazie al Castello di Rivoli (che gestisce la collezione di Cerruti) e alla Fondazione Cerruti, gli eredi sono stati risarciti e hanno deciso di lasciarlo a unistituzione di tale prestigio.

Partiamo dal principio. Qual è la relazione tra il dipinto e la sua famiglia?

Il dipinto faceva parte della collezione di Gustav Arens, mio nonno materno. Fu lultimo dipinto che acquistò nel 1936, poco prima della sua morte, alla Galerie Sanct Lucas di Vienna come opera di Raffaellino del Garbo. La sua collezione comprendeva 134 opere, tra cui numerosi quadri fiamminghi e olandesi (Ruisdael, Lukas Cranach, Pieter Claesz, Jan de Heem, Van Goyen e Cuyp) e italiani (anche Tintoretto, Jacopo Palma, Francesco Guardi). Il dipinto, a quel punto riattribuito a Jacopo del Sellaio, fu trasferito dopo la sua morte nellappartamento dei miei genitori insieme ad altre opere, e rimase esposto nella sala da pranzo fino a quando fummo costretti a lasciare lAustria a causa dellespulsione da parte del governo austriaco-tedesco.

Quando accadde?

Mio padre, Friedrich Unger, nellaprile del 1938 fu arrestato come aderente al precedente governo austriaco e come comunista, anche se non era politicamente attivo, e rimase incarcerato per due mesi. Venne liberato dalla Gestapo in cambio delle azioni di una società tessile e tutti i beni detenuti dai miei genitori in Austria furono espropriati, inclusa leredità di mio nonno. Fummo espulsi definitivamente dallAustria mentre volavamo a Zurigo, il punto di partenza della nostra emigrazione. Dalla Svizzera mio padre pagò un riscatto di 100 mila franchi svizzeri per poter trasportare a Parigi il contenuto del nostro appartamento tra cui i quadri. Tra questi cerano lopera del Sellaio e un Tintoretto, insieme ad alcuni dipinti italiani barocchi e a un gran numero di olandesi del XVII secolo.

Quando arrivaste a Parigi cosa successe?

Ci trasferimmo a Parigi allinizio di luglio del 1938. Il contenuto del nostro appartamento arrivò a settembre ma fu trattenuto in un deposito doganale perché non avevamo un permesso di soggiorno permanente in Francia. Nellaprile del 1939 emigrammo negli Stati Uniti e i miei genitori cercarono di trasferire i dipinti, ma ciò non fu possibile a causa delle regole sulle esportazioni del governo di Vichy, che però riscosse le tasse di deposito per anni. Con lentrata in guerra degli Stati Uniti non si poté fare più nulla. Rimanemmo prima a New York e poi ci trasferimmo a Berkeley, in California, dove mia sorella completò i suoi studi e io ottenni il mio dottorato di ricerca. Facemmo un resoconto completo al Dipartimento di Stato americano sulle opere darte perdute e molte furono recuperate dallesercito in Austria e Baviera, alcuni nelle miniere di sale, nelle ultime fasi della guerra e dopo la sua fine. Alcune opere furono rispedite in Francia, identificate da mio padre nel 1946, e solo in quel momento capì che tutti i nostri averi, compresa la ricca biblioteca, erano stati saccheggiati dalla SS Einsatzstab Rosenberg. Lultima opera fu restituita nel 1954, poco prima della morte di mio padre, e tutti i dipinti rimasero esposti nella casa dei miei genitori fino alla morte di mia madre, nel 1994.

E per quanto riguarda lopera di Jacopo del Sellaio?

Né il Sellaio né il Tintoretto furono restituiti, cera qualche indicazione che la cassa contenente questi due dipinti molto grandi fosse stata separata dal resto e che avesse avuto un destino diverso dalle altre opere. Gli sforzi proseguirono con laiuto dellInterpol fino agli anni Sessanta. Il governo francese li inserì nella lista ufficiale delle opere darte rubate dai nazisti in Francia e mia madre ricevette un piccolo risarcimento dal governo tedesco a metà degli anni 60, ma poi non ebbe più notizie. Nel 1999 Connie Lowenthal, del Lost Art Registry, larchivio delle opere darte scomparse, scoprì che lopera di Jacopo del Sellaio era stata battuta allasta da Christies a Londra nel 1985 (dopo essere apparsa già nel 1974 alla Galerie Fischer di Lucerna, ndr). Non fui in grado di ottenere da Christies informazioni sullantiquario fiorentino che se lera aggiudicato, sapevo solo che il dipinto era stato nuovamente venduto a un uomo daffari italiano (Francesco Federico Cerruti, ndr). Lì ci bloccammo e rinunciammo alla ricerca, poiché capimmo che per la legge italiana non avevamo alcun diritto legale. Solo nellottobre del 2018 siamo stati informati dallHCPO di New York (Holocaust Claims Processing Office, Ufficio Reclami dellOlocausto, ndr) che erano stati contattati dalla Fondazione Cerruti in merito allopera rubata. Nel luglio del 2020 abbiamo raggiunto un accordo di risarcimento con la Fondazione, compresa la fornitura di stampe di alta qualità del dipinto per tutti noi eredi Unger.

Avete ricevuto le stampe?

Sono arrivate due mesi fa. È stato un momento memorabile. Senza il Covid19 sarei già in viaggio verso Torino per poterlo ammirare dal vivo.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news