LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. «Nazionale inaccessibile». Professori e ricercatori pronti a scendere in piazza
Edoardo Semmola
Corriere Fiorentino - 8/8/2020

Che la Biblioteca Nazionale rimanga chiusa per due settimane d’agosto, è consuetudine. Ma in questa estate vdiversa — proprio a causa del lockdown — il direttore Luca Bellingeri aveva vagliato l’ipotesi di tenerla aperta, sollecitato dai tanti docenti che la frequentano. Purtroppo i lavori al sito internet e al nuovo software interno non lo hanno permesso. Riaprirà il 14. Chi ci passa davanti in questi giorni vedrà la porta aperta ma non s’inganni: serve solo per chi deve restituire libri già presi in prestito. Il servizio vero e proprio riaprirà il 17 agosto e per gli orari «normali» dovremo aspettare il 31.

Dopo la pandemia la principale biblioteca italiana è stata la realtà culturale che con più fatica e meno risorse ha provato a rialzarsi. E a niente sono valse proteste, lettere e petizioni inviate da un gruppo attivo di docenti al ministro Franceschini e alla direzione biblioteche del Collegio Romano. Adriano Prosperi, storico tra i più importanti in Italia, professore emerito della Normale di Pisa, è sempre stato un assiduo frequentatore di piazza de’ Cavalleggeri. Su e giù in treno da Pisa a Firenze. Non è più riuscito a entrare in biblioteca «da prima della pandemia». Perché «le difficoltà sono tali che superano le energie di un ottantunenne». Da quando si avvia la procedura per il prestito e il libro risulta «disponibile» occorre aspettare circa due settimane. Che diventano tre o quattro per accedere a una delle due sole sale lettura rimaste. «Il caso della Nazionale è clamoroso ma non è isolato — spiega Prosperi — Sapere che ogni libro che prendo in prestito deve andare in quarantena per una settimana, rende tutto più farraginoso. Perché se vado alla Feltrinelli non succede? Perché nei negozi puoi toccare e provare vestiti e cappelli e nessuno li mette in quarantena?». In Nazionale il «telelavoro» pare non aver dato i risultati sperati. «Invece alla biblioteca della Normale ha funzionato — prosegue — Ma in Nazionale c’è un patrimonio che nessun altro in Italia ha. Ed è da sempre il punto di incontro per gli studiosi da tutto il mondo, un luogo prezioso quanto gli Uffizi. Ma se guardiamo che due anni fa la Nazionale contava 149 dipendenti, che nel 2002 erano 280 e nel 1997 addirittura 400, ci rendiamo conto di quale sia la portata del problema».

Per il mondo dei docenti le conseguenze sono «mortifere». «Non possiamo più dare tesi di ricerca — prosegue Prosperi — i miei colleghi storici sono stati messi in quarantena anche loro e ci stupiamo se i docenti stranieri ci dicono che è meglio andare a studiare in Finlandia perché qui è tempo perso?». L’Associazione dei lettori della Nazionale minaccia di scendere in piazza e «incatenarsi», se la situazione a settembre non sarà migliorata. E «possono contare anche su di me e sui figli di coloro che nel ‘66 andarono a salvare i libri dall’Alluvione».

Non si incatenerebbe anche se sta vivendo i medesimi problemi con le tesi, il docente di letteratura Claudio Giunta. Fiorentino, insegna a Trento, l’ultima volta che si è affacciato alla Nazionale era metà luglio e «ho preso due libri in prestito perché era inutile sedersi, ma me ne servivano dieci». «La prudenza di fronte al virus è necessaria — premette — ma se la biblioteca universitaria di Trento è aperta significa che è possibile farlo anche in presenza delle normative anti Covid. Forse si è ecceduto nella prudenza». Per Giunta la priorità è «far tornare in funzione lo scaffale aperto: senza quello non c’è biblioteca. E siccome lo spazio è grande credo si possa trovare il modo di gestirlo meglio, in sicurezza».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news