LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nella bolla dazoto per eliminare i parassiti: in restauro, nel Seminario di Venezia, i globi di Coronelli
Marco Zane
Gente Veneta - 12/8/2020

È iniziato poco più di un mese fa, il 7 luglio, il restauro dei due globi (uno terrestre e uno astronomico), opera del famoso cartografo veneziano Vincenzo Maria Coronelli e custoditi presso la biblioteca monumentale del Seminario Patriarcale di Venezia.

Un restauro che si è reso possibile grazie al contributo della fondazione Venetian Heritage, che ha finanziato interamente i costi. Gli interventi saranno condotti dalla restauratrice Sara Gottoli.
I globi sono giunti in Seminario nel XIX secolo per opera di padre Moschin, un religioso somasco e mecenate delle arti, che rese la comunità del Seminario un vero e proprio scrigno, ricco di molte opere darte e molti libri antichi che correvano il rischio di essere dispersi nel mercato antiquario.

Il cartografo: un frate veneziano che lavorò per il re di Francia. Lautore dei mappamondi vale la pena di essere conosciuto. Vincenzo Maria Coronelli nacque a Venezia da modeste origini, il 16 agosto del 1650. Divenne francescano conventuale, e fu anche eletto ministro generale dellordine. Studiò a Roma al collegio di San Bonaventura. Divenne un apprezzato cartografo e girò il mondo realizzando mappamondi. Le sue opere, richiestissime, spesso avevano committenti illustri: per il cardinale César dEstrées costruì due globi da donare a Luigi XIV. E si trattava di globi monumentali, di 15 piedi di diametro (4,87 metri).

Coronelli fondò a Venezia lAccademia cosmografica degli Argonauti nel 1684: è stata la prima società geografica al mondo, segno evidente della competenza e della capacità di innovazione dello studioso e della Serenissima. Vincenzo Maria Coronelli è stato anche il cartografo ufficiale della Repubblica e limperatore dAustria lo invitò per un anno a dirigere la riorganizzazione idrogeologica del Danubio. È stato anche il primo enciclopedista. Morì nel 1718.

I mappamondi del Seminario hanno più di tre secoli. I globi del Seminario sono giunti in Punta della Salute dal convento dei Carmelitani Scalzi nel corso del XIX secolo ed in origine erano stati dedicati al Doge Francesco Morosini: da questa dedica è possibile datarli agli ultimi anni del 600.

Attualmente si trovano in una bolla di azoto: inseriti in grandi camere daria di plastica, completamente sigillate, sono stati collegati ad una macchina che eroga allinterno dellazoto gassoso, con lobiettivo di uccidere tutti i parassiti che minano lintegrità delle due opere. Da settembre, terminata la sanificazione, inizieranno i veri interventi di restauro dei globi, per una durata di circa un anno.

https://www.genteveneta.it/cultura/nella-bolla-dazoto-per-eliminare-i-parassiti-in-restauro-nel-seminario-di-venezia-i-globi-di-coronelli


news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news