LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lodi. Il MiBACT dà l'ok alla realizzazione del Parco Archeologico di Laus Pompeia
Finestre sull'arte, 14/08/2020

Un nuovo Parco Archeologico nascerà nel mezzo della Pianura Padana: è il Parco Archeologico di Laus Pompeia. Dal MiBACT lok per il completamento.
Un nuovo parco archeologico sta per nascere nel mezzo della Pianura Padana. È il nuovo Parco Archeologico di Laus Pompeia che, grazie allo stanziamento di 1,1 milioni di euro da parte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo nellambito del piano strategico Grandi Progetti Beni Culturali, sorgerà nel comune di Lodi Vecchio, in provincia di Lodi. Larea interessata, si apprende dal MiBACT, è di circa 16.000 metri quadri: qui si trovano già gli scavi archeologici della Basilica e il Museo Archeologico di Laus Pompeia. Lobiettivo adesso è quello di completare il Parco Archeologico.

In particolare, i fondi garantiti dal MiBACT consentiranno, intanto, di recuperare una casa colonica abbandonata che diventerà parte del museo: qui saranno ospitati i servizi, una terrazza, un piano polifunzionale che probabilmente sarà dedicato a mostre, eventi o laboratori. Inoltre, le risorse stanziate dal ministero serviranno per avviare una nuova campagna di scavo che ha lo scopo di riportare alla luce le terme romane di Laus Pompeia.

La storia di Laus Pompeia è antichissima: il fiorente municipium romano che si trova a poca distanza dallodierna Lodi a sua volta aveva origini celtiche. La città sopravvisse anche dopo la caduta dellImpero Romano, ma fu devastata nel XII secolo, prima dai milanesi, e poi nel 1158 dallesercito di Federico Barbarossa che rase al suolo la città costringendo gli abitanti a spostarsi più a est e a fondare quella che sarebbe diventata lattuale Lodi, mentre Laus Pompeia, ormai ridotta a un cumulo di macerie che servirono come materiale da costruzione per la nuova Lodi, divenne nota come Lauda Vetus, ovvero Lodi Vecchio. I resti di Laus Pompeia riemersero a partire dagli anni Cinquanta attraverso alcune campagne di scavo: nel 2007 furono aperti gli scavi e nel 2014 fu la volta dellattuale museo, che ha sede in un complesso rurale edificato nel Settecento e dalle cui finestre si possono vedere lantico foro della città romana e i resti della cattedrale, e che mostra al pubblico i più significativi reperti emersi dalle campagne, raccontando la storia della città antica.

Dunque, grazie al finanziamento del ministero, la storia di Laus Pompeia adesso si arricchisce di un nuovo capitolo: la trasformazione di scavi e museo in un Parco Archeologico che avrà pertanto un percorso unitario e che potrà mostrare al pubblico testimonianze finora nascoste dellillustre passato della città.

https://www.finestresullarte.info/musei/nasce-parco-archeologico-di-laus-pompeia-a-lodi-vecchio


news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news